La magia della Musica sul Cervello e Benessere

Date:

La musica è uno dei più antichi linguaggi del mondo, che ha un impatto sull’umore, il benessere e la salute.

La magia della Musica sul Cervello e Benessere. La ricerca scientifica ha dimostrato che la musica può avere effetti benefici sul cervello, sull’umore e sulla memoria. In questo articolo esploreremo le varie forme di impatto che la musica ha sulla mente umana. Tutti amiamo la musica. Non ci sono due persone che hanno gli stessi gusti musicali, ma tutti la adorano. 

La magia della Musica sul Cervello e Benessere
La magia della Musica sul Cervello e Benessere

Cosa ci attrae della musica e perché ha un impatto così potente? In che modo sono correlate le preferenze musicali di una persona e le sue caratteristiche psicologiche, nonché la struttura del suo cervello? Perché alcune canzoni provocano gioia, mentre altre precipitano nello scoraggiamento? 

Origini della musica

L’archeomusicologia, una disciplina all’incrocio tra archeologia ed etnomusicologia, è nata negli anni ’70 con l’obiettivo dichiarato di scoprire e verificare i manufatti musicali delle società antiche e preistoriche. In una fase abbastanza precoce del nostro sviluppo, noi esseri umani usavamo senza dubbio strumenti musicali, producevamo questi suoni utilizzando il nostro principale strumento interno: la voce.

Il canto, sia solista che corale, è oggi ancora più diffuso nel mondo rispetto alla musica strumentale, ed è generalmente accettato che, insieme alle percussioni di origine umana con battimani, rappresenti la forma basilare dell’espressione musicale.

I primi strumenti musicali

Neanderthal Bone Flute Music

Un “fischietto” ricavato da un osso falangeo di bisonte circa 100.000 anni fa e rinvenuto nella grotta libica di Haua Fteah è considerato come “il più antico strumento sopravvissuto”, e un flauto di Divya Baba, scolpito dal femore di un giovane orso delle caverne 60.000 anni fa. Il flauto è stato scoperto nel 1995 da Ivan Turk in una grotta slovena del Paleolitico medio, nota come habitat per i Neanderthal. 

La magia della Musica sul Cervello e Benessere

Ancor più certa è l’origine umana di flauti realizzati circa 40.000 anni fa, il più famoso flauto ricavato dall’osso dell’ala di un avvoltoio dalla testa bianca, rinvenuto nella grotta di Hole Fels vicino a Ulm in Germania. Il flauto Hole Fels è stato trovato insieme ad altri manufatti come una statuetta femminile, suggerendo l’esistenza di una società esteticamente avanzata che includeva musica e arte con strumenti musicali.

Effetto sulla Memoria

La musica può esercitare un effetto notevole sulla memoria, aiutando le persone ad afferrare e ricordare le informazioni più facilmente. Uno studio del 2012 ha dimostrato che le persone che hanno ascoltato la musica prima di imparare una lezione hanno mostrato una migliore memoria a lungo termine rispetto ai gruppi di controllo.

-Pubblicità-

È stato anche dimostrato che la musica può aiutare a ricordare le informazioni più facilmente e più velocemente. Ad esempio, uno studio del 2015 ha rilevato che i bambini che hanno ascoltato la musica prima di imparare una lezione hanno risultati migliori e ricordano le informazioni più velocemente.

Effetto sull’Umore

La magia della Musica sul Cervello e Benessere
La magia della Musica sul Cervello e Benessere

La musica può anche avere un impatto positivo sull’umore. Ci sono molti studi che hanno dimostrato che ascoltare la musica può aiutare ad alleviare lo stress e la depressione. Una ricerca ha scoperto che l’ascolto di musica classica ha contribuito a ridurre i livelli di ansia e depressione nei ragazzi adolescenti. Un altro studio ha dimostrato che ascoltare musica può aiutare a migliorare l’umore e contribuire a ridurre i livelli di stress.

Effetti musica sul cervello

La musica può anche avere un impatto sulla forza della mente. Uno studio del 2017 ha scoperto che ascoltare la musica può aiutare a migliorare le capacità cognitive, come la memoria e l’attenzione. Un altro studio ha scoperto che la musica può aiutare a migliorare le abilità di problem solving e di ragionamento. Uno studio più recente ha dimostrato che i bambini che ascoltano la musica possono avere una maggiore capacità di memoria.

Amusia, o sordità musicale

Una parte della popolazione (circa il 4 per cento) soffre di una condizione nota come amusia, o sordità musicale. L’Amusia può derivare da variazioni genetiche naturali o lesioni subite in un incidente grave e presenta un’ampia gamma di sintomi. In una forma lieve, l’amusia si manifesta semplicemente nell’indifferenza per la musica. Nei casi più gravi, la capacità di percepire correttamente il tono, il ritmo o il suono può essere persa. Nella sua forma più grave, l’amusia può portare a un completo rifiuto della musica.

La musica può avere un impatto molto positivo sulla mente umana. È stato dimostrato che la musica può aiutare a migliorare la memoria, l’umore e la forza della mente. Avere una comprensione più profonda della musica può aiutare a migliorare la nostra salute mentale e benessere. La musica è un dono prezioso che ci offre una varietà di benefici e può essere un mezzo prezioso per alleviare lo stress, aumentare la concentrazione e migliorare la nostra vita.

La magia della Musica sul Cervello e Benessere

L’affermazione che la musica è amata da tutti non dovrebbe significare che sia un linguaggio unico e universale che sia ugualmente compreso da tutti i popoli del mondo. Riconoscere una melodia e muoversi al ritmo della musica sono abilità per la maggior parte delle persone, anche se banali, ma allo stesso tempo fondamentali per la nostra musicalità. 

Tutto ciò ci indica che c’è qualcosa nel nostro rapporto con la musica che ci dà piacere – altrimenti perché è percepita in modo così universale? 

Cristina Giordano
Cristina Giordanohttps://appuntisulblog.it/
Ciao a tutti, sono Cristina Giordano, una blogger che si occupa di moda, viaggi, tecnologia, alimentazione e benessere.
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Articoli Correlati

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina