Fenomeni vulcanici e i terremoti nel mondo

Date:

Fenomeni vulcanici e i terremoti nel mondo; due eventi che causano rispettivamente i terremoti (o sismi) con maremoto e tsunami e le eruzioni vulcaniche. Il fenomeno del vulcanesimo non provoca sempre catastrofi: sulle isole Hawaii e in Islanda le eruzioni sono frequenti, ma poco pericolose; invece sulle Ande e in Indonesia si possono verificare rare ma violente esplosioni vulcaniche.

I movimenti delle zolle non solo danno origine al fenomeno della cosiddetta deriva dei continenti, ma provocano anche vibrazioni della costa terrestre e fuoriuscita di magma proveniente dagli strati sottostanti.

Fenomeni vulcanici e sismi nel mondo

Fenomeni vulcanici e i terremoti
Le zone a rischio vulcanico e sismico nel mondo

L’attività vulcanica si svolge sopratutto ai margini delle zolle, là dove il magma risale dal mantello fino alla superficie, ma esistono vulcani anche all’interno delle zolle stesse. Insieme al magma, che forma la lava, vengono in superficie ceneri, vapori e gas. La lava e la cenere si accumulano intorno al cratere, formando un cono vulcanico, che può raggiungere notevoli altezze.

I vulcani eruttano anche in tutto il bacino dell’Oceano Pacifico. Dal sud del Giappone alla Nuova Zelanda La maggior parte delle aree vulcaniche del bacino si trovano lungo i bordi delle placche tettoniche. e tutta la zona si chiama “Anello di fuoco “

In Europa, l’Etna in Sicilia è piuttosto attivo. Come il Vesuvio (il vulcano che seppellì le città di Pompei ed Ercolano nel 79 d.C.), queste montagne colpiscono ancora l’area circostante con terremoti e maree.

Non tutti i vulcani creano montagne. Alcuni crateri emettono cuscini di lava. In particolare a causa delle eruzioni sottomarine, il vulcano Vent è ancora attivo su Venere, coprendo la superficie con lava viscosa. Sulla Terra, i vulcani eruttano in diversi modi. 

I vulcani fanno parte della creazione del mondo.

Fenomeni vulcanici e i terremoti nel mondo
Il Vulcano a Napoli

I vulcani svolgono il lavoro principale nella creazione di continenti e isole. Crea una montagna sotto il mare profondo e cratere vulcanico Ripristinano anche la topografia sulla Terra. Rilasciando lava e altri materiali, la Terra iniziò la vita come un mondo vulcanico ricoperto da oceani di acqua fusa.

-Pubblicità-

Alcuni vulcani che sono attivi fin dall’inizio non sono attualmente attivi. Alcuni sono morti da tempo, altri sono dormienti. (Ciò significa che potrebbero scoppiare di nuovo in futuro.) 

Che cos’è la cintura di fuoco

Le eruzioni vulcaniche sono una caratteristica interessante, spaventosa ed essenziale del nostro mondo. I vulcani sono sparsi ovunque. Dai deserti dell’Africa alle gelide terre dell’Antartide, alle isole dell’Oceano Pacifico e in ogni continente, ogni giorno qualcuno esplode da qualche parte. I vulcani del mondo sono familiari alla maggior parte di noi, come il Monte Agung attivo a Bali, il Bárðarbunga in Islanda, il Kilauea alle Hawaii e Colima in Messico. 

Ci sono vulcani sparsi in tutto il mondo. in tutto il sistema solare Prendiamo ad esempio la luna di Giove, Io. È un vulcano alto e sputa lava carica di zolfo da sotto la superficie. Si prevede che il mondo sia piccolo. Questo si è quasi invertito internamente nel corso di milioni di anni. Ciò è dovuto alle eruzioni vulcaniche che portano materiali dall’interno alla superficie e oltre. 

Dove si trova la cintura di fuoco

Molti vulcani sono sottomarini e più di diecimila si trovano nell’Oceano Pacifico, dove esiste una linea continua di zone vulcaniche e sismiche chiamata cintura di fuoco. I vulcani s’innalzano sui fondali marini e talvolta emergono sopra il livello del mare, dando origine a isole.

Il vulcano più alto è il Mauna Loa, nelle isole Hawaii, che raggiunge un’altezza di circa 10.000 metri, di cui circa 9000 sotto il livello del mare. Diversi vulcani sono oggi inattivi, altri attivi, benché la loro attività sia discontinua e possano dar segni di vitalità anche per molti anni.

  • Nel primo caso si tratta di eruzioni effusive, con emissione di lava molto fluida, che scende lentamente lungo i fianchi del monte e progressivamente di solidifica.
  • Nel secondo caso si tratta di eruzioni esplosive, perché la lava, per la maggiore consistenza, ostruisce il camino del vulcano, creando un vero e proprio tappo. Quando questo cede, si ha un’improvvisa e violentissima esplosione e il magma è scagliato fuori dal cratere sotto forma di lapilli (frammenti solidi). Questo tipo d’eruzione di solito provoca distruzioni e vittime nelle aree vicine al vulcano. Talvolta gli effetti dannosi si possono spingere lontano, se i fumi e i gas emessi sono dispersi nell’aria dai venti.

I terremoti: ipocentro ed epicentro

Le vibrazioni rapide e improvvise della crosta terrestre, per effetto dei movimenti delle zolle che sprofondano o entrano in collisione, causano i terremoti. Questi possono essere di tipo sussultorio (movimento dall’alto al basso) oppure ondulatorio (movimento orizzontale).

Le scosse hanno di solito una breve durata (qualche secondo) ma si ripetono a distanza di tempo ravvicinata. Sono frequenti ai margini delle zolle, nelle stesse regioni della superficie terrestre in cui sono concentrati i vulcani.

-Pubblicità-

I terremoti avvengono a profondità diverse, fino a 700 chilometri sotto la superficie. Il punto d’origine del movimento sismico si chiama ipocentro e il corrispondente punto della superficie posto sulla sua verticale, è detto epicentro.

Origine del maremoto

Si ha un maremoto, detto anche tsunami, violento movimento delle acque marine con la formazione di onde gigantesche, se l’epicentro è situato sotto il fondo del mare, più o meno vicino alla costa. A mano a mano che ci si allontana dall’epicentro del terremoto, le scosse perdono d’intensità.

Che cosa misura la scala Mercalli?

L’intensità di un terremoto si misura secondo una scala, con valori da 1 a 12, predisposta dallo scienziato Mercalli, che prende in considerazione gli effetti provocati dal terremoto sugli edifici, sul terreno e sugli abitanti della zona colpita.

Fenomeni vulcanici e i terremoti
Tsunami o maremoto

Nel disegno è illustrato il meccanismo dell’origine di un maremoto e della conseguente propagazione delle onde. Avvicinandosi al litorale, man mano che la profondità del mare diminuisce, le onde riducono la propria velocità ma crescono in altezza: sulle coste si abbattono con violenza gigantesche masse d’acqua. La maggior parte dei maremoti, chiamati tsunami, avvengono nell’Oceano Pacifico e nell’Oceano Indiano.

-Pubblicità-

Maremoto Giappone e Tsunami Indonesia

Ad esempio, un maremoto che colpì il Giappone verso la fine del XIX secolo provocò onde alte da 24 a 35 metri. Esse distrussero molti centri abitati e provocarono 26000 vittime. Lo tsunami in Indonesia fu una miscela spaventosa tra terremoto e maremoto che si abbatté sulle coste dellOceano indiano il 26 dicembre 2004. Un terremoto di magnitudo 9.0 della scala Richter, uno dei più forti della storia degli ultimi cento anni, colpisce le coste dei paesi che si affacciano sull’Oceano indiano, causando circa 300 mila vittime.

Che cosa è la scala Richter?

La forza di un terremoto si può misurare, in maniera più precisa, utilizzando la scala predisposta dallo scienziato Richter. Questa scala conta 9 gradi e indica la magnitudo, cioè l’energia liberata dal sisma, la quale è misurata da appositi strumenti, i sismografi. Questi registrano fino a 800.000 terremoti l’anno, ma per fortuna solo una piccola parte è percepita dalle persone e provoca danni importanti.

Quale è stato il terremoto più forte in Italia? I 10 terremoti più forti degli ultimi 50 anni in Italia

  • 14 gennaio 1968, il terremoto nel Belice.
  • 23 novembre del 1980, il terremoto in Irpinia.
  • 7 maggio 1984, San Donato Val di Comino. …
  • 13 dicembre 1990, il terremoto di Carlentini in Sicilia. …
  • 26 settembre 1997, il terremoto in Umbria e Marche. …
  • 31 ottobre 2002, terremoto del Molise. …
  • 6 aprile 2009, il terremoto de L’Aquila.

21 Settembre 2019: Terremoto di magnitudo 5,6

Paesi interessati dai fenomeni vulcanici: Bulgaria, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Grecia, Italia, Kosovo, Montenegro, Serbia, Macedonia del Nord e Albania-Durazzo, in Albania, 6 km dall’epicentro.

Chi studia i terremoti?

La sismologia è la branca della geofisica che studia i fenomeni sismici, in particolare i terremoti e la propagazione delle onde elastiche (e anelastiche) da essi generate. Il sismografo è lo strumento che viene utilizzato per registrare i fenomeni sismici. Nonostante gli enormi progressi della ricerca scientifica sui fenomeni vulcanici, il sisma rimane un evento imprevedibile. Per contrastarne gli effetti disastrosi, serve solo un’efficace opera di prevenzione.

Il Giappone, area ad alta sismicità, è un esempio di buona organizzazione contro i fenomeni vulcanici e i terremoti: gli edifici sono costruiti secondo norme antisismiche e la popolazione è preparata, psicologicamente e praticamente, ad affrontarli.

Evoluzione planetaria

I vulcani e i flussi vulcanici hanno influenzato il nostro pianeta (e oltre) sin dagli albori della storia del sistema solare. Fertilizzano l’atmosfera e il suolo. Allo stesso tempo, provoca cambiamenti importanti e pericolosi per la vita. Fanno parte della vita su un pianeta attivo e hanno preziose lezioni da insegnare su altri mondi in cui si verificano eruzioni vulcaniche.

I geologi studiano le eruzioni vulcaniche e le attività correlate. e lavorare per caratterizzare ogni tipo di terreno vulcanico. Ciò che imparano dà loro una maggiore comprensione del funzionamento interno del nostro pianeta e di altri mondi in cui si verifica l’attività vulcanica.

Cristina Giordano
Cristina Giordanohttps://appuntisulblog.it/
Ciao a tutti, sono Cristina Giordano, una blogger che si occupa di moda, viaggi, tecnologia, alimentazione e benessere.

3 Commenti

Sottoscrivi
Notificami
3 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Eleonora Musumeci

Un post davvero interessante per approfondire e saperne di più riguardo a uno dei problemi del nostro paese ballerino.

enza

sul tuo blog scovo sempre info nuove e molto interessanti mi piacciono i tuoi post

Sheila

Io vivo in Friuli e il terrore di un nuovo maxi terremoto c\’è sempre

Articoli Correlati

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina