Forno a vapore 3 tecniche cottura

Forno a vapore 3 tecniche cottura

Forno a vapore 3 tecniche cottura

Uno strumento di cottura che consente di cucinare qualsiasi ricetta dall’antipasto al dolce senza compromessi tra gusto e qualità e  sempre con un risultato di grande leggerezza.

Il forno a vapore offre 3 tecniche di cottura, una serie di possibilità in più rispetto alle tecniche tradizionali: cottura a vapore diffuso, vapore in teglia dietetica e vapore diretto. Utilizza una combinazione di vapore e aria calda per migliorare i sapori, gli aromi e le consistenze bloccando le sostanze nutritive. La cottura a vapore previene anche i sapori incrociati, quindi puoi cuocere una torta al salmone e al cioccolato contemporaneamente senza ottenere un mix di piatti e aromi come in quello tradizionale.

Forno a vapore combinato

Forno a vapore 3 tecniche cottura
Forno a vapore combinato

Un forno a vapore combinato, a volte chiamato forno a convezione – vapore, ti aiuta a preparare i pasti quotidiani in modo veloce e con maggiori benefici per la salute. Ha quasi tutte le funzioni di un forno a microonde, compreso lo scongelamento e il riscaldamento per la semplice ragione che un forno a convezione utilizza il vapore anziché l’aria come mezzo per trasmettere calore al cibo. I vantaggi della cottura a vapore sono molti, in termini di genuinità e gusto, salute e resa del prodotto. Inoltre derivano migliori risultati qualitativi, ma anche e soprattutto un risparmio di materiali, energia, tempo e una organizzazione del lavoro molto diversa. Consente di preparare in poco tempo piatti complessi senza che gli aromi e sapori vengono mescolati tra di loro.

Vantaggi della cottura a vapore

  • I cibi cuociono in ambiente chiuso e isolato dove il vapore si propaga uniformemente senza dispersione di calore.
  • E’ molto spazioso quindi può cuocere pietanze di grandi dimensioni o più piatti contemporaneamente.
  • Funziona sia a vapore che nel modo classico. La carne e il pane possono essere cotti in fase finale a forno tradizionale per ottenere una maggiore croccantezza in superficie. Il pesce può avere una doratura finale ottenuta con il grill.
  • Non richiede l’uso di recipienti particolari. Tuttavia i migliori risultati si ottengono con teglie di alluminio e lamiera smaltata, materiali che ricevono e trasmettono bene il calore.
  • Riduce i tempi di cottura dal 30 al 70%,con elevato risparmio di energia. Il tacchino, ad esempio, che richiede almeno 4 ore di cottura in forno tradizionale, è pronto in un’ora e mezza.
  • Serve per scongelare, riscaldare, portare a cottura cibi precotti.
  • È un ottima sistema per sterilizzare vasi di frutta sciroppata, le conserve di verdura e tutte le marmellate.
  • Cuoce a vapore con 3 tecniche di cottura diverse cosicché ogni pietanza ha la sua cottura migliore.
  • Si sporca molto meno di un forno tradizionale e si pulisce con facilità perché i grassi di cottura non seccano sulle pareti.
READ  Tempi di cottura a vapore per cibi sani e leggeri

Come funziona il vapore

  • Il vapore viene prodotto da un generatore alimentato ad acqua. È meglio utilizzare acque minerali naturali o acque dolci, cioè a basso contenuto di carbonato di calcio per limitare la formazione del calcare che diminuisce l’efficienza del forno. In ogni caso il calcare viene facilmente eliminato con un ciclo di pulizia previsto dall’impianto.
  • L’emissione del vapore, indicata da una spia verde, inizia quando la temperatura all’interno del forno ha raggiunto i 100 °C. Il tempo necessario per questa operazione varia dai 5 a 7 minuti.
  • La temperatura interna del forno impedisce la formazione di condensa e le pietanze possono essere controllate a vista attraverso lo sportello in vetro.
  • La temperatura del forno per l’uso del vapore va regolata in relazione alla pietanza da cucinare, tra i 120° e i 180°. La scelta della temperatura giusta è facilitata dalle indicazioni segnate sul display. Anche il getto di vapore può essere regolato con la manopola da Min, Med, Max (minimo, medio, massimo) secondo il grado di umidità richiesto per la cottura delle varie pietanze.
  • Il forno dispone di quattro guide di appoggio posizionate a diversi livelli per cuocere i cibi nel modo ottimale. Un segreto: nella cottura a vapore i migliori risultati si ottengono mettendo il cibo da cuocere al primo o al secondo livello.

3 tecniche di cottura del forno a vapore

Forno a vapore 3 tecniche cottura
Vapore in teglia con sonda
Forno a vapore 3 tecniche cottura
Vapore diretto con sonda
  • Vapore diffuso – Le pietanze vengono infornate in una pirofila scoperta e il vapore circola liberamente nel forno cuocendole. Questo sistema, valido sempre, è particolarmente valido per il pane, le pizze e i dolci.
  • Vapore in teglia – Il forno è dotato di una teglia dietetica collegabile a una sonda attraverso la quale passa il vapore. Questo sistema di cottura, particolarmente indicato per le verdure, consente un grande risparmio di tempo e mantiene i cibi inalterati anche nell’aspetto.
  • Vapore Diretto – Ideale per pollame, capretto e agnello purchè interi. Una sonda viene inserita direttamente nella pietanza da cucinare e la carne, cotta dall’interno a vapore, e rosolata all’esterno, risulterà delicata, morbida e saporita.

Quali cibi cuocere nel forno a vapore

Praticamente tutto, dai piatti più semplici in cui riscoprire sapori antichi ai piatti più elaborati da servire con successo in tutte le occasioni.

  • Frutta e verdura – Conservano tutto il sapore, la consistenza e le proprietà nutritive. La verdura, in particolare, può essere cucinata in 3 modi diversi: a vapore nella teglia dietetica e poi condita secondo i gusti; arrostita con il vapore al massimo così che cuoce senza seccare; gratinata passando alla fine sotto il grill.
  • Pesci e Crostacei – Si cucinano in modo eccellente. Anche i pezzi di grandi dimensioni, compresa la cernia e l’aragosta cuociono perfettamente mantenendo inalterato il sapore e l’aspetto.
  • Carni e Pollame – Cuociono in tempi decisamente inferiori al sistema tradizionale usando la sonda o la teglia dietetica. Entrambi i metodi garantiscono una cottura morbida e uniforme. Nella teglia dietetica una speciale griglia raccoglie tutto il grasso.
  • Riso – E’ l’elemento per eccellenza della cucina a vapore. Ogni chicco cuoce perfettamente. Si ottengono risi e risotti eccellenti aggiungendo brodo di carne o vegetale, o semplicemente acqua.
  • Budini – Saltano la delicata e laboriosa fase di cottura a bagnomaria: basta appoggiare direttamente gli stampi sulla leccarda o sulla pirofila con il fondo leggermente bagnato.
  • Pane, Focacce e Torte – Sono cibi che hanno bisogno di un ambiente caldo umido per lievitare in modo perfetto e uniforme. Il sapore si è dimostrato un ottimo modo per cuocerli.
READ  Cottura a vapore per gusti e sapori retrò a tavola

Cottura con forno a vapore

Cucinare con il vapore sta diventando di uso comune con l’aumento della scelta di pasti più sani e leggeri. I forni a vapore mantengono più nutrienti il cibo, non alterano i colori ed eliminano la necessità di olio. 

    8 thoughts on “Forno a vapore 3 tecniche cottura

    1. Mamma mia, io sbavo letteralmente per questo tipo di forni…. L’ho visto in un negozio di un mio amico…. Sono davvero il top in cucina

    2. è importante avere le giuste apparecchiature per cucinare bene. mi piace troppo questo tipo di forno io prediligo la cucina salutare

    Leave a Review

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *