7 Bacche commestibili e tossiche in autunno su arbusti e alberi

Date:

Bacche velenose? 7 Bacche commestibili e tossiche in autunno su alberi e arbusti del bosco, un giro nei boschi e noti che non solo le foglie diventano colorate, ma compaiono molte bacche rosse, blu, nere, arancioni sui cespugli e sugli alberi.

In autunno, molte bacche colorate compaiono su arbusti e alberi. Alcuni producono bacche commestibili, mentre altre sono bacche velenose altamente tossiche. Alcune bacche sono deliziose e sane, se ti confondi si può avere gravi conseguenze, poiché ci sono molte bacche velenose altamente tossiche simili a quelle commestibili.

7 Bacche commestibili e tossiche del bosco in autunno

7 Bacche commestibili e tossiche in autunno
7 Bacche commestibili e tossiche in autunno

L’autunno è una stagione ricca di frutti e bacche: purtroppo, alcune di queste bacche non sono commestibili.

La conoscenza delle bacche che si possono raccogliere e delle bacche tossiche è essenziale per evitare situazioni di pericolo. Sebbene la raccolta di bacche e frutti nel periodo autunnale sia un’attività molto piacevole, è importante ricordare che ci sono alcune bacche che è meglio evitare.

7 Bacche commestibili e tossiche che crescono nei nostri boschi, in modo spontaneo, bacche meravigliosamente belle ma estremamente velenose che assomigliano molto alle commestibili che si trovano nei fruttivendoli. Meglio non toccarle e nemmeno assaggiarle.

Con le bacche commestibili puoi preparare ottime marmellate, frullati, energetici, tisane ecc. Ma come riconoscere le buone dalle cattive? Quali scegliere per preparare deliziosi frullati, ottime marmellate e tisane?

Bacche commestibili

Nella stagione autunnale, molti alberi e arbusti offrono varie bacche commestibili. Alcune delle bacche più comuni che possono essere raccolte sono mirtilli, ribes, uva spina, prugne, bacche di rosa canina, lamponi e more.

-Pubblicità-

Le bacche possono essere consumate fresche oppure utilizzate per preparare dolci, marmellate, conserve o liquori.

Bacche tossiche

Esistono anche alcune bacche che non sono commestibili e che possono essere tossiche. Una di queste è la bacca di belladonna, nota anche come bacca di morella. Questa bacca è di colore nero bluastro e ha un sapore dolce, ma è molto tossica.

Anche la bacca delle viti è tossica, quindi è meglio evitarne la raccolta. Altri esempi di bacche tossiche sono la bacca del cicuta, la bacca del castagno, la bacca del faggio, la bacca del ginepro e la bacca della lillà.

Come identificare le Bacche Commestibili

La natura è piena di meraviglie, ed è anche un ottimo posto per trovare cibo. Ma come fai a sapere quali bacche puoi mangiare e quali devi evitare? Ecco alcuni consigli per identificare le bacche commestibili.

Per identificare le bacche commestibili è importante conoscere le loro caratteristiche. La prima cosa da considerare è il colore: le bacche commestibili hanno generalmente un colore

1. Impara a riconoscere le bacche commestibili

Prima di cercare di identificare le bacche commestibili, è importante imparare a riconoscere quelle che non lo sono.

Alcune bacche possono essere velenose, quindi assicurati di conoscere le differenze tra le diverse bacche. Alcune bacche che non sono commestibili sono le more selvatiche, le bacche di agrifoglio, le bacche di belladonna e le bacche di rovo.

-Pubblicità-

2. Fai attenzione ai colori

I colori delle bacche possono aiutarti a identificare quelle commestibili. Le bacche commestibili sono di solito di colore blu, nero, rosso o giallo. Di solito non sono di colore verde, ma ci sono alcune eccezioni.

Ad esempio, le bacche di sambuco sono di colore verde, ma sono commestibili.

3. Prova a mordere le bacche

Se vuoi essere sicuro che le bacche che hai trovato siano commestibili, puoi provare a morderne una piccola parte. Il sapore dovrebbe essere dolce o leggermente acido. Se ha un sapore amaro o sgradevole, allora non è commestibile.

4. Assaggia con cautela

Quando assaggi le bacche per determinare se sono commestibili, assaggiale con cautela. Se non sei sicuro del loro sapore, assaggia solo una piccola parte alla volta e fermati se senti qualcosa di sbagliato.

-Pubblicità-

Come riconoscere le diverse bacche e quali sono tossiche e commestibili

1/7 Ligustro (Ligustrum vulgare)

7 Bacche commestibili e tossiche in autunno su arbusti e alberi
Ligustro (Ligustrum vulgare)

Il ligustro (Ligustrum vulgare)  è un arbusto della famiglia delle olive la cui corteccia, foglie e bacche sono velenose. Presente nelle foreste e nelle macchie alto 3-4 metri tra giugno e luglio si riempie di fragranti e piccoli fiori bianchi.

Il suo frutto è una bacca sferica nera lucida o bluastra-nera. I suoi giovani germogli sono finemente pelosi mentre le sue foglie sono lanceolate od oblunghe. Secondo la medicina popolare questa pianta ha le seguenti proprietà medicamentose:

1 – Astringente (limita la secrezione dei liquidi);

2 – vulnerarie (guarisce le ferite).

3 – Le foglie e i fiori di questa specie sono velenosi.

2/7 Tasso comune (Taxus baccata)

7 Bacche commestibili e tossiche in autunno su arbusti e alberi
Tasso comune (Taxus baccata)

Il tasso comune (Taxus baccata) è originario dell’Europa occidentale, centrale e meridionale, dell’Africa nord-occidentale, dell’Iran settentrionale e dell’Asia sud-occidentale.

Molto usato come siepe ornamentale è una pianta sempreverde di piccole o medie dimensioni, che cresce in genere da 10 a 20 metri di altezza con tutte le parti della pianta velenose. Il legno è marrone rossastro, molto duro, compatto.

I germogli sottili e flessibili rimangono verdi per tre anni con foglie lanceolate, verde scuro lunghe 1-4 cm e larghe 2-3 mm.

Da agosto a settembre, le squame, che coprono parzialmente il seme duro, altamente tossico, si sviluppano in un mantello carnoso, rosso vivo, simile a una bacca, sovraesposto, lungo 8-15 mm.

3/7 La Piracanta o Agazzino (Pyracantha coccinea)

pyracantha-coccinea-1024x685-8522973-8491217
La Piracanta o Agazzino (Pyracantha coccinea)

La Piracanta o Agazzino (Pyracantha coccinea M. Roem) è una pianta velenosa spinosa appartenente alla famiglia delle Rosacee, originaria dell’Europa meridionale, dell’Asia minore e dall’Himalaya alla Cina centrale. Il più noto è l’abete comune, l’agazzino è una pianta con arbusti sempreverdi con spine. ù

Il suo frutto è rosso, arancione o giallo, che rimane a lungo nell’arbusto. Le loro foglie sono semplici, di forma ellittica od ovoidale, i bordi sono intatti, di pizzo o seghettati. L’infiorescenza è costituito da piccoli petali bianchi.

La Piracanta è una pianta velenosa in parte, infatti i semi sono tossici per la presenza di glicosidi cianogenetici.

I frutti sono commestibili e vengono utilizzati per decori natalizi e per la preparazione di una squisita marmellata. Fiorisce a fine primavera e all’inizio dell’estate.

La pianta è famosa per la sua resistenza alla siccità (ma si sviluppa peggio su terreni troppo secchi), ama la luce ed è poco esigente con il suolo, anche se la zona dove è piantato il pyracantha è terreno calcareo.

4/7 Prugnolo (Prunus spinosa)

prunus-spinosa-1024x683-9878708-2736120
Prugnolo (Prunus spinosa)

Il Prugnolo selvatico è un parente della prugna, pertanto è una bacca commestibile che matura a Settembre. Si presenta piccola, nero-bluastro, cinerea, ossuto. La polpa del frutto acerbo ha un sapore molto aspro.

I rami grigio-grigi degli arbusti decidui, che crescono fino a un’altezza di 1-4 m, terminano con spine appuntite.

Le bacche del prugnolo selvatico è usato per produrre vino alla frutta, liquore, tè, marmellata e salsa arrosto. La sua infiorescenza ha un effetto lassativo, ottima per preparare una marmellata di frutta lassativa. È stato anche usato nella medicina popolare come anti ipertensivo.

5/7 Sambuco nero (Sambucus nigra)

Sambuco nero è una pianta dalle molte proprietà benefiche. Prende il suo nome dal greco antico, che significa “albero dei fiori”. È una pianta erbacea perenne che cresce spontanea in Europa, Asia e Nord Africa. Nonostante sia una pianta comune, ha una storia ricca di significato e tradizione.

La pianta di Sambuco nero è una bacca di grandi dimensioni, con foglie verdi e una corteccia grigia. Dal suo germoglio crescono fiori bianchi a forma di campana, che cadono in autunno e lasciano bacche che vanno dal nero al blu.

Queste bacche sono ricche di zuccheri, vitamine, minerali e sostanze nutritive.

7 Bacche commestibili e tossiche in autunno su arbusti e alberi
Sambuco nero (Sambucus nigra)

Le bacche di Sambuco nero sono state parte integrante dell’alimentazione in molti paesi da secoli. Sono state usate come condimento, come tintura per curare malattie respiratorie, come rimedio contro il mal di testa e come rimedio per le infezioni della pelle.

Si ritiene anche che aiutino a ridurre la pressione sanguigna e abbassino i livelli di colesterolo. Inoltre, sono un’ottima fonte di antiossidanti e di sostanze nutritive essenziali.

La pianta Sambuco nero è anche conosciuta per i suoi usi magici. Secondo alcune tradizioni, la pianta ha la capacità di trasmettere energia benefica a chiunque la tocchi. Si ritiene inoltre che le bacche di Sambuco nero abbiano proprietà curative e protettive.

Alcune persone credono che possano essere usate come talismani per proteggere la casa e i suoi abitanti.

I benefici di Sambuco nero non si limitano alla salute. La pianta è anche un elemento di decorazione molto apprezzato. La sua forma slanciata e i fiori a forma di campana la rendono un’aggiunta interessante a qualsiasi giardino.

Il sambuco nero (Sambucus nigra) si trova in tutta Europa e si trova regolarmente nei fossati, ai bordi delle locuste, negli alberi di acacia, sulle “rovine” piallate, nei bordi delle foreste e nelle città a causa della sua tolleranza all’aria inquinata.

Si tratta di un arbusto o piccolo albero che raggiunge un’altezza di 3-10 metri. Inizia a fiorire in maggio-giugno e i frutti maturano solo in agosto-settembre.

I fiori sono piccoli, bianco crema, tipicamente profumati. Il frutto commestibile è una bacca nera.

I fiori appena raccolti producono sciroppo, marmellata di bacche, bacche di sambuco o di sambuco. L’effetto del sambuco è noto da tempo nella medicina popolare.

Contiene vitamine A e B – Il contenuto di vitamina C è doppio rispetto alle forme di agrumi.

Contiene anche acido folico, acido pantotenico, minerali e oligoelementi come ferro, potassio, calcio, magnesio, fosforo, nonché olii essenziali e antociani.

Ha lievi effetti lassativi, antipiretici, antitosse, analgesici, immunostimolanti e sudoratori.

Il sambuco nero è una pianta medicinale, a differenza del sambuco rosso, che è altamente velenoso. Inoltre, ne viene ricavato un colorante innocuo che viene coltivato come pianta ornamentale in giardini e parchi.

6/7 Ginepro (Juniperus communis)

Il ginepro è una pianta dalle antichissime origini, che si è diffusa in Medio Oriente, Europa ed Africa. Le sue proprietà medicinali e curative sono state apprezzate per millenni, e oggi è ancora una presenza familiare nel panorama della medicina naturale.

Il ginepro è una pianta sempreverde con una caratteristica forma a cono ed è particolarmente apprezzato per il suo profumo intenso e aromatico. Le sue foglie sono sottili e appuntite, mentre i suoi fiori sono di colore bianco-giallastro.

7 Bacche commestibili e tossiche in autunno su arbusti e alberi
Ginepro (Juniperus communis)

Storia del ginepro

Il ginepro ha una storia profondamente radicata nella cultura e nella storia del Medio Oriente e dell’Africa. Le sue proprietà terapeutiche sono state apprezzate fin dall’antichità. I suoi usi erano vari, tra cui l’utilizzo come medicinali, come profumo o come ingrediente in cerimonie religiose.

La sua presenza nella Bibbia è testimoniata da più passaggi, come ad esempio quando viene citato come offerta al Tempio di Salomone.

Nell’antica Grecia e in Roma, il ginepro era usato come un rimedio per gli stati emotivi negativi, come tristezza e depressione. Era anche usato come ingrediente in alcune pozioni magiche. In epoca medievale, il ginepro veniva usato come rimedio per curare le malattie della pelle e come afrodisiaco.

Usi moderni del ginepro

Oggi il ginepro viene ancora utilizzato per la sua varietà di proprietà terapeutiche. Le sue foglie e il suo olio essenziale vengono usati in aromaterapia per trattare mal di testa, mal di stomaco, dolori muscolari e disturbi del sonno. Inoltre, è anche usato come rimedio per trattare le infezioni del tratto

Il ginepro comune (Juniperus communis)è una pianta sempreverde, una spezia e una pianta medicinale, ma anche una pianta ornamentale. L’arbusto, che raggiunge un’altezza di 3-5 metri, ha foglie spinose a forma di ago, molte delle quali odorano di mele e limoni.

Il loro colore è argenteo, che conferisce alla pianta un aspetto grigio-verde. Il ginepro è blu scuro-nero, cinerea e brillante, leggermente più grande del pepe nero.

Il ginepro viene usato come spezia, marmellata e distillato e viene usato per aromatizzare il gin.

È usato come spezia principalmente per selvaggina, salse e marinate.

Come tisana, ha effetti diuretici, digestivi, calcoli renali e galattici, nonché effetti di sudorazione e aumento dell’appetito.

Benefici del frutto di ginepro

1 -Se l’unguento ricavato dai suoi rami viene strofinato sulla pelle, fa bene alle malattie della pelle.

2 -Poiché il ginepro è una pianta diaforetica, fa bene ai reumatismi e ai raffreddori.

3 -Riduce la quantità di zucchero nel sangue.

4 -Allevia il dolore mestruale, taglia le perdite bianche viste nelle donne.

5 -Elimina gli odori dell’alito.

6 -È buono per l’anemia.

7 -È diuretico.

8 -Lo sciroppo ottenuto dalla frantumazione della frutta fresca è ottimo per la tosse.

9 -Il tè dei rami freschi viene utilizzato per indebolire.

10 -Pulisce il sangue.

7/7 Sorbo selvatico (Sorbus aucuparia)

7 Bacche commestibili e tossiche in autunno su arbusti e alberi
Sorbo selvatico (Sorbus aucuparia)

Il Sorbo selvatico (Sorbus aucuparia) è diffuso in tutta Europa e piantato in città a scopo ornamentale. La frutta commestibile giunge a maturazione fra settembre e ottobre.

I fiori sbocciano sotto forma di un ombrello piatto, da cui il frutto tondo raggiunge un colore rosso brillante. I frutti maturi vengono raccolti all’alba, ancora bagnati dalla brina e poi essiccati in un luogo asciutto e soleggiato.

I frutti e le foglie di S.aucuparia sono stati utilizzati dall’uomo per produrre cibi e bevande, come medicina popolare e come mangime per animali. 

Il suo legno duro e flessibile è stato tradizionalmente utilizzato per la lavorazione del legno. È piantato nelle regioni montuose per il rafforzamento del suolo o come albero ornamentale e ha diverse varietà.

Benefici del frutto di Sorbo

Il frutto di S. Aucuparia è stato utilizzato in passato per attirare e catturare gli uccelli. Per gli esseri umani, le bacche sono amare, astringenti, lassative, e diuretiche. Contengono vitamina C, quindi prevengono lo scorbuto, ma l’acido parasorbico irrita la mucosa gastrica. 

1 -La frutta fresca viene consumata per gli integratori vitaminici.

2 -Viene utilizzato per preparare marmellate, gelatine, dolci, piatti di carne, selvaggina e vinificazione.

3 -Può essere usato per preparare un tè diuretico ed è indicato contro i calcoli renali e le malattie del tratto urinario.

4 -La frutta è servita come contorno accanto all’agnello o alla selvaggina. 

Cristina Giordano
Cristina Giordanohttps://appuntisulblog.it/
Ciao a tutti, sono Cristina Giordano, una blogger che si occupa di moda, viaggi, tecnologia, alimentazione e benessere.

6 Commenti

Sottoscrivi
Notificami
6 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
simona

Le more selvatiche tossiche?? Non so quali intendiate, ma le more di solito sono commestibili.

Veronica

Per paura di non saperle riconoscere non raccolgo mai le bacche ma le trovo bellissime da guardare!

Giusy Loporcaro

Un vademecum davvero interessante per chi come me non ha alcuna esperienza sulle bacche!

Nunzia 82

Molto interessante, spesso vado per i boschi e mi chiedo sempre se certe bacche sono commestibili o no!

Mara

Ciao i miei ligustri quelli che ho in giardino sono alti oltre 7 meri… sarà che hanno solo e terreno buono 🙂 l\’intera pianta è velenosa tant\’è che quando li potiamo non possiamo utilizzare la legna, purtroppo… mentre il prugnolo assomiglia anche al falso mirtillo…il sorbo invece che io sappia, non è una bacca ma un frutto chiamato anche nespolo selvatico anche se il sapore è decisamente diverso dal nespolo…io adoro le bacche i fiori e le erbe commestibili

Andrea lomanio

Adoro preparare marmellate a volte inserisco il ginepro per aromatzzarle

Articoli Correlati

Lavaggio foglie delle piante 5 vantaggi

La doccia aiuterà a proteggere le piante d’appartamento dalle malattie in inverno: come fare il lavaggio foglie delle...

14 Piante da interno che rilasciano ossigeno

Scopri le 14 piante da interno che rilasciano ossigeno durante il giorno e notte. Un modo semplice e...

8 Piante natalizie da interno a foglie verdi

Le piante natalizie da interno invernali saranno un ottimo regalo per Capodanno o Natale per le persone vicine...

Guida alle decorazioni natalizie: utilizzare Stelle di Natale con eleganza

Il Natale è una stagione magica, un momento in cui le case si riempiono di luci scintillanti, risate...
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina