Nel nome dell’impero, romanzo di Ben Kane

Date:

La Newton Compton porta in libreria un nuovo grande romanzo a sfondo storico firmato da Ben Kane: Nel nome dell’impero (Hunting the Eagles, 2016). Un romanzo di narrativa storica di Ben Kane, pubblicato per la prima volta nel 2009. È il primo libro della serie che segue le imprese del legionario romano Titus Pullo.

“In the Name of Empire” è un romanzo storico scritto da Ben Kane ed è l’ottavo capitolo della sua serie “Eagles of Rome”. La storia segue il generale romano Giulio Cesare durante le sue campagne in Gallia e Gran Bretagna.

Dopo aver letto il romanzo storico “Le aquile della guerra” (Newton Compton, 2016, ecco il secondo titolo della serie delle Aquile, “Nel nome dell’impero”, un robusto volume di 382 pagine, in piena diffusione di questi tempi a un prezzo sorprendente per un solido cartonato (euro 7,50).

Ambientato nel I secolo a.C., il romanzo racconta la storia dell’ascesa di Pullo da umili origini fino a diventare uno dei soldati più fidati di Giulio Cesare.

Ecco una panoramica della trama

Il romanzo inizia con il ritorno di Cesare a Roma dopo la conquista della Gallia. Viene accolto con il benvenuto di un eroe, ma i suoi nemici politici complottano contro di lui. Il Senato è diviso tra chi sostiene Cesare e chi teme il suo crescente potere.

Per consolidare il suo potere, Cesare decide di intraprendere una campagna per conquistare la Gran Bretagna. Crede che questo aumenterà ulteriormente la sua popolarità e gli darà una forte posizione contrattuale nelle prossime battaglie politiche a Roma.

Cesare sbarca in Gran Bretagna con un grande esercito e incontra rapidamente la resistenza delle tribù locali. I Britanni sono guidati da un carismatico capo chiamato Cassivellauno, che unisce le tribù contro l’invasione romana.

-Pubblicità-

L’esercito di Cesare deve affrontare una feroce opposizione da parte dei Britanni e la campagna è molto più difficile di quanto avesse previsto. I britannici usano tattiche di guerriglia per molestare i romani e l’esercito di Cesare è costretto a combattere una serie di sanguinose battaglie.

Nonostante le sfide, Cesare alla fine esce vittorioso. Sconfigge Cassivellauno e installa un governo filo-romano in Gran Bretagna. Tuttavia, è costretto a tornare a Roma prima di poter garantire completamente la sua conquista.

Tornati a Roma, i nemici politici di Cesare sono diventati ancora più potenti. Lo accusano di tradimento e tentano di farlo dichiarare nemico pubblico. Cesare risponde guidando il suo esercito attraverso il fiume Rubicone, un atto considerato equivalente a dichiarare guerra al Senato.

Ciò scatena una guerra civile tra Cesare e i suoi nemici, conosciuta come la Grande Guerra Civile Romana. Il romanzo si conclude con le forze di Cesare in marcia su Roma, pronte ad affrontare i suoi nemici in una battaglia decisiva.

Nel nome dell'impero, romanzo di Ben Kane

Nel nome dell’impero, romanzo di Ben Kane

La storia inizia con Pullo da giovane che vive in un piccolo villaggio in Italia. È costretto a fuggire dalla sua casa dopo aver ucciso un uomo in uno scontro e alla fine si unisce all’esercito romano. Pullo dimostra rapidamente di essere un soldato abile e coraggioso e viene presto promosso al grado di centurione.

L’unità di Pullo viene inviata in Gallia per combattere contro il capo gallico Vercingetorige. I Galli sono combattenti feroci e i romani sono in inferiorità numerica e sconfitti. Tuttavia, Pullo e i suoi uomini riescono a sconfiggere i Galli nella battaglia di Alesia.

14 d.C., Germania. Sono passati ben cinque anni da quando le tribù germaniche sono riuscite ad annientare in una formidabile imboscata tre legioni romane. Una sconfitta pesante, che ha lasciato il segno nell’esercito romano.

-Pubblicità-

Per Lucio Tullo e i suoi legionari, unici sopravvissuti all’attacco, è giunto il momento della rivincita contro un nemico che minaccia seriamente le sorti del glorioso impero romano. 

L’impresa è però resa difficile dallo schieramento compatto dei barbari, riuniti sotto il comando del feroce Arminio, un tempo alleato di Roma, la cui sete di vendetta non si è mai placata. 

In un primo momento la fortuna sembra essere dalla parte dei romani, che entrano in territorio nemico e conquistano con apparente facilità un villaggio dietro l’altro, ma abbassare la guardia potrebbe rivelarsi di nuovo fatale. 

I guerrieri del nord infatti, a differenza di molti soldati romani, sono disposti a sacrificarsi con ogni mezzo fino alla fine…

-Pubblicità-

Dopo le guerre galliche, Pullo viene inviato in Egitto per combattere contro le forze di Cleopatra. Pullo e i suoi uomini vincono e Cleopatra è costretta a fuggire dall’Egitto.

Pullo torna a Roma da eroe e gli viene offerto un corteo trionfale. Viene anche promosso al grado di tribuno. Pullo continua a servire Giulio Cesare e alla fine è presente all’assassinio di Cesare.

Storia dell’ascesa di Pullo

Nel grande arazzo della storia romana ci sono innumerevoli storie di valore, ambizione e intrighi. Tra questi, spicca la storia di Lucio Voreno e Tito Pullone, due soldati comuni che scalarono i ranghi fino a diventare figure leggendarie, a testimonianza dello spirito indomabile della legione romana.

Il loro viaggio iniziò negli anni tumultuosi della tarda Repubblica Romana, in mezzo al caos e allo spargimento di sangue delle guerre civili. Pullo, un personaggio straordinario noto per la sua personalità turbolenta e il suo coraggio spericolato, si ritrovò a combattere al fianco di Voreno, un soldato più riservato e calcolatore. Insieme, hanno resistito alle tempeste della battaglia, creando un legame indissolubile di amicizia e lealtà.

Un momento decisivo nella loro ascesa alla ribalta avvenne durante l’invasione della Gallia da parte di Cesare. Voreno e Pullone, servendo come centurioni nelle legioni di Cesare, si distinsero nelle feroci battaglie contro le tribù galliche. Il loro coraggio e il loro acume tattico attirarono l’attenzione dello stesso Cesare, che riconobbe le loro eccezionali capacità e li promosse a ranghi più alti.

Mentre le campagne di Cesare si espandevano, Voreno e Pullone continuarono a dimostrare il loro valore. Combatterono fianco a fianco nella cruciale battaglia di Alesia, dove le forze di Cesare sconfissero in modo decisivo la ribellione gallica guidata da Vercingetorige. Le loro azioni eroiche durante l’assedio di Alesia valsero loro un ampio riconoscimento e consolidarono il loro posto tra gli ufficiali più fidati di Cesare.

La fine delle guerre galliche portò nuove sfide e opportunità per Voreno e Pullo. Le ambizioni politiche di Cesare lo portarono in conflitto con il Senato e Pompeo Magno, provocando lo scoppio di una guerra civile. Voreno e Pullone rimasero fedeli a Cesare, combattendo nelle sue campagne contro Pompeo e i suoi alleati.

Durante la battaglia di Farsalo, Voreno e Pullone dimostrarono ancora una volta il loro straordinario coraggio e abilità. Voreno, alla guida di una coorte di legionari, si lanciò nella mischia, sfondando le linee di Pompeo e provocando il panico diffuso tra i nemici. Pullo, combattendo al suo fianco, salvò la vita di Voreno uccidendo un guerriero gallico che stava per abbatterlo.

La vittoria di Cesare a Farsalo consolidò il suo controllo su Roma, e Voreno e Pullone furono ricompensati per la loro incrollabile lealtà. Furono promossi rispettivamente al grado di tribuno e pretore, diventando ufficiali di alto rango nelle legioni di Cesare.

La loro ascesa di grado fu una testimonianza della loro abilità militare e della loro capacità di esigere rispetto e lealtà dai loro commilitoni.

Con la crescita del potere di Cesare, aumentarono anche l’invidia e il risentimento dei suoi rivali politici. Un gruppo di senatori, guidati da Marco Giunio Bruto e Gaio Cassio Longino, cospirarono per assassinare Cesare. Nel fatidico giorno delle Idi di marzo colpirono, pugnalando a morte Cesare nell’aula del Senato.

Voreno e Pullo, presenti durante l’assassinio, rimasero scioccati e infuriati. Hanno tentato di difendere Cesare, ma erano in inferiorità numerica e sconfitti. Voreno fu gravemente ferito nella mischia, mentre Pullo riuscì a fuggire e unirsi a Marco Antonio, uno dei più stretti alleati di Cesare.

Le conseguenze dell’assassinio di Cesare precipitarono Roma in una nuova fase di guerra civile. Voreno e Pullo si trovarono sui lati opposti del conflitto, con Voreno che sosteneva l’erede di Cesare, Ottaviano, e Pullo che combatteva per Antonio.

Si affrontarono sul campo di battaglia nella battaglia di Mutina, dove le forze di Pullo furono sconfitte. Lo stesso Pullo fu catturato, ma fu risparmiato da Ottaviano, che riconobbe il suo valore come abile comandante.

Con la sconfitta di Antonio e Cleopatra nella battaglia di Azio, Ottaviano emerse come il sovrano indiscusso di Roma. Divenne il primo imperatore romano, noto come Cesare Augusto, e inaugurò un’era di pace e prosperità.

Voreno e Pullone, dopo aver combattuto su entrambi i fronti delle guerre civili, alla fine si riconciliarono e prestarono servizio sotto Augusto, contribuendo alla stabilità e alla sicurezza dell’Impero Romano.

La storia dell’ascesa di Pullo da soldato comune a ufficiale di alto rango è una storia di coraggio, lealtà e determinazione incrollabile. Il suo viaggio, intrecciato con quello del suo amico e compagno Lucio Voreno, offre uno sguardo all’era tumultuosa e trasformativa della Repubblica Romana e agli albori dell’Impero Romano.

L’autore

Ben Kane è nato in Kenya e si è poi trasferito con la famiglia in Irlanda. Laureato in Veterinaria, è un grande appassionato di storia. 

È considerato uno dei massimi autori di romanzi storici contemporanei.
Info

Titolo libro: Nel nome dell’impero
Autore del libro: Ben Kane
Genere: Romanzi e saggi storici
Categoria: Narrativa Straniera
Casa editrice: Newton Compton
Anno di pubblicazione: 2017

Nel nome dell’Impero è un romanzo storico frenetico ed emozionante. Ben Kane riporta in vita il mondo antico con le sue descrizioni vivide e la sua attenzione ai dettagli. I personaggi sono ben sviluppati e credibili e la trama è piena di colpi di scena.

Se sei un fan dei romanzi storici, allora consiglio vivamente In the Name of Empire. È un’ottima introduzione alla serie Eagles of Rome e sicuramente ti farà divertire dall’inizio alla fine.

Cristina Giordano
Cristina Giordanohttps://appuntisulblog.it/
Ciao a tutti, sono Cristina Giordano, una blogger che si occupa di moda, viaggi, tecnologia, alimentazione e benessere.
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Articoli Correlati

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina