La vera storia di Biancaneve fratelli Grimm

Date:

Questa emozionante storia ha conquistato rapidamente il mondo ed è diventata una delle fiabe più famose e amate dai bambini europei, e poi dai bambini di tutto il mondo.

La vera storia di Biancaneve fratelli Grimm è una fiaba del medioevo pubblicata nel 1812 insieme a un gruppo di antiche storie per bambini. Una storia che tutti conoscono fin dall’infanzia che ci ha lasciato una profonda impressione per la pura bellezza, il male e la gelosia della regina. Come molte fiabe dei fratelli Grimm, anche questa fiaba si basava su una storia vera avvenuta nel Medioevo, che le persone, abbellite, passavano di bocca in bocca nel corso dei secoli.

La storia della sfortunata figliastra catturò l’interesse di Walt Disney che, nel 1937, girò il lungometraggio d’animazione Biancaneve e i sette nani. Con l’uscita del cartone animato, la storia diventa molto popolare e cominciò a essere considerato solo finzione artistica. Tutti conoscono la storia di una bellissima ragazza odiata dalla matrigna che la avvelena e viene salvata da un principe azzurro. E vissero felici e contenti.

Ma gli storici della letteratura, dopo aver fatto alcune ricerche, sono giunti alla conclusione che c’è del vero nelle oscuri origini della storia di Biancaneve. Mentre punti generali come specchi, mele avvelenate e bare di cristallo sono sempre presenti, dettagli che la Disney non conta.

La vera storia di Biancaneve fratelli Grimm

Una vecchia fiaba racconta la storia di una bellissima principessa che sua madre chiamò Biancaneve per la pelle chiara. Quando sua madre morì, suo padre portò a palazzo una nuova regina, che divenne la matrigna della ragazza. La nuova moglie del re fin dai primi giorni non amava la figliastra, invidiava la sua bellezza. La matrigna aveva uno specchio magico a cui chiedeva se fosse bella. Lo specchio le diceva che era la donna più bella del mondo.

Passarono gli anni, la piccola crebbe, trasformandosi da bella bambina in bella ragazza. Un giorno, guardandosi allo specchio parlante, la regina cattiva sente che ora la figliastra Biancaneve è la donna più bella del mondo. Queste parole fecero arrabbiare la donna che ordinò al cacciatore di portare l’odiata principessa nella foresta e di ucciderla. Ma l’uomo, dispiaciuto per la ragazza, la lasciò andare.

La ragazza vagò nella foresta e si imbatte in una casa dove vivevano sette nani che la invitano a stare con loro. Tutto sarebbe andato bene, ma la matrigna ha chiesto di nuovo al suo specchio magico se fosse bella. Così la regina venne a sapere che la figliastra era con i sette nani. La regina malvagia si travestì da vecchia e diede alla ragazza una mela avvelenata, che lei addentò.

La vera storia di Biancaneve fratelli Grimm
Il principe e i sette nani con la bara

Biancaneve si addormentò e i nani, pensando fosse morta, la misero in una bara di cristallo. Un giorno un bel principe passò davanti alla casa degli gnomi, la vide nella bara di cristallo e si innamorò di lei. Porta con sé la bara, ma lungo la strada, inciampa in una radice, cade e lascia cadere la bara che andò in frantumi e un pezzo di mela avvelenata volò fuori dalla sua gola dopo aver colpito il suolo. La ragazza si sveglia e si innamora del principe.

-Pubblicità-

La storia si conclude con il matrimonio del principe e di Biancaneve.

Biancaneve era una persona reale?

Nel 1994, mentre esaminava documenti storici, lo storico tedesco Eckhard Sander scoprì un racconto che pensava potesse aver ispirato i fratelli Grimm a scrivere la fiaba. Lo storico riteneva che la contessa tedesca Margarethe von Waldeck, figlia di Filippo IV, nata nel 1533, potesse essere il prototipo di Biancaneve.

Margarethe von Waldeck

Quando la ragazza aveva 16 anni, la sua matrigna, Katharina Hatzfeld, l’ha sfrattata dal palazzo di Wildungen, che si trovava a Bruxelles dove conobbe il principe Filippo II di Spagna e se ne innamorò. Né la matrigna né il padre della giovane duchessa approvavano una simile relazione. Li consideravano “politicamente scomodi”. Qualche tempo dopo, la contessa Margarethe von Waldeck morì in modo misterioso all’età di 21 anni. Si diceva che fosse stata avvelenata.

Secondo alcune fonti storiche, il re di Spagna avrebbe potuto farlo inviando i suoi agenti a Margherita. Il re spagnolo disapprovava anche il possibile matrimonio di suo figlio con la principessa caduta in disgrazia.

Chi erano i nani?

Il padre di Margaret possedeva diverse miniere di rame dove usavano il lavoro a basso costo dei bambini. A causa del superlavoro, i bambini minatori morivano prima di diventare adulti e coloro che riuscivano a sopravvivere soffrivano di crescita stentata e deformità degli arti. Questi lavoratori erano chiamati “poveri nani”.

Per quanto riguarda la mela avvelenata

La vera storia di Biancaneve fratelli Grimm - Biancaneve principessa con la mela avvelenata
Biancaneve principessa con la mela avvelenata

La trama della fiaba, dove compare la mela avvelenata, è collegata, secondo Sanders, a un evento storico avvenuto in Germania. I documenti della polizia indicano che un anziano è stato arrestato per aver distribuito mele avvelenate ai bambini. Credeva che i bambini stessero rubando la frutta dal suo giardino.

Maria Sophia von Erthal di Lohr am Main

Un altro gruppo di scienziati della Baviera non è d’accordo con le conclusioni di Sanders. Credono che il prototipo di Biancaneve non sia Margarethe von Waldeck, ma Maria Sophia von Erthal di Lohr am Main, nata il 15 giugno 1729. Suo padre era un proprietario terriero bavarese del XVIII secolo, il principe Philipp Christoph von Erthal, e sua madre era la baronessa von Bettendorf. Quando la baronessa morì, Filippo prese in moglie la contessa Reichenstein a cui non piacevano i bambini.

-Pubblicità-

Specchio acustico

La vera storia di Biancaneve fratelli Grimm
La vera storia di Biancaneve fratelli Grimm – specchio acustico

Il vecchio castello in Lohr am Main ora ospita un museo. Gli storici affermano che la contessa aveva un giocattolo “specchio parlante” con un effetto acustico. Questo specchio è ora nel Museo Spessart. Questo specchio acustico è stato realizzato nel 1720 dalla manifattura di specchi dell’elettorato di Magonza a Lohr. Apparteneva alla matrigna di Mary.

Città di Bieber

La vera storia di Biancaneve fratelli Grimm - castello in Lohr am Main
Biancaneve castello in Lohr am Main

Come nella precedente versione di Biancaneve, i nani sono associati alle miniere della città di Bieber. Questa città si trova vicino a Lore nella valle dei Sette Monti. In queste montagne sono stati scavati tunnel molto stretti, in cui solo i bambini potevano muoversi che indossavano cappucci dai colori vivaci.

Scienziati bavaresi hanno proposto una versione secondo cui la bara di cristallo potrebbe essere associata alla famosa fabbrica di vetro locale. Inoltre hanno collegato la mela avvelenata con la belladonna, che cresce nelle vicinanze di Lor.

Qualunque sia l’origine dell’idea di scrivere una fiaba su Biancaneve e i sette nani, i fratelli Grimm usavano spesso una miscela di vari eventi e immaginazione. Ma senza dubbio il vecchio racconto aveva una base storica.

Cristina Giordano
Cristina Giordanohttps://appuntisulblog.it/
Ciao a tutti, sono Cristina Giordano, una blogger che si occupa di moda, viaggi, tecnologia, alimentazione e benessere.
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Articoli Correlati

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina