7 leggende famose e popolari su Giulio Cesare

Date:

7 leggende famose e popolari su Giulio Cesare, una figura simbolica non solo per l’antica Roma, ma anche per l’intera storia del mondo. Secondo l’opinione diffusa tra i ricercatori, l’Europa moderna inizia con lui.

Chi è Giulio Cesare? Un terribile dittatore o un grande scrittore? Aveva una relazione con Cleopatra? È vero che prima di morire ha detto: “Anche tu, Bruto“? Ha attraversato il Rubicone? E ha inventato l’insalata Caesar? Vediamo quali sono leggende e quali le verità.

Dotato di carisma, così importante per un politico e statista, Cesare è stato in grado di affascinare molti dei suoi contemporanei e discendenti. Un eccezionale comandante e statista, un eccellente oratore e scrittore, un genio versatile: questa sua immagine è stata radicata nei secoli.

7 leggende famose e popolari su Giulio Cesare

7 leggende famose e popolari su Giulio Cesare

1. Cesare combatté con Asterix e Obelix, ma non riuscì a sconfiggerli

Verdetto: sbagliato.

7 leggende famose e popolari su Giulio Cesare Cesare combatté con Asterix e Obelix

Asterix e Obelix, così come i loro cugini, gli eroi della serie a fumetti sRene Goscinny e Albert Ouderzo, da cui è stato girato il film di Claude Zidi “Asterix e Obelix contro Cesare”, sono personaggi di fantasia. Con i Galli storici, sono legati solo dalle terminazioni caratteristiche dei nomi in  -ix , – igis , oltre che per capelli lunghi e pantaloni – abiti barbari profondamente disprezzati dai romani. 

Cesare combatté davvero con i Galli e con molto successo. Nel 59 a.C. presta servizio come console. Alla fine del consolato, cioè l’anno successivo, secondo la tradizione consolidata, Cesare doveva andare come governatore con poteri proconsolari  in una delle province romane. Sapendo questo, Cesare approvò in anticipo una legge attraverso un tribuno del popolo, secondo la quale la Gallia Cisalpina gli fu data per cinque anni. 

Fratelli e discendenti di Asterix e Obelix furono rapidamente romanizzati. Già Cesare includeva diversi Galli al Senato Romano, e in questa occasione a Roma cantavano stornelli: Galli bracas deposuerunt, latum clavum sumpserunt , cioè “I Galli si tolsero i pantaloni, furono date loro le toghe con il bordo”. Il pretesto toga – con un ampio bordo viola – è l’abito ufficiale degli alti magistrati e senatori romani. 

-Pubblicità-

Tra pochi secoli, i Galli dimenticheranno i loro sacerdoti druidici e la loro lingua madre e parleranno il latino viziato. La Gallia diventerà una delle province più romanizzate dell’Impero Romano.

2. Cesare attraversò il Rubicone e disse: “Il dado è tratto”

Verdetto: Vero

Questo è accaduto all’inizio della drammatica guerra civile tra Cesare e Pompeo. Ex compagni del primo triumvirato  e i parenti (amata e unica figlia di Cesare Giulia divenuta moglie di Pompeo) si rivelarono oppositori inconciliabili. 

Nel 54 a.C., Julia morì di parto e l’anno successivo, durante una campagna dei Parti infruttuosa, Crasso morì. In effetti, questo significava la fine del triumvirato. 

Cesare ha vinto una vittoria dopo l’altra in Gallia. Pompeo, osservando la crescente popolarità del governatore gallico, provò gelosi timori che lo avrebbe spinto giù dal piedistallo del miglior comandante di Roma. 

Secondo lo storico greco Appia, Cesare, avendo deciso di attraversare il Rubicone, disse ai presenti: “Se mi astengo da questa traversata, amici miei, questo sarà per me l’inizio dei disastri; se passo, per tutte le persone. ” Quindi “ispirato dall’alto, attraversò rapidamente il fiume”, dicendo: “Sia tratto il dado”. … La stessa frase è citata da Plutarco, aggiungendo che Cesare la pronunciò  in greco  …

Il 10 gennaio 49 a.C. Cesare attraversò il Rubicone e si trasferì rapidamente attraverso l’Etruria a Roma. Inizia così un’altra guerra civile dell’epoca della tarda repubblica romana.

-Pubblicità-

3. Cesare prese il potere a Roma

Verdetto: sì, giusto.

Cesare attraversò il Rubicone e si trasferì a Roma. Sulla sua strada non incontrò una seria resistenza: i pompeiani o si arresero o si ritirarono, e le piccole città italiane aprirono con entusiasmo le porte a Cesare. Pompeo ei suoi sostenitori, spaventati dalla rapida avanzata del nemico, fuggirono da Roma, lasciando anche il tesoro dello Stato. 

Con una parte dell’esercito, Pompeo andò in Grecia. Altre sette legioni a lui fedeli erano in Spagna. 

4. Cesare aveva una relazione con Cleopatra 

7 leggende famose e popolari su Giulio Cesare Cesare aveva una relazione con Cleopatra

Verdetto: è vero.

-Pubblicità-

L’incontro tra Cesare e Cleopatra avvenne in circostanze drammatiche. Dopo la famosa vittoria di Cesare su Pompeo nella battaglia di Farsalo (48 a.C.), Pompeo abbattuto, lasciando i resti del suo esercito, andò in Egitto, sperando di trovare rifugio lì. Cortigiani locali, guardiani di Tolomeo, per non litigare con Cesare, decisero di uccidere Pompeo.

Cleopatra era ben istruita e conosceva molte lingue. La sua lingua madre era il greco, e sebbene fosse una regina egiziana, un’incarnazione vivente della dea Iside, non c’era una goccia di sangue egiziano nelle sue vene – poiché il crollo del potere di Alessandro Magno, l’Egitto era governato dai Tolomei, che erano greci.

Non sorprende che Cesare abbia sostenuto le affermazioni di Cleopatra sul trono egiziano e sia rimasto a lungo in Egitto. Nel 46 a.C. Cesare convocò Cleopatra a Roma, le assegnò una lussuosa villa sulle rive del Tevere, diede un magnifico ricevimento. 

5. Cesare – l’autore delle parole “Veni, Vidi, Vici”

Verdetto: Sì, queste sono le parole del grande romano.

In latino suonano ancora più espressivi: Veni , vidi , vici  – a causa della figura retorica dell’allitterazione … La comparsa di questa frase è associata a uno degli episodi della guerra civile tra Cesari e Pompeiani (49-45 a.C.), ovvero la campagna del Ponto. 

6. il mese di luglio prende il nome da Cesare

Verdetto: Sì, Vero. 

7 leggende famose e popolari su Giulio Cesare il mese di luglio prende il nome da Cesare

In precedenza nel calendario romano, questo mese era chiamato Quintilis, letteralmente “il quinto”. Il primo mese nel calendario antico era considerato marzo ( Martius ), dal nome di Marte, il dio della fertilità, e successivamente, dopo l’identificazione con l’antico greco Ares, che divenne il dio della guerra. 

Alcuni dei nomi dei mesi che risalgono a numeri sono rimasti nel calendario romano, e poi nei calendari dei popoli che li hanno presi in prestito dai romani: settembre (“settimo”, “settembre”), ottobre (“ottavo”, “ottobre”), novembre (“Nono”, “novembre”), dicembre (“decimo”, “dicembre”). Secondo Svetonio, il mese dei Quintili, in cui nacque Cesare, fu ribattezzato  Iulius(“Luglio”) durante la vita del dittatore, all’inizio del 44 aC … 

Secondo un’altra versione, questo è accaduto dopo l’assassinio di Cesare, quando il suo amico e collega nel consolato di 44 anni, Marco Antonio, ha approvato una legge speciale sulla ridenominazione del quintile – lex Antonia de mense Quintili , “in modo che questo mese quattro giorni prima del quintile id [mese] è stato annunciato luglio “ … 

7. “E tu, Bruto!”

Verdetto: questo è vero solo in parte; Cesare considerava Bruto suo amico, ma non pronunciò queste parole.

All’inizio del 44 a.C., Cesare si stava preparando per una grandiosa marcia in Oriente contro il regno dei Parti. Più o meno nello stesso periodo, scoppiò una cospirazione contro il dittatore, tra i cui partecipanti c’erano molti pompeiani perdonati, inclusi i capi della cospirazione, Marco Giunio Bruto e Guy Cassio Longino.

Tuttavia, c’erano anche molti Cesari che dovevano al dittatore la loro carriera e ricchezza: Decimo Bruto, Trebonio. 

I cospiratori decisero di uccidere Cesare alla fine prima di entrare in guerra con i Parti  sessione del Senato il 15 marzo 44 – nelle Idi di marzo secondo il calendario romano. Svetonio, riferendosi ad alcune fonti, testimonia: a Bruto che si precipitò contro di lui, Cesare disse in greco: “E tu, figlio mio!” (καὶ σὺ τέκνον) … Ma nessuna fonte cita le parole “E tu, Bruto” – Et tu, Bruto

Questa frase è stata messa in bocca al dittatore morente William Shakespeare, ed è apparsa per la prima volta nella sua tragedia “Julius Caesar”. 

Cristina Giordano
Cristina Giordanohttps://appuntisulblog.it/
Ciao a tutti, sono Cristina Giordano, una blogger che si occupa di moda, viaggi, tecnologia, alimentazione e benessere.
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Articoli Correlati

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina