La nascita delle prime città antiche d’Europa

Date:

Sebbene molte città abbiano origini in tempi moderni, alcune hanno origini millenarie. Ecco la nascita delle prime città antiche d’Europa che, ancora adesso, sono il cuore pulsante della civiltà, pulsano di storia e storie umane che trascendono il tempo. Dalle affollate strade di Roma alla colorata Damasco, le città del mondo rappresentano testimonianze viventi dell’ingegno e della creatività delle generazioni passate.

Ogni città racchiude nelle sue strade e strutture un ricco arazzo di origini antiche, rivelando l’evoluzione della società umana e dello sviluppo urbano. Unisciti a noi in un viaggio nel tempo mentre ripercorriamo le origini delle città di tutto il mondo, scoprendo le storie affascinanti della loro nascita e i fili storici che continuano a intrecciarsi attraverso i loro paesaggi moderni.

La nascita delle prime città antiche d’Europa

La nascita delle prime città antiche d'Europa
La nascita delle prime città antiche d’Europa

La nascita delle città europee è un argomento interessante che approfondisce la ricca storia e le diverse origini dei centri urbani di tutto il continente. Le città europee hanno un passato lungo e leggendario, con radici che possono essere fatte risalire ad antiche civiltà e imperi. Dalle maestose rovine di Roma al fascino medievale di Parigi, ogni città ha la sua storia unica da raccontare.

Le prime città europee emersero durante il periodo classico, con antichi insediamenti greci e romani che fungevano da basi della moderna pianificazione urbana. Queste città erano spesso costruite attorno a punti di riferimento chiave come templi, mercati e piazze pubbliche, con particolare attenzione all’ordine e all’organizzazione. Man mano che il commercio fioriva, queste città diventarono vivaci centri di attività, attirando persone da ogni parte del mondo.

Durante il periodo medievale, le città europee subirono trasformazioni significative, con l’ascesa di mura fortificate, strade strette e grandi cattedrali che ne modellano il carattere distintivo. Città come Milano, Firenze, Venezia e Barcellona divennero centri di arte, cultura e commercio, aprendo la strada al Rinascimento e all’Illuminismo.

1. Milano – Italia

La nascita delle prime città antiche d'Europa
Sant’Ambrogio di Milano negò l’ingresso in chiesa a Teodosio dopo che questi aveva massacrato i suoi concittadini. Francesco Hayez / Mondadori Portfolio / Collaboratore / Getty Images

Nel milanese si stabilirono gli antichi Celti, soprattutto gli Insubri, un popolo celtico che abitava la regione dell’Insubria, che corrisponde all’incirca all’odierna Lombardia nel nord Italia. Erano una delle tribù celtiche più potenti della regione e la loro capitale era Mediolanum (l’odierna Milano). Gli Insubri erano noti per la loro abile metallurgia e i loro feroci guerrieri. Erano anche abili cavalieri e aurighi.

Gli Insubri furono menzionati per la prima volta dallo storico romano Tito Livio, che narra la leggendaria fondazione ad opera di due uomini di nome Bellovesus e Segovesus, mentre i Romani, guidati da Gneo Cornelio Scipione Calvo, secondo le “Storie di Polibio“, occuparono la zona durante l’Anno 220 aC. e sconfitti nel 222 a.C. Tuttavia gli Insubri continuarono a resistere per molti anni al dominio romano.

Nel 196 aC furono nuovamente sconfitti dai Romani e il loro territorio fu incorporato nella provincia romana della Gallia Cisalpina. Gli Insubri furono infine assimilati nella società romana e la loro lingua e cultura scomparve gradualmente. Nel 290-291, due imperatori, Diocleziano e Massimiano, scelsero Milano come sede del loro congresso e quest’ultimo costruì un grande palazzo in città. 

-Pubblicità-

Ma forse è meglio conosciuto nella tarda antichità per il suo ruolo nel cristianesimo primitivo grazie al diplomatico e sacerdote Sant’Ambrogio, meglio conosciuto per le sue navi da guerra con l’imperatore Teodosio, proveniva dalla città. L’Editto di Milano, del 313, in cui Costantino proclamò la libertà religiosa in tutto l’impero, fu il risultato delle trattative dell’impero su quella questione.

2. Venezia – Italia (1000 a.C.)

La nascita delle prime città antiche d'Europa
Venezia antica

Le testimonianze archeologiche suggeriscono la presenza umana nell’area della laguna veneta già nell’età del ferro (intorno al 1000 a.C.).
Nel VI secolo a.C., l’insediamento etrusco di Adria sorse come importante porto. Nel I secolo d.C., i Romani stabilirono una presenza nella laguna, fondando la città di Altino.

Nel IV secolo d.C., con le invasioni germaniche che minacciavano l’Impero Romano, i rifugiati dalla terraferma iniziarono a cercare rifugio nelle isole della laguna. Questi insediamenti, come Torcello e Malamocco, divennero i primi nuclei della futura città di Venezia.

Istituzione della Repubblica di Venezia: Nel 697 d.C., l’imperatore bizantino Giustiniano II nominò un duca per governare la laguna veneziana. Nell’811 d.C., il Doge di Venezia (il leader eletto della città) fu trasferito da Malamocco a Rialto, un’isola nella laguna centrale.
Rialto divenne il centro politico e commerciale della città emergente, che adottò ufficialmente il nome «Venezia» intorno al X secolo.

L’arte e l’architettura bizantina sono ancora visibili in molte chiese e palazzi veneziani. La laguna veneziana ha permesso lo sviluppo della produzione di sale, un bene prezioso nel Medioevo. La posizione strategica di Venezia la rendeva uno snodo fondamentale per il commercio tra Oriente e Occidente.

Gli stretti legami di Venezia con l’Impero bizantino, in quanto Esarcato (territorio), fornirono opportunità economiche e influenza culturale. La tradizione vuole che San Marco Evangelista sia stato martirizzato sull’isola di Rialto, facendo di Venezia una popolare meta di pellegrinaggio e attirando pie donazioni.

Napoli origini storiche VIII secolo a.C

La nascita delle prime città antiche d'Europa
Napoli origini storiche VIII secolo a.C

I Greci fondano una colonia chiamata Partenope, più tardi conosciuta come Neapolis (“Città Nuova”). Nel Periodo romano 326 a.C i romani conquistano Partenope e la ribattezzano Neapolis che diventa un importante porto e centro commerciale. L’imperatore Augusto stabilisce una base della flotta a Miseno, vicino a Napoli.

-Pubblicità-

Nel Periodo bizantino V secolo d.C Neapolis diventa parte dell’Impero bizantino, resiste agli attacchi goti nel 536 d.C. Napoli fiorisce come centro commerciale e culturale. Durante il Ducato Longobardo VI secolo d.C, i Longobardi conquistano Napoli e fondano il Ducato di Benevento. Napoli diventa centro semiautonomo all’interno del ducato e stringe stretti legami con il Papato.

Conquista normanna XI secolo d.C.: I Normanni conquistano l’Italia meridionale, inclusa Napoli. Il duca Roberto il Guiscardo istituisce il Ducato di Puglia e Calabria. Napoli diventa un importante centro culturale ed economico.

Regno di Napoli 1282: Carlo d’Angiò sconfigge gli Hohenstaufen e fonda il Regno di Napoli. Napoli diventa capitale del regno. Il regno è governato da varie dinastie, tra cui gli Angioini, gli Aragonesi e i Borboni.

Rinascimento: Napoli diventa un centro di arte e cultura, con artisti come Giotto e Caravaggio.

-Pubblicità-

Periodo barocco: Napoli viene ricostruita dopo un devastante terremoto nel 1688. La città è adornata con elaborate chiese e palazzi barocchi.

Storia moderna XVIII secolo: Napoli entra a far parte del Regno delle Due Sicilie.

XIX secolo: Napoli sostiene il movimento di unificazione italiana.

1861: Napoli entra a far parte del Regno d’Italia.

Seconda Guerra Mondiale: Napoli è gravemente danneggiata dai bombardamenti alleati.

Dopoguerra: Napoli si ricostruisce e diventa un importante centro industriale e di trasporti.

3. Parigi – Francia

La nascita delle prime città antiche d'Europa
Mappa della Gallia intorno al 400 d.C. Jbribeiro1/Wikimedia Commons Dominio pubblico

Sotto Parigi si trovano i resti di una città costruita dalla tribù celtica, i Parisii (Gallia), che viveva lì all’epoca in cui i romani spazzarono via brutalmente la Gallia e ne espropriarono la gente. I Parisii erano una tribù celtica che visse nell’area dell’odierna Parigi, in Francia, durante l’età del ferro e il periodo romano. Facevano parte del gruppo più ampio di tribù celtiche conosciute come Belgi, che abitavano la parte settentrionale della Gallia (l’odierna Francia, Belgio e parti dei Paesi Bassi).

