Rumore nelle orecchie, cause e cura acufene

Date:

I sintomi dell’acufene variano da persona a persona e possono includere uno squillo che va e viene o un suono continuo. Rumore nelle orecchie, cause e cura dell’acufene, una condizione in cui senti vari suoni nelle orecchie o nella testa anche se non ci sono suoni intorno a te. I suoni includono suoni acuti come “keen” e “beep” e suoni bassi come “zaa”, “boom”, “go” e “gee”.

Rumore nelle orecchie, cause e cura acufene

Esistono due tipi principali di sintomi dell’acufene. Esistono due tipi di acufene: l’acufene soggettivo, che solo tu puoi sentire, e l’acufene oggettivo, che può essere udito da altri. L’acufene soggettivo è una condizione in cui solo tu puoi sentire il ronzio nelle orecchie anche se non c’è alcun suono intorno a te e nella maggior parte dei casi è chiamato acufene soggettivo. 

Perché sento dei rumori nelle orecchie quando muovo la testa?

Rumore nelle orecchie, cause e cura acufene
Perché sento dei rumori nelle orecchie quando muovo la testa?

Per identificare la causa del sintomo “Sento un suono nelle orecchie quando muovo la testa”, dobbiamo prima scoprire da dove proviene il suono e cosa lo causa. Le cause sono diverse, tra cui malattie come la malattia di Meniere, perdita improvvisa dell’udito, neuroma acustico e otite media, spasmi muscolari, età, rumore, stress, affaticamento e mancanza di sonno. Anche gli sbalzi improvvisi della pressione atmosferica possono causare l’acufene, ma nella maggior parte dei casi si risolve rapidamente.

Cosa causa l’acufene?

Le cause dell’acufene possono anche essere correlate a malattie come perdita improvvisa dell’udito, neuroma acustico, malattia di Meniere e otite media. Il dolore dell’acufene spesso non viene compreso da chi ti circonda e i pazienti tendono a soffrire da soli del problema. Non ci sono problemi finché non influiscono sulla tua vita quotidiana. La maggior parte degli acufeni non provoca malattie gravi né mette a rischio la vita.

I medici distinguono quattro gradi di acufene:

  • primo grado – l’acufene non influisce sul benessere di una persona;
  • secondo grado: il rumore provoca disagio in condizioni di silenzio e interferisce con il sonno;
  • terzo grado: il disagio causato dall’acufene è costantemente avvertito, la persona non dorme abbastanza, la qualità della vita si deteriora in modo significativo;
  • quarto grado: l’acufene crea un disagio insopportabile.

Un punto importante: il rumore si avverte in una o entrambe le orecchie. Il rumore in un orecchio è causato da una causa locale; se c’è rumore in entrambe le orecchie contemporaneamente, molto probabilmente il problema è di natura sistemica.

L’acufene può verificarsi in un solo orecchio

L’acufene può verificarsi in un solo orecchio

Se hai l’acufene in un solo orecchio, potrebbe esserci qualcosa che non va in quell’orecchio. Nello specifico, questi includono il blocco del condotto uditivo, l’otite media e il neuroma acustico, un tipo di tumore cerebrale benigno ed è una malattia abbastanza rara. L’acufene è anche associato alla perdita dell’udito, che rende difficile sentire i suoni.

Anche la perdita dell’udito indotta dal rumore (trauma acustico) causata da danni all’orecchio causati da rumori forti può causare acufene in un solo orecchio.

Se un test dell’udito non mostra problemi, ma le parole sono difficili da sentire, potrebbe esserci un problema nel modo in cui le informazioni vengono trasmesse al cervello. In entrambi i casi, il trattamento precoce è fondamentale. La causa della perdita improvvisa dell’udito è spesso sconosciuta e si dice che da 30.000 a 40.000 persone soffrano di questa condizione.

Malattie da acufene

Il suono dell’acufene cambia a seconda della causa. I sintomi variano a seconda del paziente e ne esistono di vari tipi, come elencato di seguito.

Per suoni acuto come “BEEP” E “KEEN”

Se ti copri le orecchie, il volume dei suoni come “bip” e “acuto” aumenterà. Simile ai suoni elettronici o metallici.

La malattia di Meniere

Anche se varia da persona a persona, potresti sentire un ronzio basso nelle orecchie che sembra un ronzio o un ronzio, ed è accompagnato da perdita dell’udito e vertigini. Potresti avvertire vertigini come se ti girassero gli occhi, seguiti da nausea, vomito, perdita dell’udito, acufene solo da un lato o sensazione di pienezza nelle orecchie.

La differenza rispetto alla perdita uditiva improvvisa è che i sintomi si verificano ripetutamente. Le donne tra i 20 e i 50 anni hanno maggiori probabilità di contrarlo e la durata varia da pochi minuti a diverse ore. Si dice che sia causata da un eccesso di liquido linfatico nell’orecchio interno chiamato idrope endolinfatica, ma la causa è sconosciuta.

Presbiacusia

Invecchiando, potresti avere difficoltà a sentire o avvertire l’acufene in entrambe le orecchie. La causa dell’acufene è molto probabilmente la presbiacusia e la maggior parte delle persone lo sviluppa tra i 50 e i 60 anni, ma alcune persone sui 40 anni possono svilupparlo.
Si verifica perché le cellule sensibili al suono (cellule ciliate) nella coclea dell’orecchio interno si deteriorano e il loro numero diminuisce.

Perdita dell’udito indotta da farmaci

L’assunzione di farmaci che hanno effetti sull’orecchio (come l’aspirina) può compromettere l’udito e causare vertigini e ronzii nelle orecchie. I sintomi spesso compaiono subito dopo l’assunzione del farmaco.

Sordità improvvisa

La perdita dell’udito si verifica quando si perde improvvisamente l’udito da un orecchio e i sintomi includono vertigini e acufeni. Non è noto il motivo per cui le persone perdono l’udito da un orecchio, ma si ritiene che ciò sia correlato allo stress. Se non trattato, sarà difficile migliorare l’udito, quindi se noti qualche anomalia, devi iniziare il trattamento il prima possibile. Se i sintomi iniziano a comparire, consultare un otorinolaringoiatra entro due settimane.

Neuroma acustico

Neuroma acustico

Il Neuroma acustico è un tumore cerebrale benigno che si sviluppa dalle cellule che circondano i nervi ed è più comune nelle donne di mezza età. Si dice che si verifichi in circa 1 persona su 100.000 ed è accompagnato da sintomi come vertigini fluttuanti, perdita dell’udito unilaterale e acufene. Alcuni casi rimangono di piccole dimensioni, ma se diventano gradualmente più grandi, possono essere eseguiti esami dettagliati come la risonanza magnetica.

Disturbo nervoso autonomo

L’acufene è causato da disturbi del sistema nervoso autonomo dovuti alla mancanza di sonno, affaticamento, stress, ecc. Se scompare in breve tempo non ci sono problemi. Tuttavia, se l’acufene dura a lungo e diventa stressante, potrebbe essere necessario un trattamento.

Trauma acustico

Ascoltare musica ad alto volume durante concerti o spettacoli dal vivo, oppure ascoltare musica ad alto volume tramite auricolari o cuffie per lunghi periodi di tempo, può causare traumi acustici. I rumori forti possono danneggiare le cellule ciliate della coclea, causando dolore in entrambe le orecchie, acufeni e perdita dell’udito.

Per suoni bassi come “ZA” E “GO”

Potresti avvertire pienezza uditiva (una sensazione di blocco nelle orecchie), simile al suono di una caldaia, al vento proveniente da un condizionatore d’aria o ai tonfi e tonfi bassi quando si cammina attraverso un tunnel. La maggior parte delle cause includono stress, torcicollo e rigidità delle spalle.

Otite media, stenosi della tuba di Eustachio, ecc.

Quando si verifica qualche tipo di problema nella tromba di Eustachio o nell’orecchio medio, potresti avvertire l’acufene a causa dei suoni bassi. È causata da un raffreddore, che può portare a otite media con versamento e stenosi delle tube di Eustachio.

Perdita dell’udito neurosensoriale con disturbi dei bassi

Diventa difficile sentire i suoni gravi in ​​un orecchio, con conseguente acufene grave. Le donne tra i 20 e i 40 anni tendono ad essere più sensibili. Si differenzia dalla malattia di Meniere in quanto non è accompagnata da vertigini, i sintomi sono più lievi della perdita improvvisa dell’udito e il recupero dell’udito è più rapido. Tuttavia, se sei stanco o stressato, potrebbe succedere di nuovo.

Cambiamento improvviso della pressione atmosferica

Un improvviso cambiamento della pressione atmosferica provoca un acufene grave.

Spalle/collo rigidi, affaticamento/stress

L’acufene grave può anche essere causato da rigidità delle spalle e del collo, affaticamento o stress.

Quando e quale medico rivolgersi per l’acufene?

Quando e quale medico rivolgersi per l’acufene?

Se ti lamenti di rumore nell’orecchio, è importante consultare un medico di medicina generale o uno specialista otorinolaringoiatra. Prescriveranno la diagnostica necessaria e il trattamento appropriato. Se la causa di un sintomo spiacevole è legata a malattie interne, potrebbe essere necessaria la consultazione con altri specialisti specializzati (ad esempio un cardiologo o un neurologo).

Come curare l’acufene

Come curare l’acufene

Attualmente non esiste una cura per l’acufene. Esistono molte possibili cause dell’acufene e, una volta identificata la causa, l’acufene può essere alleviato trattandolo. Il trattamento principale è la terapia farmacologica, che monitora il progresso della condizione, ma in alcuni casi l’acufene non scompare completamente. Sono disponibili anche trattamenti per alleviare i sintomi. In alcuni casi, può essere necessario un intervento chirurgico a seconda della malattia di base (otite media con versamento, neuroma acustico, ecc.).

1 . Terapia farmacologica acufene

L’otorino prescrive steroidi, vasodilatatori, vitamine del gruppo B, stimolatori della circolazione dell’orecchio interno, erbe medicinali cinesi, prodotti a base di ginkgo biloba, ansiolitici, antidepressivi, anticonvulsivanti, agopuntura ecc. per curare la malattia che causa l’acufene.

2 . Terapia del Suono

Per distrarti dall’acufene, chiedi alla persona di ascoltare i suoni naturali dell’acqua (il suono del fiume o delle onde) o altri suoni che imitano l’acufene. L’uso di generatori di suoni che creano il cosiddetto rumore bianco, distraendo dalla sensazione di ronzio nelle orecchie.

3 . Terapia TRT

Chiamata anche terapia di adattamento dell’acufene, TRT è l’abbreviazione di Tinnitus Retraining Therapy. Si tratta di un metodo di trattamento che abitua attraverso i sensi il corpo all’acufene, trattandolo come qualcosa di “naturale” e non come qualcosa di estraneo. Consente di ascoltare suoni diversi per distrarli dal ronzio nelle orecchie.

Questo metodo inizia con un test dell’udito, seguito da una consulenza presso un ambulatorio per apparecchi acustici e dalla terapia del suono utilizzando un generatore di rumore chiamato TCI (un dispositivo indossato sopra l’orecchio come un apparecchio acustico). Il periodo di trattamento dura da sei mesi a diversi anni e sono idonei i pazienti il ​​cui acufene interferisce in modo significativo con la loro vita quotidiana o i cui sintomi persistono per più di sei mesi.

4 . Metodi psicoterapeutici

Tra i tanti metodi di influenza psicoterapeutica, vale la pena notare, innanzitutto, la terapia cognitivo comportamentale (CBT), l’unico metodo di comprovata efficacia contro l’acufene, motivo per cui è attivamente raccomandata dalle linee guida cliniche europee interdisciplinari sull’acufene del 2020.

Il paziente dovrebbe evitare il consumo eccessivo di caffeina, aspirina e antibiotici aminoglicosidici. Inoltre, potrebbe essere necessario consultare un dentista in merito alla patologia dell’articolazione temporo-mandibolare. Se si verificano rumori nell’orecchio, si consiglia di consultare immediatamente un medico. Il trattamento in una fase iniziale della malattia è molto più efficace.

Perché l’acufene è pericoloso?

Le malattie che hanno portato alla comparsa dell’acufene progrediscono. È possibile una diminuzione dell’acuità uditiva e persino una perdita completa.

Cristina Giordano
Cristina Giordanohttps://appuntisulblog.it
Ciao a tutti, sono Cristina Giordano, una blogger che si occupa di moda, viaggi, tecnologia, alimentazione e benessere.
Vuoi ricevere le notifiche sugli ultimi aggiornamenti?

Articoli Correlati

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina