12 principali Stili architettonici e arredi

Date:

Uno stile architettonico è un insieme di caratteristiche e peculiarità di un edificio che appartiene ad un determinato periodo storico. 

12 principali Stili architettonici e arredi con cui determinare in quale epoca è stato costruito l’edificio e “cosa voleva dire l’autore”. Nel corso dei secoli gli approcci alla progettazione edilizia sono cambiati in modo significativo a seconda dei fattori tecnici, culturali e di molti altri fattori che hanno determinato la vita delle persone in epoche diverse. 

12 principali Stili architettonici e arredi

12 principali Stili architettonici e arredi
12 principali Stili architettonici e arredi

In questo articolo ho raccolto gli esempi più importanti di stili e tendenze architettura in modo che tu possa distinguere il classicismo dal barocco, il moderno dall’art decò e il minimalismo dall’high-tech. 

1. Stile architettonico antico

L’arte dell’architettura cominciò a prendere forma già nel mille aC sul territorio dell’antica Grecia e delle sue colonie nel Mediterraneo. All’inizio del I millennio a.C., a Roma aveva già preso forma uno stile caratteristico, ma dopo la caduta dell’Impero Romano d’Occidente, l’antica tradizione culturale, e con essa quella architettonica, svanì gradualmente nella maggior parte dell’Europa e continuò solo a Bisanzio.  

L’architettura Greca antica è caratterizzata da templi a un solo livello, molto spesso sotto forma di periptero, un edificio rettangolare con colonne attorno al perimetro. Tra gli altri edifici tipici dell’antichità greca ci sono teatri all’aperto, ingressi cerimoniali, propilei, gallerie coperte, tribune, stadi e palestre, campi ginnici, mausolei. La caratteristica principale degli antichi edifici greci è il soffitto orizzontale (architrave). I Greci praticamente non costruivano archi ma sono considerati gli inventori dell’ordine architettonico: C’erano tre ordini di questo tipo: dorico, ionico e corinzio. 

L’architettura romana, che si formò dopo che Roma soggiogò l’Ellade, fu influenzata dall’architettura greca, ma acquisì anche caratteristiche indipendenti. Qui iniziarono ad utilizzare l’arco, la volta e la cupola. L’uso di portici sostenuti da piloni o colonne ha permesso di costruire grandi strutture a più piani come circhi e anfiteatri. I templi e soprattutto i mausolei potevano avere la forma a pianta rotonda, circondata da colonne e sormontata da una cupola. Altre tipologie edilizie caratteristiche sono gli archi di trionfo, i ponti e gli acquedotti, le basiliche (a pianta rettangolare), le ville, e le terme.   

Le caratteristiche principali dello stile antico

12 principali Stili architettonici e arredi
Ancient Roman Amphitheater in Nimes, France
  • L’utilizzo di ordini architettonici che presentano una struttura tripartita: stereobat (base), elementi portanti (colonne, lesene), trabeazione (soffitto orizzontale)  
  • colonnati
  • Utilizzo di statue (cariatidi) come supporti
  • Arcate, soffitti cilindrici e cupola (Roma) 
  • L’uso del cemento (Roma), grazie al quale molte strutture erano così resistenti da sopravvivere fino ai giorni nostri
  • L’uso del marmo, rivestimento in marmo 
  • Utilizzo del mattone (Roma)
  • Gli edifici romani si distinguono per ornamentalità, ricchezza di decorazioni: affreschi, mosaici, sculture, decorazioni in stucco

2. Stile romano

Lo stile romanico prese forma nel Medioevo (X-XIII secolo d.C.). In questo periodo in Europa operavano molte formazioni feudali e c’era bisogno di fortificazioni: perfino i monasteri si trasformarono in fortezze. Questa tendenza architettonica contiene gran parte del patrimonio di Roma. Gli edifici sembrano solidi e capaci di resistere a un assedio.

Il secondo tipo di edifici costruiti in stile romanico sono le chiese e le cattedrali cristiane. La basilica romana, luogo di riunioni pubbliche, divenne un tempio con navate di diverse altezze e un abside, gli edifici sembravano costituiti da semplici figure tridimensionali (cubi, cilindri), muri spessi, finestre strette come feritoie, torri massicce. Le cupole erano usate raramente, gli interni praticamente non erano integrati con decorazioni. Ma con lo sviluppo dell’arte architettonica, le forme divennero più complesse, apparvero decorazioni in rilievo.

Le caratteristiche principali dello stile romanico

12 principali Stili architettonici e arredi
Ferrara (Emilia-Romagna, Italy) – La Cattedrale in stile romanico
  • Materiali durevoli: pietra, marmo
  • muri spessi
  • torri massicce
  • Volte dritte o a crociera
  • Piccole finestre, interni bui
  • archi semicircolari
  • Decorazioni murali avare: portici – file di nicchie-archi decorativi, fregi
  • La comparsa di portali promettenti: ingressi al tempio, decorati con una serie di archi, “annidati” l’uno nell’altro
  • rilievi monumentali

3. Stile gotico

Lo stile gotico, che sostituì il romanico, ebbe origine nel nord della Francia nel XII secolo e durò fino alla fine del XVI secolo. Grazie all’influenza francese in Inghilterra, si diffuse nelle isole britanniche, ma si cominciò a costruire in stile gotico anche in terre tedesche, boeme, spagnole e austriache. 

L’architettura gotica si concentrò verso l’alto: archi a sesto acuto, colonne di molti metri, guglie sottili. Grazie all’utilizzo di un sistema a telaio per alleggerire pareti e soffitti, divenne possibile erigere edifici molto alti, principalmente templi. In questo stile furono costruiti anche edifici secolari: castelli e residenze, municipi o case delle corporazioni, università, persino case private. L’ultimo periodo nella storia dello stile gotico, è caratterizzato da una grande quantità di decorazioni stravaganti.  

Le caratteristiche principali dello stile gotico

12 principali Stili architettonici e arredi
Stile gotico – Abbazia di San Galgano in toscana italy
  • Sistema di intelaiatura mediante contrafforti (supporti autoportanti) e archi rampanti (semiarchi che collegano il muro principale con contrafforti)
  • Volta a crociera con nervature (nervature), attraverso le quali il carico viene trasferito ai supporti
  • Guglie appuntite – pinnacoli
  • Grandi finestre ogivali
  • Rosa: una grande finestra rotonda sulla facciata con rilegatura figurata
  • vetro colorato
  • Portali promettenti
  • Facciata riccamente decorata con pregevoli intagli
  • Scultura (personaggi della Scrittura, in Francia anche doccioni)

4. Stile Barocco

L’architettura in stile barocco, nata in Italia a metà del XVI secolo, si sviluppò sulla base dei risultati del Rinascimento, a quel tempo tornarono le basi dell’architettura antica: simmetria, proporzioni, sistema ordinato. Il barocco ha preso la strada della complicazione. Gli architetti (tutti iniziati da Michelangelo) costruirono su grande scala, utilizzando vari elementi tridimensionali, come cupole, colonnati o grandi scalinate, oltre ad abbondanti decorazioni in rilievo. Tutto ciò conferiva agli edifici un aspetto imponente. 

Il design delle facciate è diventato complesso e stravagante e, grazie all’uso di linee curve, all’intersezione di varie forme geometriche, è apparso un senso di dinamismo. Il barocco enfatizzava la grandezza nella prosperità e nella bellezza. Oltre a chiese e monasteri, in questo stile furono costruiti molti palazzi circondati da parchi ed edifici pubblici cittadini. Questo stile era più popolare in Italia, a Roma, nella ricca Spagna coloniale, in Francia e Germania. 

Lo splendore dell’arredamento barocco si esprime in un gran numero di sculture, stucchi, elementi come vasi, conchiglie, cartigli (scudi incorniciati da riccioli), mascheroni (immagini di volti simili a maschere), rilievi di persone o amorini, fiori e frutta. Gli interni erano spesso decorati con dipinti stravaganti, che creavano un’atmosfera di splendore e solennità in molti palazzi europei. 

Le caratteristiche principali dello stile barocco

12 principali Stili architettonici e arredi
Stile barocco – Firenze
  • Forme curvilinee (archi, cupole, volute) 
  • Facciate monumentali e maestose 
  • Combinazione di superfici convesse e concave 
  • Contrasti di luce e ombra
  • Timpani e cornicioni aperti: nel mezzo è posto un elemento decorativo  
  • Abbondanza di sculture e decorazioni in rilievo 
  • Murales su temi allegorici, “trucchi” visivi – trompley
  • Interni di lusso, dorature

5. Stile Classico

L’architettura del classicismo è una rinascita di antiche tradizioni. Gli edifici ricordano quelli greci e romani utilizzando ordini, colonnati e proporzioni chiare. Il loro aspetto è scarno di decorazioni rispetto agli edifici barocchi. Lo sviluppo di questo stile fu preceduto dal periodo del cosiddetto primo classicismo, che ebbe origine durante il Rinascimento in Italia, poi l’architetto Antonio Palladio lavorò a Venezia e le sue idee tornarono utili secoli dopo. Nel XVII secolo in Inghilterra, e poi in tutta Europa, iniziarono a essere costruiti edifici austeri nello spirito dell’antichità. 

Il periodo principale di popolarità del classicismo fu l’era del regno di Luigi XIV (in Francia), e poi il XVIII secolo, il periodo in cui si rafforzò l’assolutismo in molte potenze europee. Ciò rifletteva il desiderio degli stati di imitare la grandezza dell’Impero Romano. D’altra parte, era questo stile che corrispondeva allo spirito del successivo Secolo dell’Illuminismo: si basava su regole chiare, logiche, razionali, la stessa parola latina classicus nella traduzione significa “esemplare”. Era perfetto per la costruzione sia di templi che di palazzi, suburbani e urbani.

Il classicismo si diffuse rapidamente in tutta Europa e anche nelle colonie americane, acquisendo in ogni paese le proprie peculiarità. 

Le caratteristiche principali del classicismo

12 principali Stili architettonici e arredi
Stile classico – basilica Roma
  • Imitazione dello stile antico: spesso la facciata ricorda un tempio greco con portico – parte sporgente con colonne e frontone triangolare
  • Simmetria, divisione uniforme della facciata
  • Colonnati, cupole
  • L’uso di pilastri: elementi piatti verticali sporgenti dal muro
  • Utilizzare nella costruzione di granito, marmo e altri materiali durevoli
  • Finestre alte, spesso semicircolari
  • Sobrietà nella decorazione – alcuni elementi architettonici espressivi servono a scopi decorativi, ad esempio la finestra dalla forma complessa “serliana” ripresa dal Rinascimento italiano

6. Stile Rococò

Lo stile rococò viene spesso confuso con il suo predecessore, il barocco, a causa del suo nome e dello sfarzo intrinseco. Tuttavia, non era così monumentale, al contrario, il rococò è elegante e frivolo. Oltre alla sua terra natale, la Francia (il periodo del suo regno è associato all’era del regno di Luigi XV), trovò i suoi ammiratori principalmente nei paesi tedeschi. Questo stile era inerente alle corti reali e all’aristocrazia. 

Il rococò è legato alla moda delle parrucche leggere in polvere e dei colori pastello. Questo stile non era incarnato nell’architettura, ma nelle belle arti e nelle arti decorative: era progettato per creare un ambiente elegante e confortevole per un passatempo sereno e pieno di piacere. 

Il nome dello stile deriva dalla parola rocaille – conchiglia. Per decorare gli interni venivano utilizzati motivi marini e naturali, ornamenti e specchi, che creavano un senso di spazio espanso, spesso compensando le piccole dimensioni degli edifici. L’abbondanza di dettagli di forme bizzarre ha creato un’atmosfera di stile di vita aristocratico, effeminatezza ed edonismo. Nello stile rococò furono costruite principalmente residenze di campagna, ville e padiglioni, lo si ritrova anche nella decorazione delle chiese.

Le caratteristiche principali dello stile rococò

12 principali Stili architettonici e arredi
Stile rococò – Old Masters Picture Gallery. Dresden, Germany
  • Piccole metrature edilizie
  • Mancanza di simmetria rigorosa, abbondanza di linee curve 
  • Modanature a forma di conchiglia o onda asimmetrica
  • Uso attivo della doratura
  • Numerosi dettagli ornamentali
  • Pilastri 
  • Colori pastello

7. Stile Impero

L’Impero è spesso considerato la fase finale del classicismo, apparso al momento della creazione dell’Impero francese da parte di Napoleone Bonaparte. Come il classicismo, l’Impero riecheggia l’eredità romana, solo che diventa più solenne e pomposo.

Una caratteristica distintiva dello stile Impero è l’uso di antichi motivi egiziani che divennero popolari dopo la campagna di Napoleone in Egitto, così come tutti i tipi di armamentario militare – scudi e corazze, spade e lance, aquile, trofei – nell’arredamento. Lo stile doveva principalmente riflettere il potere militare ed era distribuito nei territori subordinati all’imperatore francese.

Le caratteristiche principali dello stile Impero

12 principali Stili architettonici e arredi
Stile impero – arco del carosello – Parigi
  • rigore e chiarezza delle proporzioni, simmetria
  • concentrarsi sul patrimonio classico di Roma
  • splendore
  • la presenza di armamentario statale e militare
  • L’uso di colori vivaci, rivestimento con pietre colorate, dorature

8. Stile Moderno

Per gran parte del XIX secolo, l’architettura fu dominata da stili eclettici che utilizzavano gli stessi standard accademici. Nel 1890, i giovani architetti decisero di abbandonare le tecniche noiose e sviluppare un linguaggio artistico nuovo e moderno. 

Il nuovo stile fu chiamato in modo diverso in ogni paese: in Francia fu chiamato Art Nouveau (“nuova arte”), in Italia – stile Liberty o Floreale (stile floreale), in Germania – Jugendstil (“stile giovane”), in Austria – secessione (con il nome dell’associazione espositiva viennese “Vienna Secession”), in Spagna – modernismo catalano. 

Una delle principali ispirazioni per l’aspetto degli edifici era la natura, che si cercava di rappresentare in forma stilizzata. Gli architetti hanno utilizzato i materiali più moderni; le soluzioni costruttive e decorative sono state suggerite agli architetti dal metallo, dal cemento armato e dal vetro. 

Le forme morbide dell’Art Nouveau, la sua bellezza accattivante, così come il comfort, la proporzionalità e la vicinanza alla persona si sono rivelate adatte alla costruzione di residenze private, condomini, teatri, grandi magazzini, stazioni ferroviarie e metropolitane. Spesso gli architetti, quando creavano un edificio residenziale, erano responsabili anche di tutto il contenuto interno degli edifici, compresi mobili, carta da parati, maniglie delle porte e vasi. Nel corso del tempo, l’Art Nouveau divenne così popolare nella società da trasformarsi in un fenomeno di massa.   

Le caratteristiche principali dello stile moderno

12 principali Stili architettonici e arredi
Stile moderno – Oslo Opera House shine at dusk, morning twilight, Norway
  • Forme fluide, spesso asimmetriche
  • Utilizzare nella composizione di vari volumi
  • Linee curve e morbide che ricordano gli steli (“colpo di flagello”)
  • Motivi vegetali (non non tradizionali, ad esempio foglie di castagno), meno spesso zoomorfi nell’arredamento
  • Decorazione della facciata con mosaici, piastrelle o pietra
  • Grate metalliche
  • Finestre di forma complessa semicircolare o aerodinamica
  • L’abbondanza di vetro, vetrate colorate

9. Art Deco

La storia dello stile Art Déco viene solitamente raccontata a partire dall’Esposizione Internazionale delle Arti Decorative e dell’Industria Moderna di Parigi nel 1925, mentre gli inizi apparvero all’inizio del secolo in Francia. In questo stile, la struttura classica razionale non è stata abbandonata, ma sono stati aggiunti materiali di finitura costosi e le soluzioni tecnologicamente più avanzate dell’epoca: gli architetti hanno cercato di utilizzare tutti i vantaggi del progresso. Questo stile trasmetteva ricchezza e lusso in modo moderno.

