Cosa vedere nel parco del Cilento e Vallo di Diano

Date:

Cosa vedere nel parco del Cilento e Vallo di Diano, creato nel 1991 e nel 1997 dichiarato Patrimonio Culturale e Naturale dell’Umanità dall’UNESCO insieme a Paestum, Velia e alla Certosa di Certosa di Padula. 

Territorio con monumenti storici e culturali, e numerosi miti e leggende – dalle storie sulla ninfa Lycosia e i viaggi di Enea, alle rovine delle antiche colonie greche di Elea e Paestum. I paesaggi naturali del Parco, incontaminati dall’uomo, si alternano a terre abitate e coltivate dall’uomo da migliaia di anni.

Comprende parte del territorio di otto comunità montane e ottanta comuni.

Il territorio del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano è il secondo più esteso d’Italia, confina a est con il Vallo di Diano e a ovest e a sud con il Mar Tirreno. Il Parco si estende dalla costa del Mar Tirreno fino alle propaggini degli Appennini lucani e campani e comprende gran parte della costa cilentana, il bosco di Pruno, i monti degli Alburni, del Cervati e del Monte Gelbison

L’area del Parco comprende una zona montuosa con vette come il Cervati (1898 metri) e lo Stella (1130 metri), zone collinari e zone di mare.

Cosa vedere nel parco del Cilento e Vallo di Diano
Cosa vedere nel parco del Cilento e Vallo di Diano

Nel 1997, l’UNESCO ha assegnato al Cilento insieme a due siti marini (Capo Punta Licosa e Punta Infreschi) lo status di riserva della biosfera (che si estende al Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano), e un anno dopo ha incluso questo territorio nella lista del Mondo patrimonio dell’umanità. L’ultimo stato del Cilento deve ai siti archeologici di Paestum ed Elea, nonché al monastero di Certosa di Padula.

Vallo di Diano

Questo fertile altopiano, situato ad un’altitudine di 450 metri sul livello del mare e parte del Parco Nazionale, è chiamato anche Valdiano. Il motivo dell’unione dell’altopiano al Parco Nazionale del Cilento è stata la biodiversità della natura locale e le ricche tradizioni culturali.

Le caratteristiche naturali e artistiche sono: la magnifica Certosa di Padula di San Lorenzo, le grotte carsiche di Pertosa e di Castelcivita. le gole del Sammaro, la città-museo di Teggiano e la Valle delle Orchidee di Sassano.

Il monastero della Certosa di San Lorenzo, fondato nel XIV secolo e utilizzato come prigione durante la seconda guerra mondiale si trova a Padula. Interessanti anche i ruderi del borgo fantasma medievale di San Severino, l’oasi naturalistica di Morigerati, il complesso rupestre di Castelcivita, nonché la singolare città di Maratea, che però si trova sul territorio della vicina Basilicata, ma imperdibile nel Cilento.

Cosa vedere nel parco del Cilento e Vallo di Diano

Costiera cilentana posti da visitare tra mare e terra: Sui suoi tre crinali est-ovest, ci sono diversi templi e villaggi, che mostrano vividamente lo sviluppo storico di questa zona: durante i periodi preistorico e medievale, non era solo il principale canale commerciale in quel momento, ma fu anche centro di scambi culturali e politici a quel tempo. 

Cosa vedere nel parco del Cilento e Vallo di Diano
Templi di Paestum

Paestum, situata a un centinaio di chilometri da Napoli, è la gemma archeologica più preziosa d’Italia, il suo magnifico tempio dorico è famoso in tutto il mondo. L’antica città di Paestum, fondata più di 2.500 anni fa, è l’ideale per iniziare un viaggio lungo la costa a sud di Salerno.

Ecco un parco archeologico con monumenti della Grande Grecia; mare, arte, cibo, nota per la sua spiaggia lunga 15 km e gli eucalipti. 

Poseidonia, come la chiamavano la città i fondatori greci, è un affascinante viaggio nella cultura e nella storia dell’antichità: i maestosi templi dorici di Hera, Atene e Poseidone creano un’atmosfera indimenticabile dell’antichità e sono un magnifico esempio di architettura greca, paragonabile solo al Partenone ateniese.

Agropoli, angolo pittoresco del Sud Italia, è la città più antica del Cilento. Insediamenti umani al suo posto esistevano già durante il periodo neolitico. La città occupa un alto promontorio roccioso sulle rive del Mar Tirreno, e le tradizionali occupazioni dei suoi abitanti fin dall’antichità sono state la caccia e la pesca. 

Velia è un’antica città nella regione del Cilento di Salerno, Campania, Italia meridionale. Fu fondata dai Greci nel 538-535 aC e fu il filosofo della scuola di Elia Parmenide e la città natale di Elia. Queste antiche città caddero insieme all’Impero Romano e i loro resti furono scoperti nel XVIII secolo e oggi sono diventati attrazioni archeologiche.

Cosa vedere nel parco del Cilento e Vallo di Diano
Paestum spiagge

Adagiata su Capo Palinuro, l’omonima località sorge sulle limpide acque della Baia del Buondormire e delle sue spiagge sabbiose

Il borgo marinaro di Castellabate si trasforma anche in una vivace località nel pieno della stagione turistica. molte delle spiagge del Cilento hanno ricevuto più volte la prestigiosa “Bandiera Blu” per la loro pulizia e le eccellenti infrastrutture.

Percorsi trekking, Grotte carsiche e sorgenti

Cosa vedere nel parco del Cilento e Vallo di Diano
scala del castello – grotte di Castelcivita

Numerose grotte del Cilento e del Vallo di Diano sono state scelte da un uomo che in esse ha trovato rifugio fin dall’antichità. Le tracce più antiche di presenza umana risalgono al Paleolitico medio (circa 500mila anni fa), e nelle grotte costiere tra Palinuro e Scario sono stati rinvenuti strumenti primitivi dei nostri primitivi antenati.

Grotte di Pertosa sono un complesso carsico con un fiume sotterraneo navigabile per 1 km, il Negro, le uniche grotte in Europa a conservare i resti di un villaggio palafitticolo risalente al II millennio a.C.

  • Indirizzo: Località Muraglione, 18/20, 84030 Pertosa SA

Grotte di Castelcivita, un sistema di grotte carsiche sotterranee a 94 m di altitudine, di 4800 m di lunghezza, situate tra le rive del fiume Calore ed il versante sud-occidentale dei monti Alburni, con ampi spazi e strettoie scavati dall’azione millenaria dell’erosione carsica.

Cosa vedere nel parco del Cilento e Vallo di Diano
Grotte di castelcivita-cilento
  • Indirizzo: Piazzale Zonzi, 84020 Castelcivita SA

3. Le Gole del Sammaro (Ponte di Sacco) nei Monti Alburni, nel cuore del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. Delle sorgenti situate nella parte terminale di una spaccatura nella roccia calcarea di circa 1600 metri, sovrastata da un ponte in cemento alto oltre 150 metri. A breve distanza ci sono i borghi di Roscigno Vecchia e Sacco da dove parte uno dei percorsi trekking.

  • Indirizzo: Sacco Sacco Provincia di Salerno IT, SP342, 84070 Roscigno

La flora del Cilento

Nel parco nazionale sono registrate circa 1800 specie di piante, di cui una su dieci è endemica o rara. Le varietà di piante aromatiche (mirto, rosmarino, ecc) sono il motivo per cui l’aria è satura di forti odori piacevoli. In primavera le colline si ricoprono d’oro di ginestre in fiore e orchidee.

Di particolare interesse è la vegetazione delle falesie costiere, tra cui rari gigli di mare che possono sopravvivere a diretto contatto con l’acqua del mare. Qui, nella fascia costiera larga non più di 700 metri, sono presenti diverse specie di piante endemiche che necessitano di particolare protezione.

Primula Palinuro – un simbolo vivente del parco nazionale

Cosa vedere nel parco del Cilento e Vallo di Diano
Primula palinuri

Il segno distintivo del parco è la rara primula Palinuro (Primula palinuri Petagna) – un fossile vivente, l’antenato di tutte le altre specie di primule europee e l’unica specie che vive sulla costa. La pianta fiorisce molto presto, alla fine dell’inverno e funge da indicatore dell’aumento della temperatura primaverile.

Tra i templi di Paestum cresce la rosa di Paestumrosa damascena pestana, una rosa molto antica introvabile in altre zone.

La fauna del Cilento

La fauna del Cilento non è meno varia, grazie alla grande diversità degli ecosistemi locali: ci sono zone costiere e di alta montagna, fiumi e torrenti turbolenti, scogliere e foreste. Sulle vette e sugli alpeggi si trovano rare aquile reali, falchi pellegrini, falchi mediterranei, pernici e taccole alpine.

Cucina del Cilento

Il Cilento è dominato da piatti di pesce azzurro, in particolare alici, preparati in vari modi (bolliti, grigliati, fritti, ripieni di formaggio di capra), tonno, pesce spada, branzino e orata, e verdure – prodotti degli orti locali (melanzane, carciofi, asparagi, pomodori, legumi).

Gli ingredienti sono spesso abbinati ai fusilli cilentani. In inverno, prova le zuppe calde di purea di fagioli. Tra i dolci prevalgono i sapori e gli aromi del limone (delizie, babà).

Conclusione

La provincia di Salerno comprende, oltre al Cilento e al Vallo di Diano, anche la Riserva Naturale Foce Sele Tanagro e la Riserva Marina Punta Licosa.

Cristina Giordano
Cristina Giordanohttps://appuntisulblog.it/
Ciao a tutti, sono Cristina Giordano, una blogger che si occupa di moda, viaggi, tecnologia, alimentazione e benessere.
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Articoli Correlati

Luoghi da visitare ad Avellino e dintorni!

Immerso nella pittoresca regione della Campania, nel sud Italia, Avellino è un tesoro nascosto in attesa di essere...

8 Anfiteatri romani in Campania famosi nel mondo

L'Italia è un paese ricco di storia e di architettura mozzafiato, e una regione che li racchiude entrambi...

Storia di Pagani città, patria Tu scendi dalle stelle

Storia di Pagani città, patria Tu scendi dalle stelle di S. Alfonso dei Liquori. Immersa nella pittoresca regione...

Quali sono i fiumi principali della Campania?

Immersi nella regione mozzafiato della Campania, in Italia, si trovano magnifici fiumi, ma quali sono i fiumi principali...
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
error: Content is protected !!