Donne antica Grecia famose, 5 ruoli influenti

Date:

Il ruolo delle donne nella società greca: un viaggio nel passato rivela un quadro più ricco e complesso dei loro ruoli come mogli, suore e scienziate nell’antica Grecia.

Donne antica Grecia famose, 5 ruoli influenti: Donne guerriere, donne filosofe, donne artiste, dee, donne suore: un mondo di possibilità. L’antica Grecia è nota per la sua cultura, la sua filosofia e la sua arte, ma spesso dimentichiamo il ruolo fondamentale delle donne in questa civiltà. Per secoli, le credenze sui ruoli delle ragazze e delle donne nell’antica Grecia sono state modellate su quanto fossero limitate e segrete le loro vite. 

Le donne erano escluse dalla sfera pubblica, negavano la cittadinanza e non avevano alcuna posizione legale o politica. Tuttavia, alcune donne furono in grado di emergere dalla loro condizione e di avere una certa influenza nella società. Esploriamo insieme la vita delle donne antica Grecia famose e scopriamo chi sono state le donne che hanno fatto la storia.

Donne antica Grecia famose, 5 ruoli influenti

Donne antica Grecia famose, 5 ruoli influenti che molti uomini contestavano. Molte di queste opinioni sono apparse in fonti scritte della Grecia classica. Senofonte, Platone e Tucidide affermarono che le donne erano “inferiori” agli uomini. Nel IV secolo a.C., Aristotele disse nella sua Politica: “Ancora una volta, come tra i sessi, il maschio è intrinsecamente superiore, e la femmina è il sovrano maschio e la femmina il suddito”. La maggior parte di questi testi ha avuto origine ad Atene, che aveva l’atteggiamento più restrittivo nei confronti delle donne. 

C’erano differenze tra le città così come tra le classi sociali. Altre città-stato, come Sparta, avevano più libertà per le donne, che erano incoraggiate a fare esercizio e ad allenarsi.

Le donne escluse venivano ridotte a oikos, o famiglie, come mogli, madri e figlie. Le donne povere e schiave lavoravano come lavandaie, tessitrici, commesse, balie e ostetriche. Le ceramiche decorate raffiguravano donne schiave mentre si trovavano al mercato e raccoglievano l’acqua.

Nel regno della religione il pantheon greco è pieno di potenti dee femminili, come Atena, la dea della guerra e della saggezza e patrona di Atene, o Artemide, la dea della caccia e della natura selvaggia. Gli archeologi pensano che la vita delle suore abbia dato alle donne più libertà e rispetto di quanto si pensasse in precedenza. Piuttosto che un’esperienza monolitica, i ruoli delle donne nell’antica Grecia erano diversi.

-Pubblicità-

Lavoro, famiglia e religione: i ruoli delle donne nella Grecia classica

L’antica Grecia è un periodo storico che ha lasciato una profonda impronta nel mondo occidentale. In questo periodo, gli uomini erano considerati superiori alle donne, pertanto queste ultime erano spesso escluse dalla vita pubblica. Tuttavia, alcune donne della Grecia antica, nonostante le limitazioni imposte dalla loro posizione, sono riuscite a diventare figure di spicco nella vita culturale e politica. Le loro storie d’amore appassionate e romantiche sono ancora oggi fonte di ispirazione e ammirazione.

Il ruolo delle donne nella società greca: un viaggio nel passato

Le donne greche erano educate e potevano leggere e scrivere, ma la loro istruzione era limitata rispetto a quella degli uomini. Erano anche attive nella vita religiosa, partecipando a feste e cerimonie. Inoltre, alcune donne antica Grecia famose erano impegnate in attività artistiche e intellettuali, come la poesia e la filosofia.

1. Donne nubili e spose

Per la maggior parte delle donne, la vita è generalmente incentrata su tre fasi: kore (ragazza), nymphe (una sposa fino alla nascita del suo primo figlio) e gyne (donna). La vita adulta iniziava tipicamente nella prima metà dell’adolescenza, quando si sposava e si trasferiva formalmente dalla casa di suo padre a quella di suo marito. La maggior parte delle spose aveva una dote a cui i loro mariti non avevano accesso, ma se il matrimonio falliva, i soldi sarebbero tornati al padre.

Donne antica Grecia famose, 5 ruoli influenti
Una donna depone la sua veste in una cassa in un rilievo greco del V secolo a.C

Il giorno del matrimonio, le inservienti preparavano solitamente un bagno purificatore con acqua in un loutrophoros (un lungo recipiente con due manici e collo stretto, tipicamente decorato con scene di matrimonio). Gli archeologi hanno portato alla luce loutrophoroi lasciati come offerte votive in vari templi, tra cui il Santuario delle Ninfe sull’Acropoli di Atene.

Le donne ufficiali vestivano e incoronavano le spose nella casa del padre, dove si svolgeva anche la cerimonia nuziale. Dopo il matrimonio, la custodia e la protezione della sposa erano trasferite dal padre allo sposo. Gli sposi venivano accompagnati da un festoso corteo verso la loro nuova casa, i festeggiamenti proseguivano il ​​giorno successivo con i doni dei familiari e degli amici della sposa.

2. Reputazione pericolosa

Le risorse limitate di testimonianze scritte possono rendere difficile comprendere la verità su molte antiche donne greche. Un famoso esempio è Aspasia di Mileto, una delle donne antica Grecia famose, amante dello statista ateniese Pericle e madre di suo figlio. Poiché non era nata ad Atene, Aspasia era esentata dalle convenzioni che vincolavano le donne ateniesi. 

Conosciuta per la sua bellezza e intelligenza, questa donna ha agito in circolo con alcuni degli uomini più importanti dell’Atene del V secolo a.C., tra cui Socrate e lo scultore Fidia. Alcuni storici ritengono che gestisse una sala popolare dove si riunivano i grandi pensatori di Atene, mentre altri lo descrivono come un bordello. Nessuno degli scritti di Aspasia è sopravvissuto, quindi c’è molto spazio per speculazioni su chi fosse veramente.

-Pubblicità-

3. Una stanza per sole donne

All’interno della casa, le donne vivevano nel gineceo, una stanza per sole donne. Rappresentazioni del Gineceo compaiono su stele tombali e ceramiche. Le donne erano responsabili della sfera domestica e uno dei loro compiti principali era la filatura e la tessitura. Una delle tessitrici più famose della mitologia greca, Penelope, moglie di Ulisse, è un esempio di maternità e fedeltà. Mentre suo marito è lontano 20 anni, combattendo a Troia e poi girovagando, Penelope si trova di fronte a avidi corteggiatori che vogliono prendere il controllo di Itaca. 

Una delle donne antica Grecia famose era Penelope che voleva ritardare la scelta del compagno inventando un gioco. Trascorreva le sue giornate tessendo un sudario per suo suocero e disfacendolo di notte, nella speranza che suo marito tornasse.

4. Lavoro delle donne

Gli archeologi hanno portato alla luce numerose epinetras (protezioni per le cosce) che le donne usavano mentre lavorano la lana, un pezzo semi cilindrico di legno o ceramica per evitare che i loro vestiti si macchiassero di lanolina mentre pettinavano la lana. Le epinetras splendidamente decorate erano regali di nozze popolari. Molte epinetras portavano la testa di Afrodite, la dea dell’amore e della bellezza.

Le donne della casa erano incaricate di accudire i bambini. Sebbene gli uomini abbiano seguito una formazione specialistica dopo una certa età, l’istruzione di ragazze e ragazzi era responsabilità delle donne. La musica, tipicamente sotto forma di suonare la lira, faceva parte dell’educazione delle ragazze. Le donne hanno svolto un ruolo importante anche nei funerali delle loro famiglie. Preparavano il corpo ungendolo e vestendolo ed entrarono a far parte del corteo funebre.

-Pubblicità-

C’erano donne antica grecia famose che hanno studiato arti e scienze e hanno dato un contributo significativo a questi campi. Intorno al 350 a.C., Axiothea di Phlius apprese la filosofia da Platone (alcune fonti dicono che per farlo si travestì da uomo). Nel sesto secolo aC, la sacerdotessa delfica Temistoclea (nota anche come Aristoclea) era una filosofa a pieno titolo e si pensa che sia stata l’insegnante del famoso filosofo e matematico Pitagora.

5. Ruolo religioso

Le donne antica Grecia famose che partecipavano ai culti religiosi e ai sacramenti come suore godevano di molta libertà fuori casa. l’ufficio religioso offriva l’unica arena in cui le donne greche assumevano ruoli uguali e paragonabili agli uomini”. La partecipazione religiosa era aperta alle giovani ragazze. 

Gli arrephoroi, ad esempio, erano accoliti con vari compiti rituali, tra cui la tessitura del peplo (vestito esterno) dedicato annualmente alla dea Atena. Le ragazze di età compresa tra i cinque anni e l’adolescenza possono essere selezionate per servire come “orsetti” nei rituali dedicati alla dea Artemide nel suo tempio a Brauron (circa 24 miglia a sud-est di Atene).

Il servizio come suora conferiva alle donne uno status molto elevato. Forse il ruolo religioso più importante ad Atene era quello di essere alta sacerdotessa di Atena Polia. Nel II secolo a.C., una sacerdotessa Atena era esentata dalle tasse dalla città di Delfi, aveva il diritto di possedere proprietà, ecc. 

I nomi delle monache erano abbastanza noti da essere usati dagli storici antichi per contestualizzare eventi importanti. Lo storico Tucidide segna l’inizio della guerra del Peloponneso con l’incarico di Criside, una sacerdotessa della dea Era, ad Argo intorno al 423 a.C., insieme a funzionari ateniesi e spartani contemporanei.

Un’altra delle donne antica Grecia famose estremamente importante nella religione greca era la Pizia, l’alta sacerdotessa di Apollo nel tempio di Delfi. Conosciuta anche come l’Oracolo di Delfi, ricoprì uno dei ruoli più prestigiosi nell’antica Grecia. Uomini di tutto il mondo antico venivano a consultarla, poiché credevano che il dio Apollo parlasse attraverso di lei.

Le suore hanno svolto ruoli importanti nelle feste sacre, alcune delle quali erano prevalentemente o addirittura solo femminili. Molti di questi erano associati al raccolto. Durante le Tesmoforie, le donne si riunivano per adorare Demetra, la dea dell’agricoltura, e sua figlia Persefone. Durante la festa dionisiaca di Lenea, le donne partecipavano a riti orgiastici come menadi (pazze) per celebrare Dioniso, il dio del vino.

Le donne di Gortyn

Sparta non era l’unica città in cui le donne godevano di maggiore libertà rispetto alle donne di Atene. A Gortyn, città dell’isola di Creta nel V secolo a.C., alle donne è consentito ereditare e gestire la proprietà, riconoscendo il valore del lavoro delle donne come produttrici e custodi della ricchezza. Oltre a gestire i propri beni, le donne potevano controllare la proprietà dei propri figli se il tutore maschio dei bambini non era idoneo. 

Sono state conservate anche le prove delle leggi che regolano il matrimonio, il divorzio e la proprietà della proprietà tra la popolazione schiava di Gortyn, dando un’idea di come la vita delle donne differisse a seconda della loro classe sociale.

Donne eccezionali dell’antica Grecia: chi erano le donne che hanno fatto la storia?

Nonostante le limitazioni imposte dalla loro posizione, molte donne antica Grecia famose e non famose hanno lasciato una traccia indelebile nella storia. Esistevano donne guerriere, come la leggendaria regina di Sparta, Giocasta, che fu una delle donne antica Grecia famose ad avere un ruolo importante nella politica della città. Inoltre, alcune donne della Grecia antica si distinsero come filosofe o artiste, come la poetessa Saffo di Lesbo, che rappresenta una delle figure più importanti della letteratura greca.

Tra le donne antica Grecia famose e più importanti dell’antica Grecia ci sono state la poetessa Saffo, la matematica Ipazia e la filosofa Diotima. Saffo è stata una delle più grandi poetesse di tutti i tempi e le sue poesie sono state ammirate per secoli. Ipazia, invece, è stata una delle poche donne ad avere un ruolo accademico nella società greca, mentre Diotima è stata una filosofa e un’educatrice di grande importanza.

Un’altra donna che ha fatto la storia dell’antica Grecia è stata Aspasia, la compagna di Pericle, uno dei più famosi politici ateniesi. Aspasia era una donna di grande cultura e influenza e ha svolto un ruolo importante nella politica e nella vita culturale di Atene.

Gli amori delle donne greche: storie di passioni che hanno segnato un’epoca!

Le donne greche hanno vissuto storie d’amore appassionate e romantiche che hanno segnato un’epoca. Una delle storie più famose è quella di Elena di Troia e del suo rapimento da parte di Parigi, che ha scatenato la guerra di Troia. Un’altra storia d’amore celebre è quella di Orfeo e Euridice, una coppia sfortunata che ha tentato di sfidare la morte per restare insieme.

Inoltre, la mitologia greca è ricca di storie d’amore tra dei e mortali. Un’altra delle donne antica Grecia famose è Afrodite, la dea dell’amore, che ha avuto numerosi amanti tra gli dei e gli uomini, mentre Artemide, la dea della caccia, è stata spesso associata al celibato.

Gli scienziati continuano a trovare sempre più complessità nelle vite precedentemente nascoste delle antiche donne greche. Così, possiamo vedere un quadro dell’esperienza femminile più ricco e diversificato di quanto si pensasse in precedenza.

Cristina Giordano
Cristina Giordanohttps://appuntisulblog.it/
Ciao a tutti, sono Cristina Giordano, una blogger che si occupa di moda, viaggi, tecnologia, alimentazione e benessere.
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Articoli Correlati

Differenza titoli nobiliari dai re ai Lords

Differenza titoli nobiliari dai re ai Lords, ai duchi ai baroni, gerarchia nobiltà che si trovano in lungometraggi,...

Jeanne Baret prima donna a circumnavigare il globo

Jeanne Baret prima donna a circumnavigare il globo, nota come ragazza delle erbe o botanica, è nata in...

Cosa simboleggia il ramoscello di ulivo?

Cosa simboleggia il ramoscello di ulivo? simbolo della pace, riconciliazione e vittoria, spesso associato alla dea greca della...

The Ultimate Guide to Social Club Barcelona

Barcelona's social club scene is a vibrant and integral part of the city's social fabric, offering a platform...
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina