Storia del maggiolino Volkswagen, lo scarabeo d’epoca

Date:

Ha vari soprannomi, “coleottero”, “scarafaggio”, altri lo chiamano “tartaruga”. Un veicolo prodotto per la prima volta a metà degli anni ’30 e da allora fino al 2002 è stata l’auto più venduta al mondo.

Storia del maggiolino Volkswagen, lo “scarabeo” o “maggiolino” dal design divertente, una delle auto più leggendarie di tutti i tempi venduta più di 21.600.000 di copie in tutto il mondo. La sua storia inizia molto prima della Seconda Guerra Mondiale, nel lontano 1933. Adolf Hitler, appena diventato cancelliere della Germania, espresse ai progettisti la richiesta: per la nazione, per ogni “famiglia veramente tedesca” era necessaria un’auto affidabile ed economica del valore di non più di 1.000 marchi (lo stipendio medio del lavoratore allora era circa 200 Reichsmark).

Storia del maggiolino Volkswagen, lo scarabeo d’epoca

La dichiarazione di Hitler suscitò scalpore, perché in quegli anni il sogno di un comune tedesco di un veicolo personale era quasi irraggiungibile. Il politico promise: se l’industria automobilistica del paese non sarà in grado di produrre automobili al prezzo da lui specificato, lo farà il governo.

Requisiti per l’auto

  • Facilità di manutenzione,
  • Cinque adulti potessero stare all’interno
  • Consumo di carburante non superiore a 8 litri per 100 km,
  • Compattezza,
  • L’auto potesse accelerare fino a 100 km / h.

L’incontro tra Hitler e Porsche

Quando Hitler salì al potere nel 1933, voleva creare un’auto tedesca che fosse economica e accessibile a tutti i tedeschi, per mostrare il “volto sociale del nazional-socialismo”. Dopotutto, le enormi e vaste autostrade che il regime stava costruendo non potevano andare bene. Dovevano esserci macchine che li avrebbero guidati. E fino ad allora la stragrande maggioranza del popolo tedesco non aveva automobili. Solo 1 tedesco su 50 possedeva un’auto in quel momento.

Storia del maggiolino Volkswagen, lo scarabeo d'epoca
Storia del maggiolino Volkswagen, lo scarabeo d’epoca

L’impresa si chiamava Volkswagen, che significa “macchina del popolo”. Lo stesso Hitler incontrò Porsche all’hotel “Kaisergorff” a Berlino e gli spiegò esattamente cosa voleva costruire. Ha chiesto che l’auto fosse di piccole e medie dimensioni, resistente, con un motore affidabile raffreddato ad aria, consumi contenuti che non superino i 7 litri per 100 chilometri, e facilità di manutenzione e riparazione meccanica, quando necessario.

Gli diede anche un’ultima istruzione: il comando. L’auto che Porsche costruirà potrebbe trasportare 4 adulti o 2 adulti e 3 bambini a una velocità di 100 chilometri orari. Voleva che il prezzo massimo di vendita fosse di 990 marchi, l’importo a cui si poteva comprare una moto in quel momento. Se riduciamo ai 990 marchi del tempo, equivalgono oggi a 4.000 euro. A metà degli anni ’30 lo stipendio medio di un tedesco era compreso tra 200 e 300 marchi.

I disegni del veicolo mostravano un corpo sinuoso ma aerodinamico che poteva ospitare e trasportare comodamente 4 adulti.

Primo stabilimento Volkswagen

Nel 1938 i progettisti decisero finalmente di realizzare e avviare la costruzione del primo stabilimento Volkswagen, che significa “macchina del popolo”. 

  • Una macchina con un fondo piatto portante rinforzato al posto del telaio: la “pancia” del Maggiolino. 
  • Corpo rotondo. 
  • Motore boxer a quattro cilindri da 985 cc,
  • raffreddato ad aria.
  • Trazione posteriore.

Lo stesso Hitler incontrò Porsche all’hotel “Kaisergorff” a Berlino e gli spiegò esattamente cosa voleva costruire. Tuttavia, a causa della seconda guerra mondiale, i piani cambiarono e nel 1940 l’azienda iniziò a produrre la Kübelwagen, un veicolo militare fuoristrada che aveva molto in comune con lo Zhuk. Prima della guerra, l’impianto riuscì ad assemblare solo 210 unità dei “Maggiolini” popolari.  

Le Autostrade in Germania

Storia del maggiolino Volkswagen e dei trasporti. In quegli stessi anni iniziarono a essere costruite le famose autostrade, strade in anticipo sui tempi. Già allora erano a più corsie, con una fascia divisoria di alta qualità, svincoli e luoghi di svago. Per i nazisti le strade divennero un potente strumento di propaganda. Le autostrade erano dedicate a manifesti, cartoline, francobolli.

L’evoluzione del “Maggiolino” dal 1938 al 2019

Nei primi mesi del 1938 furono costruiti 30 veicoli identici agli “scarabei”, chiamati “W30”, rigorosamente testati prima che lo “scarabeo” entrasse nella produzione di massa. Hanno percorso un totale di 2.900.000 chilometri in tutte le condizioni possibili. Freddo, caldo, neve, pioggia, sullo sterrato, sull’asfalto, sul ghiaccio, sui sassi, sull’erba, nelle curve sui rettilinei, alle alte velocità, alle basse velocità. Infine il regime nazista ha dato il via libera alla produzione di massa.