I Parisii furono menzionati per la prima volta in documenti storici da Giulio Cesare nel suo libro “Commentarii de Bello Gallico” (Commentari sulla guerra gallica) che li descrisse come una tribù potente e guerriera, con una forte cavalleria. Durante le guerre galliche (58-50 a.C.), i Parisii si allearono con le altre tribù belghe contro le legioni romane invasori di Cesare. Parteciparono alla battaglia dei Sabi (57 a.C.), dove furono sconfitti dalle forze di Cesare.

Prima della nascita di Roma, i Parisii commerciavano con altri gruppi vicini e occupando la Senna di cui hanno anche mappato l’area e coniato monete. Sotto il comando di Giulio Cesare, negli anni ’50 a.C., i romani entrarono con la forza in Gallia e occupò il territorio di Parigi compresa la Lutezia che diventerà Parigi. 

Dopo la conquista romana della Gallia, i Parisii divennero parte della provincia romana della Gallia Lugdunensis. Fu loro concesso lo status di civitas (città-stato) e fu loro consentito di mantenere alcuni dei propri usi e costumi. I Parisii giocarono un ruolo importante nello sviluppo della Gallia romana. Erano conosciuti per la loro agricoltura, il commercio e la lavorazione dei metalli. Costruirono anche una serie di importanti monumenti, tra cui le Thermes de Cluny (terme di Cluny) e l’Arc de Triomphe (Arco di Trionfo).

I Parisii continuarono a vivere nell’area dell’odierna Parigi dopo la caduta dell’Impero Romano. Alla fine furono assimilati nel regno dei Franchi. I romani finirono per aggiungere alla città elementi tipici romani, come le terme, ma con il tempo L’imperatore Giuliano Visitò Lutetia nel IV secolo. Non era la vivace metropoli che conosciamo oggi.

4. Londra – Inghilterra

La nascita delle prime città antiche d'Europa
Bassorilievo di Mitra trovato a Londra Franz Cumont/Wikimedia Commons Public Domain

Nel Periodo preromano (50.000-43 d.C. circa) sono state trovate prove dei primi insediamenti umani nella valle del Tamigi, inclusa la scoperta di strumenti di Neanderthal. Nella zona prosperarono comunità mesolitiche di cacciatori-raccoglitori. Verso la fine del periodo, tribù celtiche stabilirono insediamenti, tra cui i Trinovantes.

Periodo romano (43-410 d.C.). Nel 43 d.C., il generale romano Aulo Plauzio invase la Gran Bretagna e stabilì un accampamento militare sul sito della moderna Londra. Il campo si trasformò in un insediamento permanente conosciuto come Londinium, che divenne la capitale della Britannia romana. Londinium fiorì come un importante porto, centro commerciale e centro amministrativo.

La famosa città che un tempo era conosciuta come Londinium fu fondata dopo che Claudio invase l’isola negli anni ’40, ma nel 60-61 d.C, Boudicca, la regina guerriera d’Inghilterra, insorse contro i governanti romani. Prima che la sua ribellione fosse revocata, si dice che Boudicca abbia ucciso “circa settantamila cittadini e alleati”. È interessante notare che l’archeologia ha scoperto un multi- città stratificata bruciata che conferma l’ipotesi che Londra fu rasa al suolo in quell’epoca.

Nel corso dei secoli successivi, Londinium divenne la città più importante della Britannia romana. Progettata come città romana, completa di foro e terme, Londinium conteneva anche il Mitreo, un tempio sotterraneo del dio militare Mitra, sovrano del culto mistico. I viaggiatori arrivavano da tutto l’impero per scambiare beni come l’olio d’oliva e il vino in cambio di beni di produzione britannica come la lana e spesso venivano scambiati anche gli schiavi.   

L’influenza romana era così debole che Roma ritirò le sue truppe dall’Inghilterra all’inizio del V secolo d.C., lasciando dietro di sé un vuoto politico. Alcuni dicono che i leader si sollevano per prenderne il controllo. Dopo la ritirata romana, Londinium fu abbandonata. Nel VI secolo, i coloni anglosassoni fondarono un insediamento noto come Lunden sull’ex sito romano. Lunden divenne un importante centro commerciale e un centro del potere ecclesiastico.

5. Atene, Grecia (6000 a.C.)

La nascita delle prime città antiche d'Europa
La nascita delle prime città antiche d’Europa

Atene, la culla della civiltà occidentale, offre una finestra sulla storia antica con i suoi monumenti iconici, come l’Acropoli e il Partenone. Le prove suggeriscono che la città è stata abitata dal 5000 a.C. Le prove archeologiche del periodo preistorico (3000-1100 a.C. circa) suggeriscono che l’acropoli era abitata già nel periodo neolitico. Nell’età del bronzo, Atene divenne un importante centro commerciale nella pianura ateniese.

Durante il Periodo miceneo (1600-1100 a.C. circa), Atene passò sotto il controllo della civiltà micenea, un potente impero dell’età del bronzo. I Micenei costruirono le prime grandi strutture sull’Acropoli, tra cui un palazzo e fortificazioni. In seguito al crollo della civiltà micenea, la Grecia entrò in un periodo di declino noto come Medioevo. Durante questo periodo Atene rimase un piccolo insediamento isolato.

Nell’800-700 a.C. circa si vide l’emergere di una nuova civiltà greca. Atene divenne una città-stato fortificata (polis) e cominciò ad espandere il suo territorio. Gli Ateniesi svilupparono il loro alfabeto e crearono la prima ceramica greca. Il periodo arcaico (700-500 a.C. circa) fu un periodo di rapida crescita e sviluppo per Atene. La città espanse la sua influenza attraverso il commercio e la colonizzazione. Gli Ateniesi stabilirono un sistema di governo democratico e costruirono i primi templi sull’Acropoli.

Nel Periodo classico (500-323 a.C.), il V secolo a.C. fu l’età dell’oro di Atene. La città divenne il centro culturale e politico della Grecia. Gli Ateniesi costruirono il Partenone e altri magnifici templi sull’Acropoli.

Periodo ellenistico (323-146 a.C.) risalente a dopo la morte di Alessandro Magno, Atene entrò a far parte del mondo ellenistico. La città ha continuato ad essere un importante centro culturale e intellettuale. Nel 146 a.C. – 330 d.C. la Grecia fu conquistata dai Romani e Atene divenne una provincia romana. La città perse la sua indipendenza politica ma mantenne il suo significato culturale.

Durante il Periodo bizantino (330 – 1453), Atene divenne parte dell’Impero bizantino. La popolazione della città diminuì e fu messa in ombra da Costantinopoli, la nuova capitale imperiale. Mentre nel Periodo ottomano (1453 – 1832), Atene fu conquistata dai turchi ottomani. La città rimase sotto il dominio ottomano per quasi 400 anni.

Grecia moderna (1832 – presente). Nel 1832, Atene divenne la capitale del nuovo Regno di Grecia indipendente. Da allora la città ha subito una rapida modernizzazione ed espansione, diventando una delle città più grandi e popolose d’Europa.

6. Argo, Grecia origini storiche (8000 VIII millennio a.C.)

La nascita delle prime città antiche d'Europa
Argo antico al Peloponneso, Grecia

Origini nella mitologia greca antica: Secondo il mito Argo fu fondata da Io, sacerdotessa di Era. Fu trasformata in giovenca da Zeus per proteggerla dall’ira della moglie. Quando raggiunse Argo, riprese la forma umana e diede alla luce Epafo, l’antenato degli Argivi. Gli scavi hanno rivelato prove di insediamenti umani nell’area di Argo risalenti al periodo neolitico (5500-3000 a.C. circa).

I resti dell’età del bronzo (3000-1200 a.C. circa) includono le imponenti tombe circolari conosciute come tholoi e le rovine del palazzo miceneo a Tirinto, appena a est della città. Argo divenne un’importante città-stato durante il periodo arcaico (800-500 a.C. circa). Fu governato da una stirpe di re, incluso il re Feidone, che introdusse un sistema uniforme di pesi e misure noto come “standard argivo”. Argo giocò un ruolo importante nelle guerre persiane (499-449 a.C.), alleandosi con Sparta contro gli invasori persiani.

Età dell’oro e declino: Il V e il IV secolo a.C. furono un’età dell’oro per Argo, caratterizzata da prosperità culturale ed economica. La città fiorì come centro artistico, architettonico e teatrale. Tuttavia, il potere di Argo diminuì nel III secolo a.C. e divenne una pedina nei conflitti tra greci, macedoni e romani.

Nel Periodo romano, bizantino e ottomano Argo venne assorbita dall’Impero Romano nel 146 a.C. e rimase sotto il dominio romano per secoli. Nell’impero bizantino, Argo era un importante centro amministrativo ed ecclesiastico. La città fu conquistata dai turchi ottomani nel XV secolo e rimase sotto il loro controllo fino alla rivoluzione greca del 1821.

Argo moderna: Dopo la rivoluzione greca, Argo divenne parte del Regno indipendente di Grecia. Oggi è una città moderna con un ricco patrimonio culturale e funge da capitale della prefettura di Argolide.

7. Damasco (3000 a.c)

La nascita delle prime città antiche d'Europa
Tavoletta di Shalmaneser III, che affermò di aver conquistato Damasco Daderot / Wikipedia di pubblico dominio

Definita la “Perla dell’Est”, si ritiene che Damasco sia stata fondata nel terzo millennio a.C. Vanta una serie impressionante di architettura storica, tra cui la splendida Moschea degli Omayyadi. Divenne rapidamente un campo di battaglia tra molte grandi potenze della zona, inclusi gli Ittiti e gli Egiziani. Il faraone Thutmose III registrò la prima menzione di Damasco come “Ta-ms-qu”, un’area che continuò a crescere nel corso dei secoli.

Durante il primo millennio a.C. Damasco divenne un grosso problema sotto Aram. Gli Aramei chiamarono la città “Dimashqu” su cui fu costruito l’impero Aram-Damasco. Si dice che i re della Bibbia facessero affari con Damasco, incluso un caso in cui il re Hazael di Damasco registrò una vittoria su un re della casa di Davide. 

I Damasco non furono gli unici invasori. Infatti, nel IX secolo a.C. Il re assiro Shalmaneser III affermò di aver distrutto Hazael su un grande obelisco nero che aveva costruito. Alla fine Damasco passò sotto il controllo di Alessandro Magno che si impadronì del tesoro e coniava monete con metallo fuso. I suoi eredi controllavano le principali città, ma Pompeo Magno Conquistò l’area e la trasformò in una provincia siriana nel 64 a.C. E, naturalmente, fu sulla via di Damasco che San Paolo trovò la sua guida religiosa.

8. Gerico, Cisgiordania (9000 a.C.)

La nascita delle prime città antiche d'Europa
Gerico, Cisgiordania (9000 a.C.)

Spesso citata come la città più antica del mondo, le radici di Gerico risalgono a oltre il 9000 a.C. La città è rinomata per il suo significato archeologico e ospita l’antica Torre di Gerico, una delle prime strutture in pietra costruite dall’uomo.

9. Biblos, Libano (7000 a.C.)

La nascita delle prime città antiche d'Europa
Biblos, Libano (7000 a.C.)

Biblos, le cui origini risalgono al 7000 a.C. circa, è considerata una delle più antiche città fenicie. Il suo porto storico era un centro per il commercio del papiro, da cui il nome greco “Byblos”, associato alla parola “biblion” che significa libro.

10. Aleppo, Siria (6300 a.C.)

Il passato storico di Aleppo risale al 6300 a.C. circa. Questa città è stata al crocevia di diverse civiltà, tra cui Ittiti, Assiri, Greci, Romani e Ottomani, contribuendo al suo ricco mosaico culturale.

Esplorare le città più antiche d’Europa

Esplorare la nascita delle città più antiche d’Europa offre uno sguardo al passato e una comprensione più profonda delle forze culturali, architettoniche e sociali che hanno plasmato questi vivaci centri urbani.

Tracciando le antiche origini delle città europee, otteniamo un maggiore apprezzamento per la loro eredità duratura e il fascino senza tempo del loro fascino storico.

Cristina Giordano
Cristina Giordanohttps://appuntisulblog.it/
Ciao a tutti, sono Cristina Giordano, una blogger che si occupa di moda, viaggi, tecnologia, alimentazione e benessere.
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Articoli Correlati

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina