Alimentazione fine 800 delle classi povere italiane

Alimentazione fine 800 delle classi povere italiane

Alimentazione fine 800 delle classi povere italiane

I cibi che mangiavano le classi povere nella seconda metà dell’Ottocento erano insufficienti al fabbisogno alimentare energetico: erba selvatica, pane di frumento, polenta di mais e raramente la carne.

Alimentazione fine 800 delle classi povere italiane
Alimentazione fine 800 delle classi povere italiane

L’alimentazione fine 800 delle classi povere italiane era insufficiente al normale bisogno energetico, il menu era piuttosto scarso e poco nutriente. Le nostre nonne contadine dell’800, in alcune aree del paese, preparavano cibi a base di sola erba selvatica e acqua, mentre il pane costituiva una pietanza di vero lusso. Piatti con scarsi valori nutrizionali. Immaginate quindi che tipo di organismi vengano su a forza di erba cotta e senza nessun condimento. In alcuni paesi vicino Caltanissetta, i contadini attutivano i morsi della fame ingoiando minuscoli rami carnosi dei fichi d’india bolliti con la sola acqua.

Alimentazione nel 1800 delle classi povere italiane

Recenti ricerche sulle abitudini alimentari presenti nei vari comuni del Regno Italiano, emerge che, anche in tempi normali, non di carestia, le classi popolari povere avevano un’alimentazione assai scarsa, molto spesso inferiore al normale fabbisogno energetico.

Cibi nelle aree più povere del Paese

Alimentazione fine 800 delle classi povere italiane

Questo quadro allucinante veniva riportato dal quotidiano e riguardava sistuazioni estreme, ossia le aree più povere del Paese e per di più in un momento di crisi; quindi da solo non può essere considerato valido per tutto il territorio italiano e per tutta la seconda metà dell’Ottocento. Le indagini eseguite dai ministeri dell’interno e dell’agricoltura dimostrano che le famiglie povere si nutrivano di un unico alimento (la polenta di mais al Nord e il pane di frumento al Sud) ed erano costrette a escludere quasi totalmente la carne. Questa era infatti un cibo costoso, riservato alle grandi occasioni.

Ad esempio in Toscana, che pure era una regione abbastanza ricca, grasso e carne di maiale erano talvolta usati come condimento per le zuppe di fagioli e cavoli o di pasta e ceci, ma il manzo bollito era considerato un lusso. Là dove, come nell’Italia settentrionale e nelle Marche, i contadini si nutrivano quasi esclusivamente di polenta di mais, solo raramente accompagnata da fagioli, cipolle o altre verdure bollite.

READ  Carnevale, 2 dolci carnevaleschi tradizionali

La pellagra

Era molto diffusa la pellagra, una grave malattia dovuta a carenza di vitamina PP, assente nel mais. I malati di pellagra si riconoscevano per le famigerate «3 D»: dermatitediarrea e demenza. Se non curata, portava alla morte. In America a Goldberger, medico di origine ungherese, venne chiesto di scoprire le cause dello sfacelo. La causa della malattia era la dieta e le condizioni di povertà delle popolazioni.

UNA CURIOSITA’ sulla Pellagra

“Secondo alcuni è da far risalire alla diffusione di questa terribile malattia la leggenda dei vampiri: i malati di pellagra, infatti non tollerano la luce del sole, sono insonni, soffrono di aggressività, confusione, sbalzi d’umore, fino alla demenza”.


I piatti principali sulla tavola

Al Sud l’alimento principale era il pane di frumento, che poteva essere accompagnato, più spesso che al Nord, da ortaggi quali fave, cavolfiori, olive, la cui produzione era maggiore. Vi erano comunque anche nel meridione molte situazioni drammatiche, come nelle campagne pugliesi, dove i contadini, dopo una giornata di lavoro, potevano nutrirsi soltanto di pane inzuppato in acqua bollita e condita con qualche goccia d’olio.

A confermare la povertà delle abitudini alimentari dei contadini dell’ottocento, possiamo ricordare che in parecchie zone montuose si faceva largo uso di castagne e della loro farina e che, sebbene in misura non molto elevata, in varie parti del paese si utilizzavano ghiande e miglio, alimenti oggi scomparsi sulle nostre tavole.

Alimentazione in città

Per quanto riguarda gli operai delle città, la loro alimentazione era migliore, perchè un pò più variata, ma restava ancora poco equilibrata. Molto abbondante era il consumo di pane di frumento, accompagnato al Nord da polenta di mais e da riso, al Sud dalla pasta: superiore al necessario era quindi l’apporto di amidi, principi nutritivi presenti in questi alimenti.

La carne compariva nella dieta degli operai, ma in quantità molto modesta: si trattava specialmente di quella ovina oppure delle viscere dei bovini. Modesto era il consumo di latte e formaggi: tuttavia gli operai, sia settentrionali sia meridionali, riuscivano ad assumere con l’alimentazione il necessario quantitativo di proteine, grazie a vegetali come i legumi. Scarsa ovunque era invece l’assunzione dei grassi, sia animali che vegetali.

Consistente era il consumo di vino: secondo una inchiesta del 1885 l’operaio settentrionale ne beveva poco più di tre litri a settimana e quello meridionale quasi sei.

5 thoughts on “Alimentazione fine 800 delle classi povere italiane

  1. In effetti un tempo si mangiava quello che ci si poteva permettere e che la natura dava e ciò poteva comportare carenze nutrizionali ma oggi invece l’eccessivo benessere a dato spazio ad altre patologie

Leave a Review

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *