Dinosauri e ominidi nel Parco Nazionale Alta Murgia

Dinosauri e ominidi nel Parco Nazionale Alta Murgia

Tracce di dinosauri e ominidi nel parco Nazionale Alta Murgia che si estende dalla costa adriatica (Barletta-Andria-Trani e Bari), alle montagne della Basilicata, l’Altopiano delle Murge, il cui punto più elevato è la cima del monte Caccia, di altezza 670 metri.

Istituito nel 1998, il Parco Nazionale dell’Alta Murgia, è uno dei cinque parchi più importanti, situati nel meridione d’Italia con un’estensione di 67.739 ettari dove sono stati ritrovati resti di uomini ancestrali.

Il Parco comprende 13 comuni della Regione Puglia siti nelle province di Bari e BAT (Barletta- Andria- Trani).

Dinosauri nelle grotte di Lamalunga

Dinosauri nella Grotta di Lamalunga, Pianta e sezione della grotta
Grotta di Lamalunga: Pianta e sezione della grotta

La zona del Parco Nazionale Alta Murgia. attorno alla Cava Potrelli, conserva tracce di dinosauri e uomini età preistorica.

Tra le cave sono stati ritrovati molte impronte che percorrevano un antico mare, mentre all’interno delle grotte di Lamalunga, sono stati scoperti tracce dell’uomo di Altamura, risalenti a 250.000 anni fa.

Pulo di Altamura: i dinosauri

La grotta con le impronte di dinosauri è situata nella zona delle Murge alte, contesto morfologico caratterizzato da lame, da doline a pozzo e dalla dolina di crollo, denominata Pulo di Altamura.

READ  La Spezia, cosa vedere tra il moderno e l'antico

L’intero territorio del PnAM, nome abbreviato del Parco, è stato plasmato dal vento che ha dato vita al canyon di Gravina di Puglia, situato nei pressi di Matera.

Aspetti positivi del Parco: Flora e fauna

Visite a piedi, in bicicletta o in mezzi forniti dall’Ente, fanno conoscere la flora e la fauna dell’immenso parco, dove è possibile scorgere animali selvatici come il geco, il ramarro, la lepre, la volpe, la faina, l’allodola Calandra e il falco grillaio.

Trekking su 6 antichi sentieri

Per una maggiore conoscenza della zona, l’Ente del Parco ha ripristinato antichi sentieri per coloro che amano fare escursioni naturalistici, dotando i viaggiatori di due pulmini a metano, di capienza di 15 persone.

Gli itinerari da poter percorrere sono sei, le cui mappe sono scaricabili
in formato PDF, sul sito ufficiale.

Per prenderne visione con calma e scegliere quale di questi percorrere, sia da solo sia in compagnia di una guida del parco, previa prenotazione all’Ente tramite fax o email.

Gli itinerari del Parco Nazionale Alta Murgia sono:

  1. Sottosopra: Itinerario n. 1 in auto
  2. Castelli in aria: Itinerario n. 2 da percorrere in auto
  3. Spazi infiniti: Itinerario n 3 a piedi da Gravina di Puglia
  4. Una casa sulla Murgia: Itinerario n. 4 a piedi da Gravina di Puglia
  5. Tracce nella roccia: Itinerario n. 5 e partenza da Gravina in Puglia
  6. la Foresta di Puglia: Itinerario n. 6 con partenza Gravina in Puglia
READ  Rocca Maggiore ad Assisi, un tuffo nella storia

Nonostante il Parco Nazionale Alta Murgia abbia poca vegetazione, adatta alla vita animale, gli uccelli, i rettili e gli anfibi, sembrano avervi trovato il loro ambiente naturale.

Aspetti negativi

Per la sua natura calcarea, non sono presenti alberi di alto fusto ma, in compenso, crescono diverse specie di erbe e numerosi tipi di arbusto con frutti commestibili.

Per la mancanza di cibo, anche la sopravvivenza della fauna ne ha risentito nel corso degli anni, specialmente tra i mammiferi.

In passato erano presenti numerosi lupi, mentre attualmente ci vivono faine, lepri, volpi e piccoli roditori.

IL MIO PARERE

Ottima occasione d’immergersi nella natura incontaminata per venire a contatto con tutte le specie viventi del Parco.

I miei consigli

Per la grande varietà di uccelli, vi consiglio di prenotare un itinerario che comprende il bird watching.

Alcuni esemplari sono di notevole importanza quali la gallina prataiola e l’Occhione.

Si possono osservare tordi, merli, il culbianco, l’usignolo, l’allocco, il verzellino, il pettirosso ma anche il corvo imperiale e la gazza.

Inoltre è possibile avvistare specie rare come il Colombo selvatico o la tortora selvatica e quella dal collare.

  • Parco Nazionale dell’Alta Murgia
  • Sede è in Via Firenze, n.10 Gravina

Come arrivare

In auto

Imboccare l’autostrada A14 Bologna – Bari e uscire a Trani, Molfetta, Bitonto, Bari-Nord, Bari-Sud, Gioia del Colle per poi procedere seguendo le indicazioni per l’Alta Murgia.

In treno

Le stazioni di riferimento per il Parco Nazionale Alta Murgia sono Gioia del Colle, Gravina in Puglia, Bitonto, Ruvo, Corato e Andria.

In aereo

Si arriva all’aeroporto di Palese (Bari), poi in treno o in auto a Bari e poi da lì ad Altamura o a Gravina in Puglia.

6 thoughts on “Dinosauri e ominidi nel Parco Nazionale Alta Murgia

  1. E ho scoperto un altro luogo meraviglioso, seguo con moltissimo interesse il tuo blog, una vera fonte di informazioni per chi come me ama scoprire luoghi sempre nuovi. Grazie.

  2. io adoro moltissimo stare in natura e fare lunghe passeggiate nei boschi spero di riprendere presto il mio bambino è ancora piccolo per fare queste cose senza troppe difficoltà ma prima o poi andremop in questo parco deve essere davvero bellissimo

  3. Questa è la mia terra e ne sono molto orgogliosa! Abito proprio al centro del Parco dell’Alta Murgia e posso confermare che ci sono tante cose da visitare!

  4. Ma che bello sentir parlare della mia regione, la Puglia è fantastica, c’è di tutto, mare, monti, campagna, laghi e tanto anche dal punto di vista artistico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *