Quali sono i fiumi principali della Campania?

Date:

Immersi nella regione mozzafiato della Campania, in Italia, si trovano magnifici fiumi, ma quali sono i fiumi principali della Campania? Dalle tranquille acque del fiume Sarno al maestoso scorrere del fiume Volturno, al fiume Sele con diversi affluenti, tra cui i fiumi Tanagro, Calore e Picentino.

In questa guida, ti accompagneremo in un viaggio attraverso i fiumi della Campania, svelando le gemme nascoste, le straordinarie attrazioni e la miriade di attività che attendono le anime avventurose. Che tu stia cercando un tranquillo giro in barca, un’emozionante esperienza di sport acquatici o un luogo sereno in cui semplicemente immergerti nella bellezza della natura, i fiumi della Campania offrono tutto.

Ogni corso d’acqua della Campania ha una storia da raccontare e un paesaggio pittoresco da esplorare. Ecco alcuni dei principali fiumi campani:

Quali sono i fiumi principali della Campania?

Quali sono i fiumi principali della Campania?
Quali sono i fiumi principali della Campania?

La Campania, situata nella parte meridionale dell’Italia, è una regione dotata di un paesaggio vario e pittoresco. Dalle splendide coste alle aspre montagne, questa regione offre una ricchezza di bellezze naturali da esplorare. Uno degli aspetti più incantevoli del paesaggio campano è la rete di fiumi che attraversano la regione che offrono una tranquilla fuga dal trambusto della vita cittadina.

1. Il fiume Sarno

Il fiume Sarno

Il fiume Sarno è un corso d’acqua che riveste un grande significato storico e culturale, si estende per oltre 24 chilometri, e si snoda attraverso paesaggi pittoreschi. Le acque hanno fornito sostentamento alle comunità lungo le sue sponde per secoli. Il fiume scorre attraverso la città di Pompei, nota per le sue antiche rovine che offrono uno scorcio sulla vita durante l’Impero Romano.

Quale attività offre il fiume Sarno?

Per gli appassionati della natura e in cerca di avventure, presso quali sono i fiumi principali della Campania possono trovare ogni divertiemto? il fiume Sarno ospita un ecosistema diversificato, che supporta varie specie vegetali e animali. Gli amanti del birdwatching possono avvistare una varietà di specie di uccelli, tra cui aironi e martin pescatori, mentre fanno una piacevole passeggiata lungo le sue sponde.

Il fiume Sarno offre anche la possibilità di dedicarsi ad attività ricreative come la pesca, anguille, carpe e spigole, e la nautica da diporto. Gli appassionati di canottaggio possono navigare lungo il fiume, godendosi l’ambiente tranquillo e la brezza rinfrescante.

2. Il fiume Volturno

fiume Volturno

Il fiume Volturno è il fiume più lungo della Campania, si estende per circa 175 km, ha origine negli Appennini e attraversa le province di Caserta e Benevento prima di sfociare nel Mar Tirreno. Uno dei punti salienti è la sua ricca biodiversità, ospita una vasta gamma di flora e fauna, rendendolo un paradiso per gli amanti della natura.

Il fiume Volturno ha un significato storico poiché ha svolto un ruolo vitale nello sviluppo e nella cultura della regione. Lungo le sponde incontrerai antiche rovine, castelli medievali e affascinanti borghi che testimoniano la ricca storia della zona.

Per chi cerca attività e avventure all’aria aperta, il fiume Volturno offre ampie opportunità. Che tu preferisca il kayak, la canoa o semplicemente fare un piacevole giro in barca, il fiume offre uno scenario sereno e panoramico per le tue scappatelle sull’acqua. Puoi anche esplorare i vicini sentieri escursionistici, dove sarai ricompensato con panorami mozzafiato.

3. Fiume Sebeto scomparso

Fiume Sebeto

Il fiume Sebeto era un breve fiume che attraversava la città di Napoli e sfocia nel Golfo di Napoli, lungo circa 12 km e nasceva dalle pendici del Vesuvio, nei pressi del comune di Ottaviano. Il fiume Sebeto ha svolto un ruolo importante nella storia della regione. Nell’antichità era conosciuto come il “Fiume della Sibilla” ed era considerato sacro dagli antichi Greci e Romani, testimonianza visibile sul lungomare, una fontana seicentesca che raffigura il Sebeto. Il fiume fu anche un’importante fonte d’acqua per la città di Napoli durante il Medioevo.

4. Fiume Regi Lagni

Fiume Regi Lagni – percorso

Il Regi Lagni è un fiume canalizzato che attraversa la città di Napoli e sfocia nel Golfo di Napoli. È lungo circa 10 km e attraversa il territorio di diversi comuni, tra cui Caserta, Capua e Santa Maria Capua Vetere. Il fiume nasce dalle pendici del Monte Maggiore, ad un’altitudine di circa 400 metri sul livello del mare, poi scorre per circa 70 chilometri prima di sfociare nel fiume Volturno, che infine sfocia nel Mar Tirreno.

Nell’antichità il fiume Regi Lagni costituiva una fonte d’acqua essenziale per la città di Capua, importante centro di potere dell’Impero Romano. Il fiume veniva utilizzato anche per scopi di irrigazione e di trasporto. Oggi il fiume continua a sostenere l’economia locale, in particolare nel settore agricolo, la sua fertile valle ospita una varietà di colture, tra cui frutta, verdura e cereali ed è anche un habitat importante per varie specie di pesci e altri organismi acquatici.

Lungo il corso del fiume Regi Lagni si possono esplorare il corso del fiume, visitare antiche rovine e siti storici e praticare attività all’aria aperta come trekking, ciclismo ed equitazione. La valle del fiume ospita numerose riserve naturali e aree protette, essenziali per preservare la biodiversità della regione.

5. Fiume Clanio

Il fiume Clanio è un affluente del fiume Volturno, lungo circa 30 km. Scorre nel territorio dei comuni di Caserta, Maddaloni e Marcianise. Il fiume nasce dalle pendici dei Monti Tifata, ad un’altitudine di circa 400 metri sul livello del mare, arriva nel fiume Volturno, che sfocia infine nel Mar Tirreno.

Il fiume Clanio ha un significato storico, poiché era un importante corso d’acqua in epoca romana. La valle del fiume è stata inoltre abitata da diverse civiltà, tra cui i Sanniti e i Longobardi, che hanno lasciato il segno nella cultura e nell’architettura locale. Il paesaggio circostante offre opportunità per attività all’aperto, come escursionismo, pesca e birdwatching. I visitatori possono anche esplorare le vicine città e paesi storici, tra cui Caserta, con il suo splendido Palazzo Reale, e Marcianise, nota per il suo castello medievale.

6. Fiume Isclero

Il fiume Isclero è un affluente del fiume Volturno, che scorre nella provincia di Benevento. È lungo circa 25 km.

7. Fiume Ufita

Il fiume Ufita è un affluente del fiume Volturno, che scorre nella provincia di Avellino. È lungo circa 20 km.

8. Fiume Calore Irpino e Gole del Sammaro

gole del Sammaro lungo il fiume Calore

Il fiume Calore Irpino è un affluente del fiume Volturno, lungo circa 15 km. Scorre nella provincia di Avellino e di Benevento, il corso del fiume Calore offre un’atmosfera serena, perfetta per una giornata di relax e godere della visita di bellissimi borghi come Roscigno Vecchia. Puoi fare un’escursione lungo le rive del fiume, dedicarti al birdwatching o semplicemente sederti e goderti l’ambiente tranquillo.

Gole del sammaro Sacco ( Salerno)
Gole del sammaro Sacco ( Salerno)

Per coloro che preferiscono fare una passeggiata, i sentieri lungo il fiume offrono ottime opportunità di escursioni a piedi e in bicicletta. Lungo i sentieri potresti incontrare cascate nascoste con gole meravigliose come le gole del Sammaro, antiche rovine e fauna selvatica diversificata, rendendo ogni escursione un’avventura unica.

9. Fiume Sabato

Fiume Sabato

Il fiume Sabato è un affluente del fiume Volturno, lungo circa 50 km. Scorre attraverso gli Appennini e le valli delle province di Avellino e Benevento. Nasce dal Monte Terminio, ad un’altitudine di circa 1.800 metri sul livello del mare, attraversa i comuni di Avellino, Atripalda e Monteforte Irpino, prima di gettarsi nel fiume Calore Irpino, affluente del fiume Volturno.

Il fiume Sabato è noto per le sue acque a flusso rapido, ricche di ossigeno e che supportano una varietà di vita acquatica. Ha svolto un ruolo importante nell’economia locale, soprattutto in passato. Le acque del fiume venivano utilizzate per alimentare mulini e altre attività industriali, come la produzione di carta e quella tessile.

Oggi il fiume Sabato è una destinazione popolare per gli appassionati di attività all’aria aperta, offrendo opportunità per l’escursionismo, la pesca e la canoa. Le pittoresche valli del fiume e le montagne circostanti attirano turisti interessati alla natura, alla cultura e alla storia. Inoltre il fiume Sabato fa parte della rete Natura 2000, un’iniziativa dell’Unione europea che mira a proteggere e preservare gli habitat e le specie naturali. Lo spartiacque del fiume ospita una varietà di flora e fauna, tra cui diverse specie in via di estinzione.

10. Fiume Sele

Il fiume Sele è un importante corso d’acqua dell’Italia meridionale, lungo circa 64 chilometri che proviene dagli Appennini. Attraversa le province di Salerno e Avellino prima di sfociare nel Mar Tirreno.

7 curiosità sul fiume Sele:

Fiume Sele

1. Ha svolto un ruolo cruciale nella storia della regione, con antiche civiltà come i Greci e i Romani che si insediarono lungo le sue sponde. Ha le sue sorgenti negli Appennini, più precisamente nella provincia di Avellino, in Campania. Le sue antiche origini risalgono all’epoca romana, quando era conosciuto come “Siler” o “Silarius”, qui Spartacus combattè la Battle of the Silarius River. Il fiume è stato per secoli un importante corso d’acqua, sostenendo l’agricoltura, l’industria e gli insediamenti umani lungo le sue sponde.

2. Scorre attraverso il cuore della zona vinicola campana, passando attraverso le province di Avellino, Salerno e Napoli. Le fertili valli del fiume e il clima mite ne fanno una regione ideale per la coltivazione dell’uva, con vini famosi come il Fiano di Avellino, il Taurasi e l’Aglianico prodotti nella zona. La fertile valle del fiume è nota per la produzione agricola, in particolare olive, uva e agrumi. Il fiume Sele sostiene anche le industrie locali come le cartiere e l’industria tessile.

3. La valle del fiume Sele ospita numerosi siti archeologici, tra cui l’antica città di Paestum, patrimonio mondiale dell’UNESCO. Fondata nel VII secolo a.C., Paestum è famosa per le sue splendide rovine greche, tra cui tre dei templi greci antichi meglio conservati al mondo. Inoltre il fiume e il paesaggio circostante offrono opportunità per attività all’aperto come escursionismo, pesca e canoa, e esplorare le pittoresche città e villaggi lungo il fiume, come Eboli e Battipaglia.

4. Il fiume Sele è circondato da diverse riserve naturali, tra cui il Parco Regionale del Fiume Sele e il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Queste aree protette ospitano una vasta gamma di flora e fauna, tra cui la rara rana agile italiana, il lupo appenninico e l’aquila reale.

5. Paradiso della pesca: Il fiume Sele è rinomato per la sua eccellente pesca, con un’ampia varietà di specie ittiche, tra cui trote, anguille e carpe.

6. Come molti fiumi italiani, il fiume Sele deve affrontare sfide ambientali, tra cui l’inquinamento, l’erosione e l’impatto delle attività umane sul suo ecosistema. Sono in corso sforzi di conservazione per proteggere gli habitat naturali e la biodiversità del fiume.

7. Patrimonio culturale: Il fiume Sele ha ispirato numerose opere artistiche e letterarie nel corso della storia, tra cui il famoso poeta italiano Giacomo Leopardi, che scrisse del fiume nelle sue opere.

11. Il fiume Garigliano

Il fiume Garigliano

Il fiume Garigliano è un importante corso d’acqua situato nella regione Campania, nel sud Italia. Ha origine negli Appennini in provincia di Caserta, scorre per circa 158 chilometri prima di sfociare nel Mar Tirreno, nei pressi della città di Minturno. Il fiume Garigliano ha diversi affluenti, tra cui i fiumi Volturno, Lete e Ausente. Sfruttato per la produzione di energia idroelettrica, con diverse dighe e centrali elettriche lungo il suo corso, il fiume è noto per le sue popolazioni ittiche, tra cui trote, anguille e carpe, ospita anche numerosi allevamenti ittici e impianti di acquacoltura.

Il fiume Garigliano ha avuto un ruolo significativo nella storia, in particolare durante la Seconda Guerra Mondiale. Nel 1944, il fiume fu teatro di una grande battaglia tra le forze alleate e l’esercito tedesco, conosciuta come la battaglia del Garigliano. Il fiume e le aree circostanti offrono opportunità di attività ricreative all’aperto, come escursionismo, pesca e canoa. Le valli e le pittoresche cittadine, come Minturno e Sessa Aurunca, attirano turisti interessati alla natura, alla storia e alla cultura.

Attrazioni lungo i fiumi

I fiumi della Campania offrono una vasta gamma di attività e attrazioni per gli amanti della natura e per chi cerca l’avventura. Dalle tranquille gite in barca agli emozionanti sport acquatici, c’è qualcosa per tutti i gusti lungo questi pittoreschi corsi d’acqua. Un’attività popolare è il kayak o la canoa, che ti consente di navigare nei fiumi al tuo ritmo mentre prendi nello scenario mozzafiato. Il fiume Volturno, ad esempio, offre tratti tranquilli perfetti per i principianti, mentre il fiume Sele offre rapide più impegnative per canoisti esperti.

Oltre a queste attività, molti eventi culturali e lungo i fiumi campani si svolgono feste. Dai concerti lungo il fiume e le mostre d’arte alle tradizionali regate in barca, c’è sempre qualcosa che accade per intrattenere e coinvolgere i visitatori.

Questi sono alcuni dei principali fiumi campani, ma ci sono molti altri fiumi e torrenti minori che attraversano la regione.

Articoli Correlati

Luoghi da visitare ad Avellino e dintorni!

Immerso nella pittoresca regione della Campania, nel sud Italia, Avellino è un tesoro nascosto in attesa di essere...

8 Anfiteatri romani in Campania famosi nel mondo

L'Italia è un paese ricco di storia e di architettura mozzafiato, e una regione che li racchiude entrambi...

Storia di Pagani città, patria Tu scendi dalle stelle

Storia di Pagani città, patria Tu scendi dalle stelle di S. Alfonso dei Liquori. Immersa nella pittoresca regione...

Parco regionale Monti Picentini cosa vedere

Nel Parco Regionale Monti Picentini cosa vedere di un tesoro nascosto che aspetta di essere scoperto sia dagli...
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
error: Content is protected !!