Gioco dei dadi antica Roma a oggi

Date:

Gioco da tavolo che esisteva nell’antica Roma e proveniva dalla Mesopotamia e dall’Egitto. 

Gioco dei dadi antica Roma a oggi, uno strumento poliedrico che produce numeri (o modelli) casuali, sono stati utilizzati fin dall’inizio della civiltà. I dadi sono usati come strumento per vari giochi, ma sapevi che sono stati usati molto prima della nascita della civiltà? Naturalmente i dadi venivano usati anche nell’antica Roma. Ogni giocatore di dadi ha la stessa probabilità di essere fortunato, perché ogni numero ha la stessa probabilità di essere estratto. Ma non è stato sempre così. 

Origine e storia dei dadi

Gioco dei dadi antica Roma a oggi
Gioco dei dadi antica Roma a oggi

I primi prototipi dei dadi moderni erano piccole articolazioni di piccoli animali, le ossa dell’astragalo. I cubi sono un ritrovamento piuttosto raro durante gli scavi, si trovano più spesso non nelle vicinanze delle case, ma nei luoghi più inaspettati: nei cimiteri, nei rifiuti domestici ma sono difficili da datare. I dadi ricavati dall’astragalo ha una lunga storia, nel Museo archeologico di Ankara in Turchia è esposto un reperto scoperto tra le rovine di un’abitazione risalente al 7.000 a.C. circa (9.000 anni fa). Sorprendentemente, l’astragalo rimase in uso per molti anni.

Nella tomba di Tutankhamon è stato ritrovato un astragalo d’avorio, insieme al Senet (un tipo di gioco competitivo in cui si punta a raggiungere velocemente l’obiettivo) e ad un tabellone con la 20a casella. I primi dadi a sei facce con segni di punti risalgono al terzo millennio a.C e sono stati scoperti in Iran. 

Gioco dei dadi antica Roma a oggi
Gioco d’azzardo Pompei Murale

L’antica Roma ereditò il gioco dei dadi praticato in Grecia e li portarono in Europa nell’attuale Olanda. I romani erano giocatori d’azzardo, non sorprende che i dadi arrivassero in Olanda insieme ai soldati. Le ossa erano così popolari a Roma che furono bandite. Solo coloro che facevano la guardia notturna potevano giocare, affinché le guardie non si addormentassero. I dadi sono stati rinvenuti anche in Etruria, a nord di Roma, quindi gli antichi romani probabilmente sapevano come usare i dadi ancor prima di “importare” i giochi di dadi greci.

Materiali Dadi e forma

I dadi utilizzati al tempo dell’antica Roma erano tutti disponibili in natura, realizzati con materiali diversi: piombo, rame, bronzo, pietra, legno, argilla, ambra, ossa e corna di animali. La forma non era a cubo ma avevano bordi irregolari e angoli obliqui. Oggetti utilizzati come strumenti per generare in modo casuale due risultati: fronte e retro. I lati erano contrassegnati a forma di “occhio di uccello” o “occhio di bue”, cioè un punto o un cerchio con un centro a forma di punto, e la somma dei numeri sui bordi paralleli era pari a sette : 1 e 6, 2 e 5, 3 e 4.

Gioco dei dadi antica Roma a oggi
Gioco dei dadi antica Roma a oggi

I dadi realizzati prima dell’anno 400 variavano notevolmente in dimensioni, forma, posizione dei bordi e materiali. Non ci sono quasi ritrovamenti nei successivi 700 anni, dopo il saccheggio dei barbari dell’Impero Romano.

  • Conchiglie con parte anteriore e posteriore
  • Foglia
  • ossa pelose
  • denti di animali
  • pezzi di legno o ciottoli
  • Dadi “ASTRAGALO”

Gli astragali di epoca greca e romana sono esposti al British Museum e i materiali utilizzati per realizzarli variano.

-Pubblicità-
Gioco dei dadi antica Roma a oggi - astragali
Gioco dei dadi antica Roma a oggi – astragali
  • Onice
  • cristallo di montagna
  • bronzo
  • Agata
  • vetro

Presso i romani, responsabile dell’esito del lancio era Fortuna, la figlia di Giove. La cosa interessante è che i segni dei dadi romani sono gli stessi che i giocatori usano oggi.

Dadi numeri

A partire dal 1100, gli esemplari ritrovati hanno configurazioni di “numeri primi”, con le facce opposte corrispondenti ai numeri primi (1-2, 3-4, 5-6). 

Evoluzione dei dadi nella storia moderna.

Gioco dei dadi antica Roma a oggi
Gioco dei dadi antica Roma a oggi

Origine gioco dadi? Una connessione più evidente tra lo sviluppo culturale umano e i cubi può essere tracciata dall’inizio del Rinascimento, sviluppandosi durante la Riforma e la Nuova Storia. La formazione dell’umanesimo e il miglioramento del pensiero scientifico si riflettevano nei dadi. Il loro aspetto diventa più simile a quello moderno e i parametri sono più accurati. La simmetria delle facce e dei bordi del cubo e la disposizione dei segni hanno permesso di rendere il processo di gioco più indipendente ed evitare la manipolazione da parte dei truffatori.

Anche l’immagine dei marchi è cambiata. Se sui dadi “romani” questi erano due cerchi con un punto al centro, nel Medioevo – un cerchio con un punto, in seguito i dadi hanno semplicemente un punto. Il posizionamento stesso dei segni secondo il principio della somma di punti pari a sette su lati opposti non rende il gioco impeccabile, ma equalizza le possibilità di ottenere valori sia piccoli che grandi. È facile vedere che lanciando una coppia di dadi, il risultato di sette punti può essere ottenuto con il maggior numero di combinazioni: sei volte.

Questo gioco è uno dei giochi da tavolo famosi il cui scopo fosse la predizione del futuro lanciando i dadi.

Gioco dei dadi antica Roma a oggi

Gli antichi romani amavano i dadi, tanto che anche il famoso Cesare li usava come riferimento quando prendeva le grandi decisioni. In seguito li usavano per predire il futuro e affidavano il destino del gruppo ai risultati delle loro fortune. Si pensava che la casualità dei dadi fosse la volontà di Dio. I dadi sono un giocattolo che tutti conosciamo, un passatempo per le riunioni familiari e feste in famiglia e amici. Uno dei giochi di società famosi perfetti in grado di un’opportunità per rendersi conto che ci sono momenti belli e momenti brutti e per immaginare come superarli.

Conclusione

Giocare con i dadi fa parte dei passatempi invernali e dei giochi per Natale con cui divertirsi in famiglia e amici.

-Pubblicità-
  • I dadi hanno avuto origine 9.000 anni fa quando erano realizzati con materiali naturali.
  • Alla fine, è stato possibile ottenere quattro risultati utilizzando l’”astragalo”, che utilizza l’osso della caviglia della zampa posteriore di un animale.
  • I dadi artificiali furono realizzati nell’ordine delle piramidi triangolari, dei parallelepipedi rettangolari e dei cubi dopo il 3.000 a.C.
  • L’antica Roma utilizzava i dadi per i giochi e le scommesse.

Il gioco dei dadi antica Roma è solo un passatempo per giochi di gruppo e uno strumento perfetto per i giochi da tavolo competitivi in ​​cui miri a un obiettivo.

Cristina Giordano
Cristina Giordanohttps://appuntisulblog.it/
Ciao a tutti, sono Cristina Giordano, una blogger che si occupa di moda, viaggi, tecnologia, alimentazione e benessere.
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Articoli Correlati

Differenza titoli nobiliari dai re ai Lords

Differenza titoli nobiliari dai re ai Lords, ai duchi ai baroni, gerarchia nobiltà che si trovano in lungometraggi,...

Jeanne Baret prima donna a circumnavigare il globo

Jeanne Baret prima donna a circumnavigare il globo, nota come ragazza delle erbe o botanica, è nata in...

Cosa simboleggia il ramoscello di ulivo?

Cosa simboleggia il ramoscello di ulivo? simbolo della pace, riconciliazione e vittoria, spesso associato alla dea greca della...

The Ultimate Guide to Social Club Barcelona

Barcelona's social club scene is a vibrant and integral part of the city's social fabric, offering a platform...
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina