Zanzibar: quando andare per non rovinarsi la vacanza

Date:

Siete stanchi dell’inverno e volete scegliere un posto dove crogiolarsi al sole su spiagge tropicali di sabbia bianca, magari a Zanzibar.

Ma quando andare in vacanza per essere certi di non incappare in tempeste tropicali e non rovinarsi la vacanza? L’arcipelago di Zanzibar sono composte da due isole principali, Unguja e Pemba, e altre di minori estensione. Si trova a 35 chilometri dalla Tanzania, nell’Oceano Indiano. Zanzibar sono, in prevalenza, isole coralline, facente parte di una lunga scogliera corallina che si estende dal sud di Dar es Salam di Mafia Island.

Zanzibar: quando andare per non rovinarsi la vacanza
Zanzibar: quando andare per non rovinarsi la vacanza

Dove si trova Zanzibar

L’isola di Zanzibar si trova nell’Oceano Indiano, a 35 km al largo della costa orientale dell’Africa Centrale, e fa parte della Repubblica Unita di Tanzania, dopo essere entrata a far parte della Tanganica nel 1964. Il nome Zanzibar deriva dalla lingua persiana, che significa la costa nera o la terra dei neri in riferimento alla pelle scura degli abitanti dell’isola, Zanzibar era anche chiamata l’isola delle spezie; Perché è famosa per la produzione di vari tipi di spezie come noce moscata, cannella e pepe nero, e ospita molti animali rari.

Zanzibar quando andare per una vacanza rilassante

Scegliere quando andare a Zanzibar è importante e fondamentale, in quanto gode di un clima tropicale caldo, che influenza molto l’andamento degli arrivi, su questo arcipelago, dei turisti. Meglio non viaggiare durante la stagione dei monsoni, i venti caldi che spirano dall’Oceano Indiano, che va da Aprile a Maggio, tutte le strutture alberghiere chiudono in quanto, si abbatte sulle isole, una pioggia costante. Le variazioni del clima dipende sia dai monsoni, sia dal territorio dove si soggiorna, e si divide in quattro stagioni all’anno da tenere in considerazione per cosa mettere in valigia.

Tour di Zanzibar in un video divertente ma esaustivo

Zanzibar, l’isola delle spezie – Kilimangiaro – 28/11/2021

Stagione calda e afosa

Zanzibar quando andare? Si presenta nei mesi invernali, tra Dicembre e Febbraio, dove le piogge cadono solamente per pochi giorni, con temperature che variano da 23 ai 30 gradi. Il mese ideale, più asciutto dell’anno, è Dicembre.

Zanzibar meteo

Stagione delle Grandi Piogge

Il periodo delle piogge con le Grandi Piogge si presentano nei mesi tra marzo e maggio, anche se la temperatura, durante il giorno, non supera i 29 gradi e, fatta eccezione per il mese di marzo, dove si hanno temperature notturne che scendono a meno 15 gradi, gli altri mesi si assesta sui 22 gradi.

Stagione secca

La stagione secca a Zanzibar, che corrisponde al periodo invernale nell’emisfero australe, si ha tra giugno e settembre. Le piogge sono rare e le temperature varia da 19 gradi di minima, nelle ore notturne, a 29 gradi massima di giorno

-Pubblicità-

Piccole Piogge a Zanzibar

Il periodo chiamato, “Piccole Piogge”, è tra ottobre e novembre, caratterizzato da pochi giorni di pioggia. La temperatura notturna scende a 19 gradi C, mentre quella diurna non supera i 29 gradi C.

Sbarchiamo a Pemba, isola di Zanzibar

L’Isola di Pemba è una delle due più grandi isole dell’Arcipelago. Chiamata Isola Verde, o Al Kuh Dra in lingua originale, è situata a circa 50 km dalla costa e si presenta più selvaggia e meno popolata. Insieme a Unduja e Mafia, Pemba fa parte delle Isole delle Spezie, ovvero una serie d’isole che durante il periodo del colonialismo facevano parte della Rotta delle Spezie.

Cosa fare a Pemba:

La principale attività da svolgere a Pemba è godersi il mare. Per chi ama esplorare i dintorni interessante la Ngezi Forest dove osservare flora e fauna come la volpe volante e il cercopiteco verde. Girovagare tra le stradine di Chake Chake, il capoluogo di Pemba, e conoscere miriadi di prodotti locali al mercato tra bancarelle di spezie, frutta e laboratori di ebanisti. Misali Island: una zona molto famosa per lo snorkeling e le immersioni. Il reef è molto ricco di coralli e pesci.

Relax sulle spiagge bianche di Pemba

Pemba non ha coste basse su ogni lato, infatti il lato est dell’isola è caratterizzato da pendii scoscesi che sprofondano rapidamente in mare. Per trovare spiagge larghe e lunghe meglio scegliere la punta nord-occidentale mentre la costa centro e sud-occidentale è per lo più ricoperta dalla foresta di mangrovie interrotta da piccole spiagge, insenature e baie. Alcune delle spiagge più belle di Pemba sono: la spiaggia di Fundu Lagoon, la spiaggia di sabbia bianca di Misali island e quella di Vumawimbi. Tra le più belle la spiaggia di Fundu Lagoon situata lungo la costa centro e sud occidentale dove la foresta di mangrovie s’interrompe per lasciare spazio a spiazzi sabbiosi.

I 5 posti migliori a Zanzibar

1. Città di pietra

Zanzibar: quando andare per non rovinarsi la vacanza
Zanzibar la città di pietra

Questo è uno straordinario monumento architettonico e un organismo assolutamente vivente: stradine, negozi di souvenir e porte incredibilmente ripide che ti affascineranno con la loro diversità e bellezza. Certo, la città vecchia è un po’ fatiscente, ma l’atmosfera respira storia. Il luogo è sotto la tutela dell’UNESCO e ora c’è la possibilità che la città delizierà i viaggiatori con la sua architettura coloniale unica più a lungo.

2. Jaws Corner caffetteria. 

Un luogo pittoresco nella stessa Stone Town. La gente del posto viene qui per chiacchierare davanti a una tazzina di caffè arabo forte con cardamomo. Qui puoi rallentare e osservare la vita intorno.

3. Casa di Freddie Mercury. 

Zanzibar: quando andare per non rovinarsi la vacanza
Casa di Freddie Mercury

La casa di Freddie Mercury (ora un hotel) dove è nato il genio si trova a Stone Town. Fare una piacevole passeggiata nella zona con le prime canzoni di Freddie in cuffia. Intriso di quelle immagini che vivevano in un giovane ragazzo che poi farà esplodere il mondo con la sua voce e le sue canzoni. 

-Pubblicità-

4. Safari marino.  

Fai una crociera sull’oceano a bordo di un’autentica barca con una scorta. Vi aspettano: barriere coralline, una visita a isole “scomparse”, una laguna di mangrovie. E quando tutta l’avventura è finita, la ricompensa è un pranzo a base di pesce sulla spiaggia dell’isola gigante dei baobab.

5. Parco Jozani. 

Zanzibar: quando andare per non rovinarsi la vacanza
Parco Jozani a Zanzibar

Un enorme parco nazionale di proprietà di Zanzibar situato sull’isola di Zanzibar (Tanzania), istituito nel 2003; comprende la Foresta di Jozani, con una vera giungla, viti senza fine e felci giganti. 

Animali selvatici sull’isola di Zanzibar

L’isola di Zanzibar comprende molti animali che riflettono il suo legame con la terraferma africana durante l’ultima era glaciale, e comprende anche mammiferi endemici, il più importante dei quali è il Colobo rosso di Zanzibar, che è il più raro tra loro in Africa con solo 1.500 individui isolato sull’isola da almeno 1000 anni.

Il Colobus rosso di Zanzibar ha abitudini alimentari diverse, in quanto vive nelle zone più aride, oltre che nelle paludi e nelle aree agricole, e circa un terzo di loro vive nei Jozani e dintorni foresta, e uno degli altri animali rari dell’isola è la tigre di Zanzibar, che è in pericolo di estinzione, e le aree abitate includono scimmie Jozani, maiali, piccole antilopi, leopardi, vari tipi di manguste e una grande varietà di uccelli e farfalle nelle zone rurali oltre alla volpe di Pemba.

Cristina Giordano
Cristina Giordanohttps://appuntisulblog.it/
Ciao a tutti, sono Cristina Giordano, una blogger che si occupa di moda, viaggi, tecnologia, alimentazione e benessere.

2 Commenti

Sottoscrivi
Notificami
2 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Giusy Loporcaro

Che meta fantastica per un viaggio di tutto relax! Grazie per le informazioni, ne faro\’ tesoro in caso organizzi un viaggio a Zanzibar prossimamente!

Mara Mencarelli

questo è proprio il periodo giusto per pensare alle vacanze…a zanzibar non ci sono mai stata

Articoli Correlati

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina