Vini medicati e aceti aromatici

vini medicati

Vini medicati e aceti aromatici

Oleoliti, enoliti e aceti, fitopreparati da conservare, utili in cucina.

Per il benessere generale e per curare le malattie,propongo qualche ricetta molto famosa con i vini medicati e gli aceti aromatici.

Le macerazioni in vino, vini medicati o Enoliti sono di origine antichissima e preparati, sino a pochi decenni fa, con grande perizia in tutte le farmacie e nelle vecchie erboristerie.

Altrettanto dicasi per gli aceti aromatici o le macerazioni in olio, gli Oleoliti e Olii infiorati, che sono molto utili in diverse occasioni.

Non è detto che l’unico modo per valersi delle proprietà delle Erbe commestibili sia assumerle attraverso infusi e decotti.

Quì spiego in dettaglio il modo corretto di operare queste antiche preparazioni a base di Erbe (Fitopreparati).

Enoliti, preparazioni convini medicati

Le macerazioni in vino, vini medicati o Enoliti sono di origine antichissima
vini medicati

Gli Enoliti, “vini medicati” si preparano con un vino di buona qualità, corposo e con elevato grado alcoolico (Barolo, vino di Marsala, Vernaccia, ma anche il vino genuino della nostra vigna). Si macerano droghe secche per 8-10 giorni tenendolo al buio in un vaso ermeticamente chiuso e agitandolo ogni giorno.

READ  Swiss Cheese Parade: polpette per il contest Formaggi svizzeri

Per fare i vini medicati si spreme il contenuto, si filtra con tela e si conserva in piccole bottiglie scure ben tappate.

Esempi di preparazioni di vini medicati: vino al carciofo, al ginepro ecc

Aceti aromatici

Il procedimento per preparare gli aceti aromatici è lo stesso sostituendo il vino con l’aceto, ma aceto genuino, che non sia fatto con acido acetico, ma che deriva anch’esso dal grappolo d’uva.

aceti aromatici
Aceti aromatici

Un esempio di preparazione è l’aceto dei quattro ladri, canforato ecc

Oleoliti: oli vegetali

Olii vegetali in cui si macerano droghe secche chiusi in vasi ermetici esposti al sole per un mese. In alternativa si pone il vaso in bagnomaria per due ore oppure sul calore tiepido del calorifero per 30 giorni.

Poi si spreme, si filtra con la tela e si conserva in piccole bottiglie scure ben tappate. Solitamente si usa l’Olio extravergine d’oliva ma vanno altrettanto bene gli oli di semi purché spremuti a freddo. In alternativa si può usare il prezioso l’olio di mandorle dolci.

Come usarli in cucina

Gli Enoliti (vini medicati) come le grappe aromatizzate che sono conosciute da tutti, servono come aperitivi o digestivi e si consumano a cucchiai o a bicchierini.

READ  Papadopoulou prodotti da forno innovativi e di qualità

Gli aceti aromatici sono pronti a molti usi: detergere piccole ferite, rendere più gradevoli alcuni cibi, dissetare, addolcire le acque calcaree, alleviare il mal di testa. Una quantità di utilizzi dimenticati a favore di una miriade di prodotti commerciali pubblicizzati.

Gli oleoliti servono solo per uso esterno.

Rispolverare le antiche preparazioni delle macerazioni in vino, vini medicati o Enoliti, è piacevolissimo, per poterle avere pronte all’uso. Ancora di più per chi apprezza la genuinità delle cose.

L’importante è farlo sempre con attenzione e con tutte le cure igieniche che si pongono quando si prepara qualcosa di prezioso per la salute.

5 Commenti su “Vini medicati e aceti aromatici

  1. Gli oleoliti di solito lo compro già pronti; i vini medicati mi hanno sempre incuriosito e avrei voluto provare a prepararli. Al ginepro credo che potrei farlo, visto che mi è semplice reperirlo e mi piace pure 😀

  2. Ma che bella l’ Introduzione che hai fatto. Leggo tante cose sugli oleoliti ma il tuo percorso storico mi è piaciuto veramente tanto.

Leave a Review

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *