L’espansione di Roma durante la monarchia e crisi repubblica

Date:

Tra il V e il III secolo a.C. Roma conquistò quasi tutta la penisola: dalla pianura padana allo stretto di Messina.

L’espansione di Roma durante la monarchia: Roma alla conquista dell’Italia. Dapprima combatté contro i popoli dell’Italia centrale (Volsci, Equi, Sabini, Etruschi). Poi contro i Galli, popoli che venivano dal Nord e avevano occupato buona parte della pianura padana, contro i Sanniti, popolo combattivo e forte che fu sottomesso dopo cinquant’anni di guerra, e infine contro Taranto, che si arrese insieme con le altre città della Magna Grecia.

L’espansione di Roma durante la monarchia

L'espansione di Roma durante la monarchia
Vista di un porto campano

Quando una città veniva sconfitta, poteva essere distrutta e la popolazione veniva trasferita in altre città o a Roma. In alcuni casi, invece, veniva stipulato un patto in base al quale la città vinta diventava alleata di Roma. In tutte le città sottomesse i Romani portavano la loro lingua e i loro usi.

La conquista del Mediterraneo

L’espansione di Roma durante la monarchia. Compiuta l’unificazione dell’Italia, Roma volse le sue mire al Mediterraneo: da città a economia prevalentemente agricola, mirava infatti a diventare una potenza commerciale marinara. Ma dovette fare i conti con Cartagine, una colonia fondata dai Fenici, che con il passare dei secoli era diventata la maggior potenza commerciale del Mediterraneo.

Guerre puniche

LE GUERRE PUNICHE 

Nell’Africa settentrionale, sulla riva del mare di fronte alla Sicilia, si trovava la città di Cartagine, che possedeva terre fertili. La forza navale più potente nel Mediterraneo durante il 3° secolo aC era Cartagine, il paese dell’Africa settentrionale vicino all’attuale Tunisia. I Cartaginesi erano di discendenza fenica e Cartagine era un’ex colonia fenica dal IX secolo a.C. La parola fenica Cartagine significa una nuova città. Nel VI secolo aC i Fenici furono conquistati dagli Assiri (tribù semitiche che vivevano a nord della Mesopotamia) e poi dai Persiani. Tuttavia, Cartagine non fu colpita e divenne un paese completamente indipendente. 

Le sue colonie commerciali si estendevano in una stretta fascia lungo quasi tutta la costa del Nord Africa, erano sparse nella Spagna meridionale e lungo le isole della metà occidentale del Mar Mediterraneo. Cartagine possedeva la parte occidentale della Sicilia. Era una forte e ricca repubblica schiavista. Parallelamente alla conquista romana della penisola italiana, Cartagine espanse il suo territorio anche in tutto il Nord Africa. 

L’espansione di Roma durante la monarchia. Quando Roma completò la sua conquista dell’Italia, Cartagine controllava anche l’intera costa nordafricana dalla Libia occidentale allo Stretto di Gibilterra (costa meridionale della Spagna), gran parte della costa meridionale della Spagna, nonché le isole europee della Corsica e della Sardegna. Cartagine era una potenza formidabile, controllava la maggior parte del commercio nel Mediterraneo, riforniva soldati, schiavi e merci e accumulava vasti giacimenti di oro e argento dalle miniere della Spagna occidentale.

Questi due potenti imperi iniziarono a scontrarsi a metà del III secolo aC, quando il potere romano raggiunse l’estremità più meridionale dell’Italia. In effetti, le due parti hanno avuto contatti sporadici in precedenza, ma nessuna delle due parti ha sentito la minaccia proveniente dall’altra. I romani avevano una conoscenza approfondita dei Cartaginesi. 

-Pubblicità-

Questa sfortunata guerra per Cartagine era inevitabile. Situata tra Cartagine e l’Italia è la grande isola della Sicilia. Cartagine controllava la metà occidentale dell’isola, ma con il controllo della punta più meridionale della penisola italiana, Roma era a un braccio dalla Sicilia. Roma intervenne nella rivolta di Messana contro Cartagine e scoppiò la prima guerra punica.

Sebbene avesse un’assemblea popolare, non esercitava quasi alcun potere. Il vero potere a Cartagine apparteneva a un piccolo pugno di proprietari di schiavi: grandi proprietari terrieri e ricchi mercanti. Cartagine aveva una forte flotta militare e mercantile. Ma le forze di terra erano poche. Erano costituiti principalmente da mercenari. I Romani chiamavano i Cartaginesi Puni.

L’espansione di Roma durante la monarchia. Per ottenere il controllo delle coste, Roma scatenò contro la pericolosa rivale tre guerre, dette guerre puniche dal nome con cui i Romani chiamavano i Cartaginesi: Puni.

  1. La prima iniziò nel 264 a.C.  Il principale campo di battaglia era la Sicilia, ma i romani riuscirono a sbarcare in Nord Africa. Dopo un’offensiva di successo e diverse vittorie, il comandante romano Regolo fu sconfitto dall’esercito cartaginese al comando dello spartano Xanthippus. Alla fine Roma entrò in possesso della Sicilia, della Sardegna e della Corsica.
  2. La più difficile e pericolosa per Roma fu la seconda guerra punica (218-201 aC) che si svolse soprattutto in Italia e i Cartaginesi, guidati da Annibale, un comandante eccezionale, sconfissero diverse volte i Romani, che però vinsero la battaglia decisiva. Al termine Roma impose a Cartagine la distruzione della flotta e la cessione della Spagna.
  3. La terza guerra si combatté in Africa e terminò nel 146 a.C. con la distruzione di Cartagine.

Prima guerra punica (264-241 a.C.)

La prima guerra punica scoppiò nel 264 aC nell’isola di Sicilia. Roma assediò molte delle città cartaginesi in Sicilia, e quando Cartagine portò la sua marina per alleviare l’assedio, Roma la distrusse completamente. Per la prima volta dalla sua fondazione, l’impero cartaginese subì una sconfitta in mare. La guerra finì senza una vera vittoria. 

Nel 241 aC, nel 241 fu firmato un trattato tra le due parti con Cartagine che doveva lasciare la Sicilia (anche se non ancora persa a Roma) e pagare una riparazione per la guerra. Poco dopo, Cartagine dovette affrontare ribellioni mercenarie e Roma trasse vantaggio da questo pasticcio conquistando l’isola della Corsica. Roma aveva molta paura dei Cartaginesi e voleva costruire una zona cuscinetto il più ampia possibile tra Roma e Cartagine. 

Dopo la Sicilia e la Corsica, Roma continuò a voler spingere i Cartaginesi fuori dalla Sardegna, l’isola occidentale della penisola italiana. Cartagine ha risposto aumentando la sua potenza in Europa. In primo luogo, portarono il generale Amilcare e suo genero Asdrubale in Spagna per fondare una colonia e costruire un esercito. Qui, padre e figlio stringevano alleanze con i paesi iberici e l’esercito cartaginese reclutato dagli alleati crebbe silenziosamente e il potere e l’influenza cartaginese si diffusero in tutta la penisola iberica.

Seconda guerra punica (218-202 a.C.)

La seconda guerra punica scoppiò nel 218 aC quando Cartagine rifiutò la richiesta di rimuovere Annibale dalla sua posizione e lo portasse a Roma. questa volta la Roma ha affrontato un formidabile avversario. Nel periodo successivo alla prima guerra, Cartagine creò un potente esercito. Annibale guidò questo esercito attraverso l’Europa e nel settembre 218 guidò l’esercito cartaginese attraverso le Alpi per iniziare l’invasione dell’Italia. 

-Pubblicità-

Annibale passa le Alpi

L'espansione di Roma durante la monarchia
La battaglia di Zama

Dopo nove giorni i Cartaginesi arrivarono al giogo delle Alpi attraverso luoghi impraticabili e dopo aver spesso sbagliato strada, poiché le guide li traevano in errore. Quando ormai non ne potevano più dalla stanchezza per tante fatiche, la caduta della neve riempi i loro animi di spavento. Dappertutto si formò un mantello bianco e la colonna marciava a fatica. Tutti avevano sul volto i segni dello sfinimento e della disperazione. Allora Annibale li fece fermare sulla vetta di un promontorio, dalla quale la vista spaziava per largo tratto e, indicando loro in lontananza l’Italia, li incitò.

«Voi state scalando non solo le mura dell’Italia, ma anche quelle della città di Roma: d’ora in poi il viaggio sarà molto più facile e con una battaglia o al massimo con due avrete in vostro potere la capitale della penisola.»

Tito Livio

3a guerra punica (149-146 a.C.)

Negli anni successivi Roma continuò a conquistare gli stati greci a est. A occidente soppressero brutalmente gli Iberi e scatenarono la loro ira sui Cartaginesi. Gli storici hanno registrato le parole di un importante condottiero romano, Catone, che alla fine di un discorso su qualsiasi argomento disse anche: penso che Cartagine debba essere distrutta?. 

Durante la prima metà del II secolo aC, pur non riprendendo molto potere, con attività commerciali, Cartagine restaurò anche gran parte della sua antica prosperità. Roma divenne sempre più sospettosa di una rinascita cartaginese e chiese ai Cartaginesi di abbandonare le loro città e di ritirarsi nel profondo del continente nordafricano. 

Cartagine, un paese commerciale dipendente dal commercio marittimo, rifiutò questa richiesta. Il Senato romano dichiarò guerra. Dopo un periodo di assedio, I romani conquistarono la città, i soldati romani andarono porta a porta massacrando la popolazione cartaginese. Questa fu forse l’esecuzione sistematica più sanguinosa prima della seconda guerra mondiale. I Cartaginesi sopravvissuti furono venduti come schiavi. I porti marittimi e le città vengono distrutti.

-Pubblicità-

Conquista la Grecia

L’espansione di Roma durante la monarchia. In un periodo in cui Roma era impegnata in controversie politiche interne e alla conquista dell’Italia, i greci macedoni (situati tra la Jugoslavia e la Grecia) conquistarono gran parte del territorio greco. Nel 324 aC, quando Roma non aveva ancora conquistato tutta l’Italia ed era ancora impantanata nel conflitto tra la nobiltà e i poveri, l’intero territorio mondiale a est di Roma apparteneva a un solo uomo, Alessandro Magno, probabilmente il più grande militare in storia antica. 

Espansione di Roma durante la monarchia. Con altre guerre di conquista, alla fine del II secolo a.C., Roma aveva esteso il suo dominio su tutto il Mediterraneo. Roma divenne cosi il più grande e potente Stato del Mediterraneo; infatti i suoi domini si estendevano dalla penisola iberica all’Anatolia e dall’Italia settentrionale alle coste africane.

La crisi della Repubblica

Le nuove conquiste acuirono il divario tra le classi sociali. La gente comune romana includeva agricoltori, artigiani e altri lavoratori manuali. Una parte dei contadini lavorava nelle proprie piccole fattorie, il resto, insieme ad artigiani e altri operai, lavorava per la nobiltà con un buon salario. Le terre conquistate o sottratte ai vinti venivano divise tra i grandi proprietari terrieri: aumentava cosi la ricchezza di pochi e cresceva la miseria di molti.

Per rimediare a questa situazione, il tribuno della plebe Tiberio Gracco propose che i nobili restituissero parte del terreno pubblico di cui si erano impadroniti per distribuirlo ai contadini poveri. I patrizi si ribellarono e fomentarono sommosse durante le quali Tiberio Gracco fu ucciso. La stessa sorte toccò al fratello Caio Gracco, che aveva continuato la lotta in difesa dei diritti della plebe. Presto i contrasti fra patrizi e plebei sfociarono in una guerra civile. A questa si aggiunse poi la rivolta degli schiavi, guidati da Spartaco. Occorsero due anni per domare la ribellione e molti schiavi furono uccisi.

Lotta tra Cesare e Pompeo

La lotta iniziò dopo la grande rivolta degli schiavi, che scosse tutta l’Italia. Molti latifondi furono rovinati. Un numero enorme di schiavi è morto. Poiché non c’erano abbastanza mani, i proprietari di schiavi iniziarono ad affittare le loro proprietà in piccole parti ai contadini. Tali inquilini liberi erano chiamati colonne. La paura di una nuova rivolta degli schiavi costrinse anche i proprietari di schiavi a ricorrere all’affitto della loro terra.

Lotta tra Cesare e Pompeo
Lotta tra Cesare e Pompeo

Guerra civile

Espansione di Roma durante la monarchia. C’erano tre comandanti principali a Roma che aspiravano al potere. Tutti, facendo affidamento sull’esercito, potrebbero diventare un dittatore militare. Uno di loro era il comandante Pompeo. Combatté a lungo in Oriente e tornò in Italia con un enorme bottino. Il secondo fu il ricco Marco Licinio Crasso, che divenne famoso tra i proprietari di schiavi romani per la sua vittoria su Spartaco.

Infine, il terzo era Cesare. Era più giovane dei suoi rivali, ma li superava con abilità brillanti. Cesare apparteneva a una famiglia nobile. Era considerato un democratico. Come comandante, divenne famoso in Spagna, dove, essendo il governatore, conquistò una delle tribù.

Tuttavia, né Pompeo, né Marco Licinio Crasso, né Cesare erano ancora così forti che ciascuno di loro individualmente poteva prendere il potere. Pertanto, decisero di concludere un’alleanza e condividere il potere nello stato (60 aC). Cesare andò a conquistare la Gallia Transalpina. Marco Licinio Crasso partì per l’Oriente, mentre Pompeo rimase a Roma.

Marco Licinio Crasso cadde durante la guerra in Mesopotamia. Cesare conquistò la Gallia entro sette anni. Pompeo rimase a Roma per tutto questo tempo. I successi di Cesare in Gallia suscitarono in lui invidia e paura. Temeva che con l’aiuto delle sue truppe Cesare avrebbe preso il potere a Roma. Anche la maggioranza del Senato era contraria a Cesare. Pertanto, c’è stato un riavvicinamento tra il Senato e Pompeo

Cesare alla fine sconfisse Pompeo, ma dovette combattere con i suoi sostenitori per altri tre anni. Solo nel 45 a.C. e. la resistenza armata è stata spezzata. Cesare divenne l’unico e illimitato sovrano di Roma, nonché il fondatore dell’antica repubblica.

Un capo unico: Giulio Cesare

L’ordine fu ristabilito da Giulio Cesare, un grande generale che aveva conquistato la Gallia. Egli emanò nuove leggi per lo sviluppo dell’ agricoltura e del commercio, fece ricostruire opere pubbliche per dar lavoro ai disoccupati, ma commise l’errore di accentare nelle sue mani tutte le cariche politiche e militari. Si fece nominare dittatore a vita, cioè capo unico con i poteri di un re. Questa politica incontrò l’opposizione di alcuni cittadini legati alle tradizioni repubblicane e che non volevano essere governati da un solo uomo.

A seguito di numerose guerre del III e II secolo aC. i romani conquistarono la maggior parte del Mediterraneo, parte del Nord Africa, la penisola balcanica. Tutte queste guerre erano di natura aggressiva e predatoria. Erano vantaggiosi solo per i grandi proprietari di schiavi romani: ricchi proprietari terrieri, usurai e mercanti. Contadini, artigiani, piccoli mercanti non ricevevano nulla da loro.

Essi organizzarono una congiura nella quale Cesare fu ucciso (44 a.C.).

Cristina Giordano
Cristina Giordanohttps://appuntisulblog.it/
Ciao a tutti, sono Cristina Giordano, una blogger che si occupa di moda, viaggi, tecnologia, alimentazione e benessere.

4 Commenti

Sottoscrivi
Notificami
4 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Lucia

Questo articolo Mi ha riportato indietro nel tempo quando A scuola abbiamo studiato questo argomento devo ammettere che la storia Mi è sempre piaciuta anche se ho comunque odiato le date e tutt\’ora ancora non riesco a ricordare

Marina Napolitano

Ho scoperto qualcosa in più. Grazie per il tuo post

mary pacileo

adoro la storia ed ho letto con piacere questo tuo approfondimento, ben fatto davvero

Mara

Eh si Giulio Cesare fu davvero un capo unico nella storia di Roma la dinastia Giulio Claudia fu molto importante

Articoli Correlati

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina