Scopri Viterbo e dintorni, 10 borghi da scoprire

Date:

Scopri Viterbo e dintorni il tuo itinerario definitivo tra borgi e laghi cristallini. Oggi vi porto nel cuore dell’Italia, Viterbo una città ricca di storia, cultura e bellezze naturali. Sebbene questa incantevole destinazione sia spesso trascurata dai turisti a favore di città più conosciute, è un tesoro che aspetta di essere scoperto.

Cosa vedere a Viterbo e dintorni: luoghi imperdibili e gemme nascoste.

In questo post del blog ti accompagneremo in un viaggio attraverso Viterbo e oltre, alla scoperta dei suoi luoghi imperdibili e delle sue gemme nascoste. Dal fascino medievale del centro storico della città ai paesaggi mozzafiato della campagna circostante, scoprirai i segreti di questo tesoro nascosto.

Allora prendi la mappa e preparati ad esplorare le meraviglie di Viterbo e dei suoi dintorni.

1. Alla scoperta del centro storico di Viterbo

Passeggiando per le vie del centro storico di Viterbo non puoi fare a meno di sentirti trasportato indietro nel tempo. La ricca storia della città è evidente nella sua architettura medievale ben conservata e negli affascinanti vicoli acciottolati.

Una delle prime cose che noterai è l’imponente Palazzo Papale, una grandiosa struttura che servì come residenza per diversi papi durante il XIII secolo. La sua imponente presenza ricorda l’importanza di Viterbo nel periodo medievale.

Passeggiando lungo le stradine, ti imbatterai in pittoresche piazze ornate da bellissime fontane e adornate da fiori vivaci. Piazza del Plebiscito è assolutamente da visitare, con i suoi affascinanti caffè e gelaterie che offrono il luogo perfetto per prendersi una pausa e immergersi nell’atmosfera.

Da lì, dirigiti verso Piazza San Lorenzo, dove si erge la splendida Cattedrale di Viterbo. Entra per ammirare la sua straordinaria facciata gotica e gli intricati affreschi. Mentre continui a esplorare, scoprirai gemme nascoste nascoste in angoli inaspettati.

Il quartiere San Pellegrino è un tesoro nascosto, noto per le sue torri medievali e le mura ben conservate. Perdetevi nelle sue strade labirintiche e imbattetevi in ​​deliziose botteghe artigiane e accoglienti trattorie che servono piatti tradizionali.

Per un’esperienza unica, non perdetevi una visita al quartiere San Sisto, dove troverete i famosi cunicoli sotterranei di Viterbo. Questi antichi passaggi etruschi venivano utilizzati come via di fuga durante i periodi di conflitto e sono ora aperti al pubblico come un’affascinante attrazione storica.

Per catturare veramente l’essenza di Viterbo, prenditi il ​​tempo per esplorare oltre il centro storico. Avventuratevi nella campagna circostante, dove troverete paesaggi mozzafiato punteggiati da villaggi pittoreschi e antichi castelli. Il Lago di Bolsena, a breve distanza in auto, offre un rifugio tranquillo con le sue acque cristalline e sentieri panoramici.

Dal suo affascinante centro storico ai suoi tesori nascosti, Viterbo è una città tutta da scoprire. Immergiti nella sua ricca storia, concediti la deliziosa cucina locale e lascia che il fascino di questo gioiello medievale lasci un ricordo indelebile nel tuo cuore.

-Pubblicità-

2. Luoghi e attrazioni imperdibili a Viterbo

Viterbo è nota per il centro storico medievale ben conservato, che offre uno scorcio sulla ricca storia della città. Un luogo imperdibile a Viterbo è il Palazzo Papale, conosciuto anche come Palazzo dei Papi. Questa imponente struttura simile a una fortezza fu utilizzata come residenza dei papi durante il XIII secolo.

Oggi ospita un museo dove i visitatori possono esplorare le sue grandi sale, le camere affrescate e conoscere la storia papale della città.

Un’altra attrazione da non perdere è la Cattedrale di San Lorenzo. Costruita nel XII secolo, questa magnifica cattedrale presenta uno splendido mix di stili architettonici romanico e gotico. All’interno, i visitatori possono ammirare intricati lavori in marmo, splendide vetrate colorate e cappelle ornate.

Fai una passeggiata tra le stradine del quartiere medievale, noto come San Pellegrino, ed esplora le sue affascinanti piazze, i cortili nascosti e i negozi caratteristici. Da non perdere la bellissima chiesa di Santa Maria della Verità, che presenta una splendida facciata ornata da intricate sculture.

3. Perle nascoste nella campagna viterbese

Avventurandoti oltre Viterbo, assicurati di visitare la vicina città di Bagnaia, sede di uno dei giardini rinascimentali più belli d’Italia: Villa Lante. Questo giardino paesaggistico presenta fontane elaborate, cascate e siepi perfettamente curate, offrendo ai visitatori un’oasi tranquilla da esplorare.

La pittoresca campagna che circonda Viterbo è uno scrigno di borghi e attrazioni incantevoli che aspettano di essere scoperte. Una di queste è l’incantevole borgo di Tuscania, immersa tra dolci colline e uliveti, Tuscania è un vero tesoro nascosto che aspetta di essere scoperto.

Con le sue mura medievali ben conservate, le antiche rovine romane e l’incantevole centro storico, Tuscania è un tesoro per gli appassionati di storia. Le sue strette strade acciottolate sono fiancheggiate da edifici medievali, che mettono in mostra il ricco patrimonio architettonico della città.

Da non perdere la splendida Chiesa di San Pietro, con il suo intricato pavimento a mosaico e gli splendidi affreschi.

Per chi cerca un rifugio tranquillo, le terme del Bagnaccio sono una tappa obbligata. Situate a breve distanza in auto da Viterbo, queste sorgenti termali naturali offrono un’esperienza rilassante in mezzo a una vegetazione lussureggiante.

Per chi è interessato alla storia, la necropoli etrusca di Tarquinia è un sito affascinante. Questo sito Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO ospita antiche tombe adornate con intricati affreschi, che offrono uno scorcio sulla misteriosa civiltà etrusca che un tempo prosperava nella zona.

4. Gite ed escursioni giornaliere da Viterbo

Se desideri esplorare oltre i limiti della città e scoprire gemme ancora più nascoste, ci sono molte emozionanti gite ed escursioni di un giorno da intraprendere.

Un’opzione popolare per una gita di un giorno è Civita di Bagnoregio, spesso definita la “città che muore” , un borgo medievale che si trova in cima a uno sperone roccioso, accessibile solo tramite un lungo ponte. Con i suoi panorami mozzafiato, le strade strette e il fascino antico, Civita di Bagnoregio sembra di fare un passo indietro nel tempo.

Un’altra destinazione imperdibile è Bolsena, una pittoresca cittadina lacustre nota per le sue splendide viste sul lago e il suo significato storico. Il clou di Bolsena è il bellissimo Lago di Bolsena, uno dei laghi vulcanici più grandi d’Italia. I visitatori possono godersi gite in barca, nuotare o semplicemente passeggiare sul lungolago.

Per chi cerca un’esperienza unica e fuori dai sentieri battuti, il Parco dei Mostri di Bomarzo è un’ottima scelta. Questo straordinario giardino rinascimentale è pieno di sculture bizzarre e stravaganti, tra cui giganteschi mostri di pietra e creature mitiche. Esplorare questo parco surreale è come entrare in una fiaba.

Gli amanti della natura dovrebbero prendere in considerazione una gita alla Riserva Naturale del Monte Rufeno, situata a breve distanza in auto da Viterbo. Questa area protetta è un paradiso per la fauna selvatica e offre numerosi sentieri escursionistici, che consentono ai visitatori di immergersi nella serena bellezza dei boschi e dei prati circostanti.

-Pubblicità-

Terme dei Papi

Per gli amanti della natura è vivamente consigliata una visita alle vicine Terme dei Papi. Questi bagni termali sono utilizzati fin dai tempi degli antichi romani e sono rinomati per le loro proprietà curative. Rilassati e rigenerati nelle acque calde e ricche di minerali, circondato da una vegetazione lussureggiante.

Scopri Viterbo e dintorni, 10 borghi da scoprire

Le Terme a Viterbo, dove sgorgano acque ipertermali che rigenerano il corpo, SONO conosciute da tempi antichissimi, diverse per composizione e indicazioni, che favoriscono una molteplice varietà di applicazioni terapeutiche, la soluzione per vari disturbi.

Il territorio di Viterbo si caratterizza per la presenza di diverse sorgenti termali: la più famosa, per aspetti mitologici, letterari e proprietà terapeutiche, è quella del Bullicame, che alimenta le Terme dei Papi e le Terme Salus-Pianeta Benessere, la sorgente libera delle Pozze di San Sisto e la storica sorgente delle Terme di Orte.   

La zona termale di Viterbo si sviluppa in un vasto territorio, le cui acque sono quasi tutte sulfuree-solfato-bicarbonato-alcalino-terrose,

-Pubblicità-
Scopri Viterbo e dintorni, 10 borghi da scoprire

Le acque ipertermali che provengono dalla sorgente del Bullicame, sgorgano in grande portata a 58°C, la stessa sorgente alimenta una piscina monumentale di oltre 2.000 mq delle famose Terme dei Papi.  La sorgente Bullicame, solfureo-solfato-bicarbonato-alcalino-terrosa fluorata con i suoi 58°C, è da sempre apprezzata per le qualità terapeutiche.

Dolori alle ossa e alle articolazioni? Dermatite che vi tormenta? Cattiva digestione? Problemi respiratori? Niente paura, le cure termali vi offrono la soluzione a tutti questi disturbi.

Il suo notevole pregio risiede proprio nelle caratteristiche chimico-fisiche che la rendono adatta a molte utilizzazioni in terapia termale (da sempre tra le più apprezzate in Idrologia Medica).

In particolare nella cura e prevenzione delle affezioni croniche di tutto l’apparato respiratorio e di quello osteoarticolare; anche le malattie della cute, dell’apparato genitale e le malattie dismetaboliche trovano un notevole beneficio grazie ai trattamenti effettuati con quest’acqua. 

Cristina Giordano
Cristina Giordanohttps://appuntisulblog.it/
Ciao a tutti, sono Cristina Giordano, una blogger che si occupa di moda, viaggi, tecnologia, alimentazione e benessere.
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Articoli Correlati

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina