Meditazione Zen camminata liberatoria in 4 mosse

Date:

Ti concentri su ogni passo, ti ricarichi e svuoti la mente dai pensieri negativi. Puoi farla lungo un sentiero tranquillo, sulla spiaggia o anche a casa tua. Si chiama Kinhin, la camminata Zen a piedi nudi che aiuta a staccare la spina e ritrovare il tuo io interiore.

Meditazione Zen camminata liberatoria in 4 mosse. La meditazione Zen è una camminata liberatoria a piedi nudi in 4 mosse, detta kinhin, una pratica antica che arriva dall’Oriente che emula il Buddha. Ci si muove in una stanza silenziosa ma si può fare anche all’aperto in un luogo tranquillo. Basta stare in piedi ferme, camminare lentamente per circa 20 passi, fermarsi, girarsi e tornare indietro, continuando così, avanti e indietro. Mentre cammini concentrati su ogni passo. Ti aiuterà a mantenere nel movimento i primi doni della meditazione: la centratura e l’equilibrio.

Meditazione Zen camminata liberatoria in 4 mosse

La Camminata Zen è una pratica di meditazione mobile che può aiutarvi ad alleviare lo stress, aumentare la consapevolezza, rinforzare la connessione con l’ambiente circostante e ritrovare il vostro equilibrio interiore. La Camminata Zen è un modo semplice ed efficace per ritrovare l’equilibrio tra corpo e mente.

Durante una Camminata Zen, fate delle pause regolari per concentrarvi sulla respirazione, la postura e le sensazioni del vostro corpo. Concentratevi sul respiro che entra e esce dal vostro corpo e sui suoni che sentite intorno a voi. Camminate in un ambiente tranquillo, come un parco o un sentiero, e fate attenzione ai dettagli della natura: i rami degli alberi, gli uccelli che cantano, i fiori che sbocciano, il vento che soffia, i rumori dell’acqua che scorre. Osservate l’ambiente circostante con tutti i vostri sensi.

Quando fate una Camminata Zen, è importante mantenere una postura eretta e leggermente tesa, in modo da sostenere la vostra colonna vertebrale. Respirate profondamente e lentamente, con la pancia. Mantenete l’attenzione sulla respirazione, sulle sensazioni del vostro corpo e sui suoni intorno a voi. Mentre camminate, concentratevi sul vostro respiro e sui movimenti del vostro corpo.

La Camminata Zen è un modo semplice ed efficace per ritrovare l’equilibrio tra corpo e mente. Aiuta a ridurre lo stress, aumenta la consapevolezza e aiuta a riavvicinarsi alla natura. Non c’è bisogno di alcuna preparazione speciale, solo una camminata ed un po’ di concentrazione. La Camminata Zen può essere fatta da chiunque, ovunque, in qualsiasi momento. Provatela, e ritroverete il vostro equilibrio interiore.

1 step dello Zen: passi corti e lenti

Se ti senti sotto pressione, impara la camminata Zen, provare a meditare può essere efficace e vantaggioso. La pratica che prevede di concentrare l’attenzione sul respiro e rimanere nel momento presente. Nella meditazione di solito si consiglia di tenerli chiusi.

Zen, la meditazione camminata liberatoria in 4 mosse
La camminata liberatoria in 4 mosse
  • Piega il pollice della mano sinistra e chiudila a pugno poi gira la mano verso il torace; copri il pugno con il palmo della mano destra.
  • Tieni i gomiti lontani dal corpo in modo che formino una linea retta con le braccia.
  • Inizia a camminare con calma con il piede destro, facendo un passo corto quanto la metà del tuo piede, poi avanza con il sinistro allo stesso modo. Cammina lentamente, quasi come se fossi ferma.
  • Avanza di mezzo passo a ogni respirazione.
  • Mentre cammini, tieni lo sguardo leggermente posato sul terreno, a due o tre metri di distanza, ma non focalizzarti su nulla: le immagini catturate dagli occhi possono distrarti.

Meditazione camminata: strumento potente per la consapevolezza

Zen, la meditazione camminata liberatoria in 4 mosse
Camminata in un labirinto

Questa differenza rende la meditazione camminata uno strumento potente: ti insegna a restare consapevole anche nel movimento a non lasciarti distrarre dall’esterno. Se arrivano pensieri, sposta l’attenzione: ascolta le sensazioni dei tuoi piedi. Senti il piede sinistro che tocca il suolo, poi il piede destro e così via. I due momenti creano un ritmo, a cui puoi fare riferimento e ritornare che la mente si perde dietro a qualche pensiero.

Con lo ZaZen stai seduta a gambe incrociate e respiri profondamente senza pensare a nulla

Dopo i 20 passi, fermati e fai un esercizio di consapevolezza: partendo dai piedi passa in rassegna l’intero corpo. Chiudi gli occhi e presta attenzione a ciò che ti comunica: puoi sentire il terreno, i muscoli delle gambe, il calore del sole, gli uccelli, l’aria. Quindi voltati e riprendi a camminare. E una volta che ti sarai Impadronita di questa tecnica, potrai usarla ogni volta che cammini, dalla fermata del tram all’ufficio, ovunque ti trovi, a casa o fuori.

Medita come il Buddha

La camminata Zen è parte di ZaZen, un’altra pratica semplicissima da fare seduta. La postura è quella a cui Buddha ha meditato 49 giorni sotto un albero di fico prima di raggiungere la fatidica illuminazione. Prima d’incominciare, scegli una stanza dove non sarai disturbata e procurati un cuscino piuttosto spesso, che posizionerai davanti a un muro. Tutte le pratiche iniziano con il saluto, che è un’espressione di rispetto:

  • Unisci palmi e dita sotto il mento, e con le mani giunte, fai un inchino rivolta verso il centro della stanza.
  • Voltati poi con il saluto verso la parete, ruotando lentamente.
  • Siediti al centro del cuscino con la schiena diritta, perpendicolare al suolo e incrocia le gambe nella posizione del mezzo loto, più facile per i principianti
  • metti il piede sinistro sulla coscia destra, incrocia le gambe in modo che le punte dei piedi e la parte esterna delle cosce formino un’unica linea, e appoggia le ginocchia a terra davanti al cuscino.
  • Ora poni entrambe le mani davanti a te con i palmi rivolti verso l’alto, le dita della destra sotto quelle di sinistra, con i due pollici n linea retta che si sfiorano.
  • Tieni gli occhi rilassati, leggermente aperti, ma non concentrarti su nulla.
  • Respira lentamente e profondamente dal naso, con calma.
  • Analizza se il respiro è superficiale, affannoso o calmo, senza cambiarlo.
  • Se si affaccia un pensiero, osservalo, come se fosse un film proiettato su uno schermo esterno, finché non se ne sarà andato.

Luoghi ideali per lo Zen: scopri come ritrovare l’equilibrio

La vita moderna è frenetica e caotica, e in questo mondo sempre in movimento è facile perdere l’equilibrio. Lo Zen, un antico modo di pensare orientale, rappresenta la soluzione perfetta per riportare l’armonia dentro di noi. Per ricercare la pace interiore, è necessario trovare un luogo adatto dove praticare lo Zen. Ecco qualche consiglio sui luoghi ideali per la meditazione.

Giardini Zen

I Giardini Zen sono una delle forme più antiche di pratica dello Zen. Questi giardini sono stati creati nel VI secolo e da allora sono diventati un importante mezzo di meditazione. Si tratta di un luogo di pace e tranquillità, ricco di elementi naturali come alberi, fiori, fontane, ponti e rocce. Lo scopo dei Giardini Zen è quello di creare un’atmosfera di calma e serenità, dove si possa meditare e riflettere.

Tempio Zen

Un altro luogo ideale per meditare è il tempio Zen. Si tratta di uno spazio sacro, creato appositamente per la pratica della meditazione. I templi Zen sono caratterizzati da una struttura semplice, spazi aperti e un paesaggio naturale. I visitatori possono godere del paesaggio circostante, dei canti degli uccelli e del profumo dei fiori, tutto ciò contribuisce a creare un’atmosfera di pace e serenità.

Monastero Zen

Un monastero è un luogo di preghiera e di meditazione. Nella cultura Zen i monasteri sono considerati un luogo sacro dove praticare la meditazione per raggiungere la pace interiore. La vita nei monasteri è regolata da una rigorosa disciplina, una routine quotidiana che comprende preghiera, meditazione,

Luoghi ideali per lo Zen

  • Cammino di S.Francesco, tra Umbria e Lazio
  • Parco del Pollino, tra Calabria e Basilicata
  • Via Francigena, tra Emilia e Lunigiana
Cristina Giordano
Cristina Giordano
Ciao a tutti, sono Cristina Giordano, una blogger che si occupa principalmente di moda, viaggi, tecnologia, alimentazione e benessere. Negli anni ho avuto l'opportunità di collaborare con diverse marche e aziende, che mi hanno permesso di ampliare le mie conoscenze e di fare nuove amicizie con persone che condividono la mia stessa passione.

4 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Strani riti pagani di Natale e Befana

Ballando attorno all’albero di Natale, senza saperlo, seguiamo tradizioni che hanno avuto origine migliaia di anni fa: strani riti pagani di Natale, ancor prima...

Usanze natalizie del Medioevo

Origini delle tradizioni natalizie nel Medioevo Una breve escursione storica nelle tradizioni di Capodanno e Natale del Medioevo. Molte tradizioni moderne di queste festività affondano...

Eventi natalizi in Europa da non perdere

Un viaggio culturale attraverso le celebrazioni festive in Europa dal Nord al Sud, Est e Ovest. Il Natale è un momento di festa e...

Articoli Correlati

Enzimi in cosmetica dove si trovano?

Proteine ​​naturali efficaci nel migliorare le condizioni della pelle e ampiamente utilizzate in vari prodotti cosmetici. Enzimi in...

7 effetti negativi della dieta chetogenica

La dieta chetogenica è un regime alimentare che si basa su un basso consumo di carboidrati e un...

Trattamento micosi candeggina funziona?

Possono essere fastidiosi e causare problemi estetici, ma la onicomicosi non rappresenta solitamente un rischio per la salute. Trattamento...

Sonno poco profondo: rimedi

Buone pratiche per addormentarsi più facilmente e dormire bene La maggior parte dei disturbi del sonno hanno un trattamento...
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.