Fu in quel momento che si formò una comunità professionale di decoratori, che ricevettero i diritti d’autore per le loro creazioni: lavorarono su progetti insieme ad architetti e scultori, soprattutto nelle città in via di sviluppo attivo di New York e Chicago, dove sono stati costruiti grattacieli. Oltre agli edifici pubblici, l’Art Déco era ampiamente utilizzato nella costruzione di case private e, ovviamente, nell’interior design.

Le caratteristiche principali dello stile Art Déco

12 principali Stili architettonici e arredi
Arte decò-Wrigley_Building_-_Chicago,_Illinois
  • monumentalità
  • La predominanza di forme rettangolari e triangolari (ad esempio edifici a forma di piramide), simmetria, geometria chiara
  • Silhouette a gradini, il quartiere di aerei dal design diverso
  • Uso del metallo
  • L’uso di mattoni di vetro, vetro
  • L’uso di materiali lussuosi (pietra di finitura, avorio, madreperla, ecc.) e nuovi materiali come la plastica, la brillantezza degli specchi e dei metalli negli interni
  • Ornamenti stilizzati che utilizzano le tecniche delle culture antiche (ad esempio egiziana), scultura monumentale
  • Motivi moderni: automobili, aeroplani, ecc. – nell’arredamento

10. Modernismo architettonico

Questa grande tendenza è associata al rifiuto degli stili artistici del passato e all’adeguamento dell’architettura alle esigenze del presente. Un nuovo approccio alla costruzione fu dettato dai vantaggi del progresso, dai cambiamenti sociali e dalle idee riformiste ad essi associati. Le sue radici risalgono alla seconda metà del XIX secolo, ma solo nel secolo successivo iniziarono ad apparire vari stili in linea con il modernismo.

Il funzionalismo (dettata dalla scuola di design Bauhaus anni ’20) mise in primo piano la funzione dell’edificio e abbandonò l’arredamento, creando un ambiente di vita utilitaristico ed ergonomico. Nel mondo del dopoguerra, dalla fine degli anni Quaranta, si è sviluppato uno stile internazionale, caratterizzato da forme dirette, laconiche e adatte a edifici cittadini di vari scopi.

Un’altra varietà di modernismo, in seguito chiamata architettura organica, avvenuta negli anni ’20 e ’50, si oppose al funzionalismo. I suoi teorici erano guidati dall’opportunità naturale, “organica” delle forme e cercavano di adattare il più possibile l’edificio al paesaggio naturale – da qui le planimetrie aperte, in cui lo spazio interno è inseparabile da quello esterno, orizzontale, abbondanza di materiali naturali. Non è un caso che in questo stile siano state costruite soprattutto case e ville private, ma anche edifici pubblici.

Le caratteristiche principali degli stili del modernismo

12 principali Stili architettonici e arredi
Stile moderno – Oslo Opera House shine at dusk, morning twilight, Norway
  • Geometria semplice: un quadrato e un cerchio (usati, tra l’altro, per costruire finestre), abbondanza di linee rette o arrotondamenti del raggio
  • Asimmetria
  • Dominanza dell’orizzontale
  • Tetti piani, senza zoccolo
  • Layout gratuiti
  • Tavolozza naturale calma
  • Utilizzo di cemento, metallo, vetro
  • Facciate senza decorazioni, interni laconici, funzioni subordinate

11. Stili moderni in architettura: minimalismo

Ai nostri giorni gli stili architettonici continuano ancora ad apparire e svilupparsi. Sembrava che la gloria del modernismo, che si basava sulle innovazioni del 20° secolo, si fosse spenta di recente, e ora stava già iniziando una nuova lotta per architetti e proprietari di case. gli stili architettonici moderni (hi-tech, minimalismo) tendono a stare al passo con i tempi, seguendo varie tendenze, dai materiali ecologici alle case piene di innovazioni tecniche. Questo approccio, a sua volta, influisce sull’aspetto dell’edificio.

Caratteristiche del minimalismo

12 principali Stili architettonici e arredi
MANHATTAN, NEW YORK, USA
  • forme semplici
  • linee chiare
  • piani aperti
  • desiderio di utilizzare la luce naturale
  • Comune nell’edilizia commerciale

12. Edilizia sostenibile 

Con una crescente consapevolezza delle questioni ambientali e la necessità di ridurre gli impatti ambientali negativi, l’edilizia sostenibile sta diventando sempre più popolare. Ciò include l’uso di materiali rispettosi dell’ambiente, sistemi efficienti dal punto di vista energetico, tecnologie per il risparmio idrico ed energetico e l’integrazione di fonti energetiche rinnovabili. Gli edifici moderni sono dotati di pannelli solari per generare elettricità, sistemi di raccolta e riutilizzo dell’acqua piovana, gestione intelligente dell’energia, tetti verdi e giardini verticali.

Caratteristiche dell’architettura dello sviluppo sostenibile

12 principali Stili architettonici e arredi
Due grattacieli con alberi in crescita a Milano
  • Materiali rispettosi dell’ambiente
  • Pannelli solari
  • Giardini verticali, tetti verdi e terrazzi
  • Creazione di un microclima artificiale
  • Sistemi di gestione intelligente degli edifici

Con lo sviluppo di Internet e dell’automazione, le case intelligenti stanno diventando sempre più popolari. Le tecnologie della casa smart consentono ai proprietari di controllare l’illuminazione, il riscaldamento, l’aria condizionata e altri sistemi utilizzando dispositivi mobili. Ciò migliora il comfort, la sicurezza e l’efficienza energetica degli spazi abitativi”.

Cristina Giordano
Cristina Giordano
Ciao a tutti, sono Cristina Giordano, una blogger che si occupa principalmente di moda, viaggi, tecnologia, alimentazione e benessere. Negli anni ho avuto l'opportunità di collaborare con diverse marche e aziende, che mi hanno permesso di ampliare le mie conoscenze e di fare nuove amicizie con persone che condividono la mia stessa passione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Stella di Natale è velenosa? miti e verità

Le superstar natalizie del mondo vegetale con tonalità audaci e vibranti che aggiungono un’atmosfera festosa a qualsiasi spazio. Stella di Natale è velenosa? La pianta,...

Destinazioni incantevoli per viaggi indimenticabili

Organizzare un viaggio romantico è un'occasione per rafforzare i legami affettivi e creare ricordi duraturi. Destinazioni incantevoli per viaggi indimenticabili. Ad insegnarci quanto la...

Porte del garage: Guida per prolungare la loro durata di funzionamento

In un mondo in cui la sicurezza e il comfort della nostra casa sono prioritari, le porte del garage svolgono un ruolo essenziale. Questi componenti...

Articoli Correlati

Porte del garage: Guida per prolungare la loro durata di funzionamento

In un mondo in cui la sicurezza e il comfort della nostra casa sono prioritari, le porte del...

Come progettare uno stand efficace per una fiera del settore moda

Le fiere del settore moda sono occasioni cruciali per le aziende di presentare le proprie collezioni, stabilire connessioni...

Letti per bambini con sponde per sogni felici

La sicurezza e il comfort dei bambini è una priorità assoluta per ogni genitore. Letti per bambini con sponde...

L’Importanza delle tazze personalizzate come regalo natalizio per dipendenti e clienti

Il periodo natalizio è un'occasione speciale per mostrare gratitudine e apprezzamento ai dipendenti e ai clienti che hanno...
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.