Educare i figli: la primissima età

Educare i figli: la primissima età

E’ possibile educare un bimbo sin dai primi mesi di vita? Rispondo di sì. All’inizio il piccolo sembra partecipe solo della vita vegetativa, sicchè le reazioni sono rappresentate dal pianto quando ha fame, ha sete, si sente bagnato o elementi esterni disturbano la sua tranquillità.

Educare i figli: la primissima età

Educare i figli: la primissima età

 

Come educare i figli nella primissima età quando sono neonati e sembrano essere indifesi?

Ma subito più avanti si palesa la formazione del carattere; piangerà anche per essere coccolato, per essere tolto dalla culla e dondolato dalle braccia materne, insomma sempre quando gli fa più comodo.

E siate certi che il neonato riconosce bene le persone sulle quali può fare affidamento : preferisce la zietta docile alla tata meno compiacente, protende le braccia al fedele Bobi perchè rappresenta per lui un grosso giocattolo sempre disponibile, insomma sa valorizzare e sfruttare quel piccolo mondo che gli sta attorno e che è alla fine,ai suoi ordini.

Diciamo dunque che non si deve giustificare ( care mamme, è proprio a voi che parlo…) con l’affermazione: ”  così piccolo non può capire”.

E’ piccolo , verissimo , ma capisce tutto e come!!

Educare i figli: la primissima età

La vita del bambino nei primi tempi si deve svolgere nel suo letto: la mamma lo leverà solo per alimentarlo, per fargli il bagno, per rinnovare spesso la biancheria.

Poi a riposo ancora.

Non è un balocco, il bimbo, non deve rappresentare il divertimento dei parenti ed amici in visita.

Quando siete perfettamente tranquille sulle sue condizioni, quando ha mangiato, è stato pulito, è in tutti i sensi a posto, non lasciatevi commuovere dalle lacrime, nè preoccuparvi degli strilli.

Si calmerà da solo e “capirà”– ripeto ..capirà— che è inutile piangere e strillare , perchè nessuno interviene in suo soccorso.

Educare i figli: la primissima età, la mia esperienza

Mio figlio non amava molto stare tra le braccia ma voleva sempre stare in compagnia o seguirmi con gli occhi. Allora lo poggiavo nel passeggino e lo portavo con me nelle stanze mentre le riassettavo, così si calmava ed era tranquillo fino al prossimo cambio di pannolini, pappa ecc.

Educare i figli: la primissima età

 

E voi come li avete educati i vostri figli in primissima età?

 

#lifestyle #educareifigli #vitadamamma

 

 

8 thoughts on “Educare i figli: la primissima età

  1. Si per alcune cose concordo altre invece no… l’unico modo di comunicare per i bambini è l pianto…con il pianto comunicano solitudine, paura, mal di pancia, sonno… il fatto che sia pulito e nutrito non vuol dire che non abbia altre necessità come quella di voler sentire l’odore della madre magari… i capricci poi si sa non vanno assecondati 🙂

     
  2. si vero su molte cose concordo con te mia figlia ad asempio quando era piccola con il rumore della scopa elettrica che passavo in casa si addormentava

     
  3. per quello che mi riguarda la mia bambina non ha mai pianto se non in casi rarissimi. il rapporto tra me e lei è sempre stato speciale, c’era empatia pura dal primo momento in cui l’ho tenuta in braccia e ancora oggi è così. L’importante è lasciarsi guidare dall’istinto, che spesso ci indica la soluzione giusta senza aver bisogno di manuali o consigli bla bla

     
  4. quante cose utili in questo post, la mia invece vuole sempre stare in braccio e mi segue ovunque

     
  5. E’ giustissimo cominciare ad educare i bambini sin dai primi mesi di età ma non sono d’accordo sul fatto chela vita di un neonato debba svolgersi quasi esclusivamente nell’ambito del suo letto.

     
  6. io non ho avuto grandi problemi con la mia piccola anzi lei amava stare nel box e giocare in compagnia dei suoi pupazzi preferiti in questo senso sono stata molto fortunata

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

About us

Cristina Giordano- xena58

Cristina Giordano

xena58

Categorie