Storia del maggiolino Volkswagen, lo scarabeo d'epoca
Maggiolino Volkswagen, interno

L’aspetto definitivo della vettura prese forma nel 1938, quando i fari anteriori furono integrati nel telaio. In quell’anno, per la futura produzione in serie della Volkswagen, fu fondata la società Gesellschaft zur Vorbereitung des Volkswagen, che fu poi ribattezzata Volkswagen-Werke GmbH. Fu allora che iniziò la costruzione del più grande stabilimento di produzione di automobili dell’epoca. Venne infatti fondata un’intera città, poiché insieme alla fabbrica vennero costruiti interi insediamenti di alloggi per i lavoratori e strutture accessorie.

Città fondata il 1 luglio 1938 con il nome di “City of KdF Cars” (Stadt des KdF-Wagens). Nel 1945 fu ribattezzato Wolfsburg.

Seconda guerra mondiale

Storia del maggiolino Volkswagen, lo scarabeo d’epoca. Dopo pochi mesi, scoppiò la seconda guerra mondiale e la fabbrica che produceva i “coleotteri” venne trasformata in una fabbrica per la produzione di equipaggiamenti militari. Dal settembre 1939 al 1945 furono costruite 620 auto per uso civile, ma la maggior parte erano per l’élite nazista privilegiata. L’auto ebbe comunque un enorme successo e dopo 9 anni, il 5 agosto 1955, fu prodotto il milionesimo “Maggiolino”. Ora era diventata l’auto più venduta nella Germania occidentale, nonché il simbolo del miracolo economico del paese dopo la guerra.

Anni 50 e 60

Negli anni ’50 e ’60, il “Volkswagen Maggiolino” era estremamente popolare in tutti gli stati dell’Europa occidentale e meridionale. Era affidabile, di facile manutenzione, resistente alle condizioni difficili, con interni più spaziosi rispetto a molte altre auto economiche dell’epoca, e tutto questo a un prezzo di vendita molto conveniente. Era anche più potente dei suoi concorrenti (Citroën 2CV, Renault 4L, Mini, Fiat 500 topolino, ecc) e l’unica vettura della sua classe in grado di sviluppare e mantenere alte velocità in autostrada. 

Oltre all’Europa, ha conquistato anche gli USA. Soprattutto negli anni ’60 ha avuto un enorme appeal tra i giovani, considerati non convenzionali, e simbolo di rivoluzione e anticonformismo. La lista d’attesa per uno “scarabeo” nel 1963 superava i 3 mesi. Nel 1971, la produzione internazionale annuale ha raggiunto 1.291.612 copie. Con il passare degli anni, le vendite iniziarono a diminuire e il 21 luglio 2003 l’ultimo Scarabeo classico uscì dalla linea di produzione della fabbrica in Messico. È stato collocato nel museo dell’azienda a Wolfsburg, in Germania.

Simbolo dell’epoca hippy

Simbolo dell’epoca hippy
Il “Maggiolino” era molto amato dagli hippy

Il “Maggiolino” era molto amato dagli hippy. Molti di loro erano vagabondi a basso reddito: l’auto era così facile da mantenere che poteva essere riparata in campo aperto con l’aiuto di mezzi improvvisati. Gli “Scarabei” erano dipinti in tutti i colori dell’arcobaleno, su di essi erano dipinti i “Pacifici”, scrivevano “Amore”“Pace”“Flower power”

Gli hippy hanno viaggiato attivamente, ad esempio, in Nepal e in altri paesi dell’est. Lì spesso l’auto veniva venduta per avere abbastanza soldi per il viaggio di ritorno (o finivano nei guai seri, a seconda di quale preferiva). Ecco perché in Asia c’erano anche molti “Maggiolini” ridipinti di buona qualità, che poi servirono regolarmente nei taxi e non solo per decenni.

Il maggiolino nei film

Herbie_il_supermaggiolino
Herbie_il_supermaggiolino

La piccola automobile è per sempre iscritta nella storia e nella cultura, ad esempio è apparsa nei film più di una volta. Grazie agli sforzi di Walt Disney, l’auto più popolare è diventata interattiva, ha ricevuto il numero di coda 53, e il nome Herbie, il personaggio più gentile, protagonista di molte missioni per salvare il mondo. L’idea ha costituito la base di sei film e una serie TV, di cui il primo – “Baby in Love” – ​​uscito nel 1968, e l’ultimo – “Crazy Races” –di Angela Robinson, relativamente recente, nel 2005. 

Un maggiolino tutto matto

Il “Maggiolino”, più volte citato nel Guinness dei primati, è entrato nella top ten delle auto che hanno cambiato il mondo, incastonato tra la Ford Mustang e la Mercedes-Benz Classe S. E tu conosci la Storia del maggiolino Volkswagen, lo scarabeo d’epoca?

Cristina Giordano
Cristina Giordanohttps://appuntisulblog.it/
Ciao a tutti, sono Cristina Giordano, una blogger che si occupa di moda, viaggi, tecnologia, alimentazione e benessere.

1 commento

Sottoscrivi
Notificami
1 Comment
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Rita Caputo

Mi ha sempre affascinata quest\’auto ma non conoscevo la sua storia.. grazie per aver scritto un articolo 🙂

Articoli Correlati

Aggiornamenti del programma di affiliazione TEMU: fino a 100,000€ al mese!

Codice TEMU promozionale esclusivo: utilizza il codice "Acm913854" per uno sconto fino al 30%. Siamo qui per discutere del...

Perché l’automobile è ancora uno status symbol?

In un mondo sempre più tecnologico come quello in cui viviamo, pensare ai mezzi di trasporto sembra bizzarro....

La tecnologia aiuta a preservare la cultura?

La cultura e la tecnologia, quasi un ossimoro se si pensa che i due concetti siano ricollegabili a...

La tecnologia al servizio dell’ambiente nella Green Economy

Negli ultimi decenni, il tema dell'ambiente è diventato sempre più centrale nel dibattito globale, con crescente consapevolezza dei...
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
error: Content is protected !!